L’importanza, periodicamente, di forzare manualmente l’aggiornamento delle app dei propri smartphone e PC

È sempre opportuno avere le app aggiornate, non solo perché possono aver introdotto nuove funzionalità utili o aver risolto errori (i.e. bug) che determinavano malfunzionamenti/rallentamenti in alcune circostanze, ma anche perché diversamente possono non più funzionare a dovere. Quest’ultimo è, ad esempio, il caso di app che richiedono un elevato grado di sicurezza, quali quelle istituzionali o d’istituti bancari (e.g. app IO, PosteID, IntesaSanPaolo, INGitalia, BNL) in cui esistono controlli lato server per cui se si modifica qualcosa nella logica di comunicazione, solo l’ultima versione dell’app può funzionare a dovere.
Talvolta è l’app stessa che ti invita ad aggiornarla e non ti lascia proseguire (come spesso avviene per le app di una banca), ma altre volte tale segnalazione non viene fornita pur comportando malfunzionamenti nell’app che non riesce più a operare correttamente con le nuove funzionalità offerte lato server: è questo il caso dell’app PosteID che talvolta necessita addirittura di essere disinstallata prima d’installare la sua nuova versione e vederla funzionare nuovamente correttamente!! Lo so che un’eventualità del genere non dovrebbe succedere, ma in realtà ciò talvolta avviene anche per app istituzionali e di largo utilizzo…
Insomma, conviene quindi sempre avere le app aggiornate e per questo non è del tutto sufficiente impostare, come in genere è di default, che ogni aggiornamento delle app avvenga automaticamente, perché non viene garantito il lasso temporale in cui questo avviene! Se poi si tratta di app su un telefonino, spesso è impostato di default che tale aggiornamento automatico avvenga solo in presenza di un collegamento WiFi (per non sprecare il traffico dati a disposizione e avere quindi dei costi): infatti, il pacchetto d’istallazione di un’app può avere dimensioni non irrisorie (e.g. 70 MB o più) e aggiornare qualche decina di app può comportare un inutile e potenzialmente costoso uso della banda a disposizione con il proprio bundle associato all’offerta a cui uno ha aderito! Per questo conviene in genere mantenere attiva tale opzione e magari forzare l’aggiornamento quando si è connessi a un WiFi.

Nel seguito mostro gli screenshot utili sia a verificare che l’opzione di aggiornamento delle app in automatico sia attivo e avvenga solo con connessioni WiFi sia a forzare comunque un aggiornamento manualmente andando a vedere la presenza di eventuali nuove versioni delle app installate. Noterai che molto spesso, pur avendo impostato l’aggiornamento in automatico, uno si ritrova decine di app non ancora aggiornate all’ultima versione!! 🙄🤔 Si noti infine che anche andado a ricercare nel PlayStore un’app specifica che uno ha già installato, se ne esiste una nuova versione viene mostrato un pulsante Aggiona chw ne propone l’aggionamento.

Se si possiede uno smartphone Android si deve lanciare l’app Play Store di Google, toccare sulla propria icona in alto a destra per veder comparire il menù dell’app e in particolare le sue voci Gestisci app e dispositivo e Impostazioni: con la prima si può forzare l’aggiornamento delle app di cui esiste una versione più recente (tutte o solo alcune), con la seconda si può impostare la modalità di aggiornamento automatico ad esempio solo in presenza di WiFi.
Premendo il link Visualizza dettagli nella sezione Gestisci app e dispositivo, si può visualizzare l’elenco di tutte le app di cui esiste una versione più recente ed eventualmente scegliere di aggiornare solo alcune di quelle elencate: la procedura di scaricamento delle app scelte avviene secondo criteri di ottimizzazione di tempi ma l’installazione avviene sempre per una sola per volta prima di passare alla successiva.

Lo stesso discorso vale per le app presenti sul proprio PC Windows per il quale conviene andare nel Microsoft Store, selezionare l’icona Libreria nel menù laterale (a sinistra in basso) e quindi anche qui scegliere se aggiornare tutto o solo alcune delle app elencate di cui esiste una nuova versione. Analogamente si può anche forzare la ricerca di eventuali nuovi aggiornamenti per altre app, dal momento che questo check viene effettuato per default periodicamente e può quindi succedere che l’elenco presente non sia del tutto aggiornato:

Nota bene: se per caso il processo di aggiornamento di app si blocca per diverso tempo, pur essendoci una connessione dati WiFi attiva, conviene effettuare un Riavvia il sistema (ENG: Restart) del PC (attenzione: non un Arresta il sistema!) in quanto molto probabilmente deve essere portato prima a termine qualche aggiornamento del sistema operativo.

Informazioni su Enzo Contini

Electronic engineer
Questa voce è stata pubblicata in Review e test, Smartphone OS, Tecnologia, Windows. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento/Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.