Fondo Telemaco: quando si può riscattare tutto?

Una volta in pensione, quanto si può eventualmente riscattare di quanto accumulato sul fondo Telemaco? E’ possibile riscattare tutto?

Questo post raccoglie info fornite da un ex-collega molto puntiglioso che ha scelto di riscattare tutto quindi penso siano affidabili anche se io non le ho verificate personalmente. Infatti io non ho ancora atto in verità nessuna operazione personalmente su Telemaco, in quanto, parlandone anche con un consulente finanziario, sono stato consigliato (se non avevo necessità urgente di quei soldi) di lasciarli al fondo  fino al raggiungimento della pensione vera per usufruire di una minore tassazione.

La regola dell’erogazione in Capitale  ovvero “se l’importo della rendita derivante dalla conversione del 70% del montante finale risulta inferiore al 50% dell’assegno sociale”  vale solo all’effettiva maturazione del requisito di pensionamento.

In caso di Isopensione il riscatto può avvenire parziale o totale. Conviene leggere le note per la Compilazione e le Avvertenze del modulo di riscatto.

_____________

Contattando via email il contact center, viene risposto quanto segue:

L’erogazione in Capitale avviene solo se l’importo della rendita derivante dalla conversione del 70% del montante finale risulta inferiore al 50% dell’assegno sociale o se il lavoratore si è iscritto alla previdenza complementare prima del 28 aprile 1993.
Nell’home page del sito del Fondo Telemaco www.fondotelemaco.it ,  si possono consultare  due motori di calcolo i quali possono fornire tutte le informazioni necessarie relativamente alla pensione pubblica e a quella complementare. Attraverso l’utilizzo dei due motori di calcolo si possono stimare i diversi valori relativi alla pensione pubblica e la pensione complementare.
Nello specifico il motore di calcolo per la rendita offre all’iscritto la possibilità di confrontare, in termini economici, le diverse tipologie di rendita offerte da Telemaco al momento del pensionamento. Inserendo il  valore della posizione maturata si rileva la possibilità o meno di percepire l’intera erogazione in Capitale, in alternativa è previsto l’obbligo di percepire fino al 50% in Capitale ed il restante in forma di rendita.

________________

Essendo attualmente l’importo dell’assegno sociale pari a 458,00 euro per 13 mensilità, per il 2019 il limite di reddito è pari a 5.954,00 euro annui e 11.908,00 euro, qualora il soggetto sia coniugato.

Per verificare se si rientra in quella regola, è necessario innanzitutto entrare nell’area riservata aderenti (1) per conoscere la propria posizione individuale (e.g. 38201,46€) che, utilizzando il motore della rendita (2),  porterebbe ad una rendita annuale lorda di e.g. 2221,53 €.

 

Tuttavia per effettuare il calcolo richiesti (i.e verificare se l’importo della rendita derivante dalla conversione del 70% del montante finale risulta inferiore al 50% dell’assegno sociale), è necessario prendere il 70% della somma in capitale  ed effettuare il conto della rendita per poi paragonarla con il 50% dell’assegno sociale:

70/100 * 38201,49 = 26741,022

Se ne deduce che 1555,07  risulta minore del 50% del reddito dell’assegno sociale cioè di 5954,00/2= 2377 per cui, nel caso di esempio esaminato, il capitale dovrebbe essere possibile riscattarlo interamente.

_________________

Possono risultare di tuo interesse anche questi post:

________________________

 

_______________

Da una brochure del 2018:

Se si riscatta subito il 100% del maturato la tassazione è del 23% mentre dopo 2 anni di inattività è 15% o meno.

 

Informazioni su Enzo Contini

Electronic engineer
Questa voce è stata pubblicata in Aziendali, Giustizia, burocrazia e malcostume. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Fondo Telemaco: quando si può riscattare tutto?

  1. Pingback: Note su pensione anticipata | Enzo Contini Blog

  2. Pingback: Come verificare che nel sito dell’INPS ci sia la domanda dell’assegno di esodo art. 4 legge 92/2012 finalizzato a pensione anticipata | Enzo Contini Blog

  3. Pingback: Come vedere se l’INPS ha predisposto un pagamento (e.g. la prima pensione/iso-pensione) | Enzo Contini Blog

  4. Pingback: Come vedere se la propria ditta ha richiesto all’INPS la verifica del diritto a pensione | Enzo Contini Blog

Lascia un Commento/Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.