Come pulire e restaurare dipinti (e cornici) riportandoli alla loro iniziale bellezza

Forse il titolo che ho scelto è un po’ troppo pomposo … ma devo o no farti venir voglia di leggere questo post? 😉
Non è infatti di un mini-corso di restauro, ma quello che andrò a descrivere nel seguito sono “solo” le mie personali esperienze di restauro di quadri di famiglia (e rispettive cornici), più o meno datati nel XX secolo, … di grande significato affettivo per me, ma non penso di particolare valore economico! Non parlerò quindi di restauro di quadri di Bosch, di Picasso o di Dalì, che ovviamente richiederebbe un’analisi specifica sul singolo dipinto, lo studio dei materiali impiegati in quel periodo storico e quant’altro! Nel mio piccolo ho cercato comunque di informarmi e di fare del mio meglio … per cui penso di poter dare qualche consiglio a chi desiderasse intraprendere un percorso analogo, … suggerendogli tuttavia di non basarsi solo su questa fonte, ma di cercarne anche altre, magari più autorevoli!

Già diversi anni fa avevo ripulito alcune miei dipinti giovanili (ad olio su tela) dove era stata data a suo tempo una vernice finale che già li aveva protetti da diverse avversità ambientali (e.g. l’umidità), ma non certo dalla polvere e dallo smog. A quel tempo avevo utilizzato semplicemente della schiuma con sapone di Marsiglia (generata scuotendo, con la mano, immersa in una bacinella, dell’acqua con tale sapone naturale e delicato). Dopo avere passato sulla tela quella schiuma con una spugnetta morbida per togliere polvere e grasso, l’avevo poi rimossa con qualche passaggio di spugna inumidita d’acqua (e talvolta addirittura usando un getto d’acqua usando la doccia della vasca). Il risultato mi era sembrato decoroso ed i dipinti non si erano rovinati … anzi, le tele asciugandosi avevano riacquistato una maggior tensione.

Tuttavia ora mi trovavo di fronte a dipinti anche di inizio secolo, spesso realizzati su legno e talvolta (mi sembrava) neppure trattati con particolari vernici finali protettive. Inoltre alcuni presentavano colori ormai smorti, soprattutto quelli chiari quali i cieli. Infine, per alcuni sarebbero sicuramente stati necessari anche dei ritocchi di colore sul dipinto stesso, perché scrostato al punto tale da vedersi lo sfondo del legno o della tela. Spesso anche le cornici erano ammaccate e/o con le giunture non tagliate con quella precisione propria delle apparecchiature di taglio moderne, per cui presentavano fessure anche evidenti.
Insomma, dovevo necessariamente impegnarmi di più ed informarmi a dovere prima di procedere in una pulizia e restauro del tutto!!

Sono quindi andato nel negozio Sinopia (via Poliziano 56/A, 10153 Torino – vicino al parco Colletta di Torino) che già a suo tempo avevo utilizzato per trovare materiale utile al restauro di mobili (vedi post Appunti di restauro: sverniciare e riverniciare un mobile in legno): lo avevo infatti trovato molto fornito e gestito da persone professionalmente valide.
Descritto il mio intento al primo commesso disponibile, costui mi aveva consigliato di aspettare per parlare direttamente con il loro esperto in restauro di dipinti. Così ho fatto e, dopo aver ripetuto a quest’ultimo il mio obiettivo, le sue prime parole erano state poco confortanti: “Lo sa vero che ci sono persone che studiano diversi anni per poter effettuare il restauro più appropriato per un dipinto?“. Dopo avere ingoiato il rospo e chiarito ulteriormente i miei intenti non professionali, mi aveva quindi consigliato il loro prodotto Solva-gel,  una crema “general purpose“, da utilizzare comunque con discrezione ed attenzione. Vista (in proporzione) la minima differenza di costo tra la confezione piccola e quella grande, e non avendo idea di quanto ne avrei consumato per ripulire ciascun quadro (e neppure sapendo con precisione il loro numero), avevo preso la confezione grande da 800g: con il senno di poi, avendo constatato che minimo è il quantitativo da usare, probabilmente anche al confezione piccola sarebbe stata più che sufficiente per ripulire la mia ventina di dipinti … comunque mi aveva confortato il fatto che quel preparato “non si deteriorava con il tempo” per cui lo avrei potuto utilizzare anche dopo diverso tempo!! Sull’etichetta di quel prodotto viene indicato: “Miscela di tensioattivi e solventi organici in emulsione addensata per operazioni di pulitura“… il che non dice molto, almeno alle mie orecchie da profano! Si presenta comunque come una crema bianca, agevolmente spalmabile utilizzando una tela o un  batuffolo di cotone, essendo di una consistenza molto simile ai polish da me spesso utilizzati per pulire i mobili e rinnovarne la lucentezza.

Solva-Gel – Miscela di tensioattivi e solventi organici in emulsione addensata per operazioni di pulitura

Mi ha consigliato anche di acquistare (a poco prezzo) una latta di essenza di petrolio che, oltre a poter servire eventualmente come diluente per il prodotto precedente, poteva magari anche da solo bastare per una pulizia di alcuni dei dipinti meno “sporchi”.

Ecco nel seguito i miei consigli che mi sento di dare sulla base alla mia personale esperienza …

Innanzitutto, prima di procedere ad utilizzare quei prodotti, su ciascun dipinto conviene provare ad usarli su una piccola zona di minor interesse (e.g. un bordo o un angolo) per verificarne l’effetto, e questo quindi prima di procedere in altre parti dove l’eventuale danno risulterebbe maggiore! Tale procedura è opportuno effettuarla prima della pulizia di ciascun quadro, in quanto i colori ed i materiali utilizzati possono differire da quelli dei precedenti e quindi potrebbero sempre comunque verificarsi di potenziali effetti indesiderati. Devo dire che non ho riscontrato controindicazioni per nessuno dei miei dipinti ad olio, su tela, su cartone telato e su legno, ma questo non vuole dire …
Vista la consistenza già sufficientemente spalmabile, non ho poi reputato opportuno effettuare alcuna diluizione. Utilizzando piccoli batufoli di cotone imbevuti di un po’ di quella crema, ho proceduto a pulire a piccoli passi ogni parte di ciascun dipinto. Notando che, sebbene in minima parte, anche del colore veniva rimosso al passaggio della soluzione, colorando leggermente il batufolo inizialmente bianco, ho proceduto alla pulizia in modo da passare su zone di colore simili prima di cambiare cotone, in modo tale da non rischiare di mischiare eventualmente dei colori. Sono partito sempre dalle parti chiare, in quanto sono poi quelle dove l’operazione di pulitura si noterà maggiormente. Infine, ho prestato particolare attenzione nel ripulire la zona dove c’era la firma del pittore, talvolta inizialmente addirittura nascosta dallo sporco da renderla quasi illeggibile. Ovviamente quel materiare deve essere spalmato sul cotone in dosi minime e deve essere esportato al più presto, prima che asciughi, utilizzando magari un nuovo batufolo pulito nell’ultima passata.
Insomma, la procedure descritta è assai simile ad una che prevedesse di pennellare nuovamente singolarmente il colore di ciascuna immagine presente nel dipinto, ciascun suo colore, petalo, volto ed oggetto!

Sebbene in minima parte, anche del colore viene rimosso al passaggio della soluzione, colorando leggermente il batufolo inizialmente bianco

Confronto tra una rosa ripulita ed un’altra ancora da restaurare: nella prima è evidente il ripristino della lucentezza dei colori originari

Ho prestato particolare attenzione nel ripulire la zona dove c’era la firma del pittore, talvolta inizialmente nascosta dallo sporco e quasi illeggibile

Per restaurare un dipinto conviene toglierlo dalla sua cornice, anche qualora non ci sia un vetro, in modo tale da trattarlo interamente, anche ai suoi bordi. Inoltre, togliere il cartoncino posteriore può portare a belle sorprese, quali quella di scoprire scritti del pittore o addirittura un altro dipinto, magari di studio, realizzato sul medesimo supporto poi utilizzato dall’altro lato. Questo è quanto mi è successo togliendo dalle cornici (appunto per ripulirli e restaurarli) alcuni dipinti giovanili di mio zio, da decenni in cantina, … riportando alla luce sul retro altri dipinti di studio … forse più belli di quelli frontali! Non saranno dei Picasso, ma pur sempre dei Contini!!! 😉

Togliere il dipinto dalla cornice può portare a belle sorprese, quali quella di scoprire scritture del pitture o addirittura un altro dipinto

________

Relativamente al ritocco dei punti in cui mancava il colore e doveva quindi essere pennellato nuovamente, mi sono tornati assai utili, per risalire ai colori da mischiare per riottenere la tonalità originale presente nel dipinto, sia il libro I colori di Ian Sidaway sia la classica Ruota dei colori.  Soprattutto quel libro fornisce indicazioni assai accurate e specifiche per ciascuna tecnica di pittura (e.g. olio, acrilico, acquarello). Ovviamente sono indicazioni di massima, in quanto le caratteristiche dipendono anche dalla marca del prodotto effettivamente utilizzato … e sta poi alla sensibilità personale diluire e miscelare a dovere il tutto per ottenere davvero il colore desiderato, … o almeno uno molto simile!

I colori (Ian Sidaway): fornisce indicazioni assai accurate e specifiche per ciascuna tecnica di pittura (e.g. olio, acrilico, acquarello) [1]

I colori (Ian Sidaway): fornisce indicazioni assai accurate e specifiche per ciascuna tecnica di pittura (e.g. olio, acrilico, acquarello) [2]

Classica ruota dei colori

Nel seguito mostro un bel dipinto di mio zio che risultava rovinato in diversi punti:

L’obiettivo sarà quello di riportalo nelle condizioni originarie, cioè quelle che per ora ho realizzato nel seguito (molto più semplicemente) tramite fotoritocco: … prossimamente mostrerò il risultato reale! Per ora mi sono limitato a ripulirlo per ripristinarne i colori.

Il passo successivo sarà poi quello di utilizzare una vernice spray protettiva satinata (o brillante, a seconda del soggetto e delle personali preferenze) che contribuirà a mantenere nel tempo il lavoro di restauro effettuato.

Vernice spray protettiva satinata (o brillante, a seconda del soggetto e delle personali preferenze)

___________

Relativamente alle cornici, primo passo è quello di stuccare, con opportuno prodotto per legno, tutte le fessure e le ammaccature presenti.

Quindi, si può utilizzare sia del colore acrilico (e.g. per pitturare eventuale passe-partout in legno) sia, più convenientemente, delle vernici spry, magari dorate: si noti che esistono diverse tonalità d’oro, più o meno marcate a seconda della marca.

Vernici spry da me utilizzate per colorare d’oro alcune cornici

Nel seguito mostro alcuni risultati ottenuti:

 

____________

Annunci

Informazioni su Enzo Contini

Electronic engineer
Questa voce è stata pubblicata in Arte e Bellezza, Dipinti. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento/Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.