How to format and create a bootable USB flash drive (e.g. stick/pen/USB drive, memory stick)

Some years ago in a post related to useful free tools and among them I listed the Windows USB/DVD Download Tool. It allows to extract an ISO on a USB pen (greater than 4GB), avoiding to waste a DVD when you have to instal a new program or a O.S. . Moreover now PCs have no built-in DVD player so the USB pen option become really a must! That tool is quite old and refers to Windows 7 and so it requires the Microsoft .NET Framework 2.0 that is not available in WIndows 10 by default, so you could have to install it from here (choosing the version you need, possibly NetFx20SP2_x64.exe if your PC is an Intel one) as stated in this instruction.

Luckily there are now other possibilities, even though that tool can still be used after having installed the required old framework. In particular I used Rufus, a reliable USB formatting utility that is available for free from a GIT project. You can find a useful translation in italian of the instructions in this site.

Its use is anyway very simple. After choosing the USB key device, if you want to install an ISO image, you have just to select that option in the boot selection. The only possible trap is that one combo-box (step 1) is also a button so, after selecting the SELECT option, you have to click on it to have the popup windows open so you can select the proper ISO file (step 2).

After clicking START button, you are warned that all data on that USB device will be destroyed:

It may happen, if the PC where you want to install the program is quite old, that a message like the following will appear when you try to install the program (e.g. Windows 10):

 

In this case, you have to follow the instructions and recreate the boot drive using the following settings:

  • Partition scheme:MBR
  • Target system: BIOS …

Annunci
Pubblicato in Review e test, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

What to do if no administrator user is no more available on your Windows 10 PC

It may happen that for any reason no user on a PC have anymore administrator rights. It could be because of an incorrect procedure in changing user rights … as it happened to me! 😦

Usually as soon as I have  a new Windows PC, I create an admin_local user with administrator rights while I delete those rights for the default user I have logging with my Microsoft account, the default one that I usually will use to access the PC. This procedure makes the PC safer from virus/malware attack, because if something new wants to be installed when you are logged with your account with only user rights, a popup will appear asking for logging with a user with administration rights.

It happened to me to create an admin_local user and, after adding the admin role in the rules list, I misses to click on Apply or OK button before going to my Microsoft user and take it away from Administrators!! So I stayed with two users that have only Users rights!! … and so no new program could be installed 😦

Now I learned that before deleting the administrator rights to your current microsoft user it is anyway better to login with the new created user with the administrator rights so you are sure that it has got those rights in order to do that!!
Note that in the Computer Management window it is available the Local Users and Groups section only if the O.S. is Windows 10 Pro (there is not in the Home edition)

Add Administrator rights to a user (1)

Add Administrator rights to a user (2)

Note that there is always a embedded built-in administrator user BUT, for security reasons, it is not active by default so it is not listed among  possible users when you are asked to login. Therefore, it is anyway convenient to let the built-in administrator user be available and there are several ways to do it using a user with administrator rights: the easiest one is to open Windows PowerShell (Admin) and then run:

net user Administrator /active:yes

and then:

net user Administrator <Password>

substituting in the command <Password> with the actual password you want to use to sign in to the built-in Administrator account with) to set his password.
Note: if your Windows uses a different language than English, then you would need to substitute Administrator in the command below with the translation for your language instead.

You can even set the password for that user directly using:

net user Administrator <Password> /active:yes

Anyway I searched for a solution in Internet and I found the following interesting video, that seemed to tech me what I wanted to do (I had already set a proper password to the built-in Administrator user even though I still didn’t activate it): How to unlock the built in Administrator with any account on Windows 10. The instructions are clear and deals with a change, running regedit from a command prompt of some bit in the configuration of the HKEY_LOCAL_MACHINE of the current Windows 10 installation. To do that you have to have a USB Windows 10 installation and run it pressing shift hardware key while choosing the reboot option from the Start menu. However, when I tried to navigate on the C: disk, where Windows 10 was installed, I received this alert: “The drive where Windows is installed is locked“. I found on Internet several suggestions how to  unlock it but I did not want to proceed with my new Surface before calling Microsoft support on that product. So I called the italian Microsoft Surface Support call center (+39 0238591444) and I asked for help. They suggest me to reinstall the image of my Surface so doing a full recovery. Even if in this way I had to reinstall all, being that Surface new, it was quite easy for me to save the few data I had!!

In the following, the instructions (in italian) they sent me:

1) Scaricare un file immagine di ripristino:
Accedi al link : https://support.microsoft.com/it-it/surfacerecoveryimage
Scegli il modello del Surface e inserisci il numero seriale del tuo dispositivo(Il numero seriale è un codice di 12 cifre che può essere trovato sotto il computer, vicino al logo Microsoft.
Se possiede un Surface Pro o un Surface Go si troverà sotto l’aletta che utilizzi per appoggiarlo)

2) Formattare l’unità USB:
Inserire la chiavetta USB
Computer/Questo PC -> Tasto destro sull’unità USB ->  Formatta -> Assicurati che sia impostata su FAT32 e che sia selezionata “Formattazione rapida” -> Avanti.

3) Copiare i file nella chiavetta formattata:
Il file che hai scaricato è un file compresso. Quindi bisogna aprire il file.zip contenente l’immagine di ripristino > Seleziona tutti i file > Trascinali nell’unità USB.

4) Crea e usa l’immagine di ripristino:
“Come ripristinare il tuo Surface alle condizioni di fabbrica usando un’immagine di ripristino precedentemente scaricata”.
1. Assicurati che il tuo Surface sia spento e collegato all’alimentatore.
2. Entra nella schermata UEFI premendo il tasto volume più e cliccare una volta il tasto di accensione sempre tenendo premuto il tasto volume più.
Il dispositivo dovrebbe mostrare il logo Surface e dovresti vedere dei puntini rotanti di caricamento. Dopo il logo Surface, il dispositivo dovrebbe entrare in UEFI.
3. Boot configuration -> Trascina l’unità USB all’inizio della lista -> Inserisci l’unità USB nel tuo Surface -> Exit -> Clicca Riavvia.
4. Quando richiesto, seleziona la lingua e il layout della tastiera che preferisci.
5. Seleziona “Troubleshoot”, e poi seleziona “Ripristina da un’unità”. Se richiesta una chiave di ripristino, seleziona “Salta questa opzione” in basso allo schermo.
Nota: Assicurati di selezionare l’opzione “Troubleshoot” sullo schermo. Non selezionare l’opzione “Usa un dispositivo”. Se selezioni l’opzione “Usa un dispositivo”, il tuo Surface ripartirà dall’unità di ripristino USB ed il processo di ripristino comincerà di nuovo.
6. Seleziona l’opzione “Pulisci completamente l’unità”.
7. Seleziona Ripristina – Il Surface si riavvierà e mostrerà il logo Surface mentre completerà il processo di ripristino. Questa operazione può richiedere diversi minuti

Nota: Surface Pro 4, Surface Book e i modelli più recenti  mostrano la schermata Surface UEFI come una schermata bianca con diverse opzioni sul lato sinistro. I dispositivi meno recenti (Surface Pro 3, Surface 3 e precedenti) mostrano la schermata American Megatrends UEFI come una schermata nera e solo con alcune opzioni.

______________________

 

See also:

 

 

 

 

 

Pubblicato in Review e test, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

500 articoli pubblicati!!!

Questo è sicuramente il post più corto di questo blog, ma come non festeggiare di avere ricevuto la seguente notifica da WordPress?

Mi è giunta inaspettata e, anche per questo, assai gradita: non avevo mai realizzato di avere pubblicato cosi tanti post! Ridendo e scherzando sono arrivato a quota 500, … ben 5 volte la ben conosciuta (per altri motivi) “quota 100”!!

Mi sembra ieri quando, non ricevendo alcuna risposta ad una mia missiva inviata al Sindaco di Torino, prima come raccomandata e poi provandoci (sempre inutilmente) tramite email certificata, avevo deciso di pubblicarla almeno su Internet, semmai questo renderla pubblica avesse potuto servire comunque a qualcosa! Così è nato questo blog il 25/11/2011 con Lettera aperta al Sindaco di Torino. Sono susseguiti post di varia tipologia, alcuni tecnici, non solo di programmazione ma soprattutto di test e prove da me compiute. Come era nelle mie intenzioni iniziali, sono nati post sulla mia città,  Torino,  altri artistici,  di ricerca su un argomento di mio interesse, altri ancora di denuncia …

… i più penso siano stati mirati ad agevolare chi dopo di me avesse dovuto/voluto risolvere un problema, fornendogli la mia personale esperienza e sperando potesse servirgli a qualcosa. Internet,  nella sua più nobile declinazione, dovrebbe servire proprio a questo, condividere esperienze per fornire possibili soluzioni a problemi che generalmente più persone si troveranno di fronte. Spesso io stesso ho trovato una risposta sul Web ed era giusto che anch’io contribuissi. Se poi ci sono aspetti di una città  o di una società che ti piacciono o che non ti piacciono, quale modo migliore per condividere la tua personale opinione se non Internet, con il suo immenso potenziale potere di ascolto?

In questi anni ho ricevuto diversi commenti di apprezzamento ed email inviate personalmente da alcuni navigatori del blog e ciò,  ovviamente, mi ha fatto molto piacere e mi ha in qualche modo stimolato a proseguire nel mio intento. Scrivere e pubblicare un post è poi anche diventato per me una forma sia di sfogo, in alcuni momenti bui e di sconforto, sia di stimolo per nuovi interessi. La memoria poi non è più quella di una volta e talvolta mi capita di dover io stesso rivedere un mio vecchio post per risolvere nuovamente un medesimo problema.🙄

Di natura sono portato a condividere ciò che ho imparato e talvolta mi sono stupito nel vedere come invece alcuni amici o colleghi, avendo “scoperto” come ovviare ad una problematica comune, non sentissero la quasi necessità di diffonderla tra i più,  parlandone magari nei corridoi o alla macchinetta del caffè. Talvolta ho cercato di essere anche una loro voce di diffusione in azienda … anche se ciò non sempre è stato apprezzato ed ho quindi dovuto oscurare diversi post 🤔

Il numero di accessi al blog è cresciuto negli anni e, con mia meraviglia, alcuni post in particolare, sebbene siano assai datati, continuano ad essere letti da decine di persone ogni giorno!

Così come in una casa, gli oggetti si possono nascondere ma non si perdono, cosi su Internet i post e le informazioni in quelli contenute continuano a risultare disponibili nel tempo, ormai indicizzati per sempre dai motori di ricerca! … ed anche per questo cerco di tenerli aggiornati quando ho nuove informazioni.

Proprio in questi giorni poi ho ricevuto persino un invito da parte di una trasmissione radiofonica Live Social in onda su Radio Veronica One e prossimamente mi intervisteranno relativamente a questo blog!! 🙂

Lunga vita a tutti i blog personali!!!

Pubblicato in Just for fun!, Pensieri&Parole, Review e test, Ricordi, Tecnologia | Lascia un commento

Via Massari (nel tratto tra via Vaninetti e via De Marchi): trasformazione nel tempo di un’area suburbana e suo degrado in discarica abusiva

Già in un post all’inizio di quest’anno avevo evidenziato come Street View di Google possa essere utilizzato per agevolmente vedere come un territorio si sia modificato negli ultimi anni (e magari come si presenta nelle diverse stagioni). In quella occasione, mi ero soffermato sulle immagini del cosiddetto Trincerone, tra via Sempione e via Gottardo che mostravano il bosco urbano ivi presente, per tutta la sua lunghezza di diversi chilometri, ora scomparso dopo un’operazione di immotivato abbattimento di centinaia di alberi decennali. Spesso rivedere come si è trasformato un territorio negli anni può consentirci di valutare, a posteriori, quanto illuminate fossero state  certe scelte. Anche quelle immagini registrate da Google lungo il Trincerone rimarranno ad eterno ricordo di com’era quel territorio ed il prossimo passaggio della macchina di Google penso evidenzierà nel tempo lo scempio compiuto, motivato ufficialmente da un’operazione di pulizia dall’immondizia, sicuramente dovuta ma che nulla aveva a che fare con l’abbattimento di alberi.

In questo post mi soffermerò invece su un altro territorio, in via Massari,  precisamente nel tratto tra via Vaninetti e via De Marchi, sicuramente più limitato geograficamente ma che comunque ha subito, in poco più di un decennio, radicali cambiamenti: giudicate voi se in meglio o in peggio.

Purtroppo le riprese di Google non vanno più in là del 2008 per cui rimane solo il ricordo nella mente di chi, come me, percorre da decenni in bicicletta quel tratto di strada per giungere al lavoro.
Precedentemente a quanto mostrato dalle foto seguenti, cioè prima della costruzione dell’edificio dell’Agenzia delle Entrate, c’erano molteplici orti abusivi che, secondo me, non disturbavano la vista nel loro aspetto bohemian e sicuramente risultavano di utilità per chi aveva piantato alberi da frutto e coltivava varietà di verdure, pur affidandosi principalmente a pochi attrezzi da giardinaggio e alla disponibilità di sufficiente acqua piovana!
Poi un giorno le ruspe hanno raso al suolo tutto quel territorio, “ripulendolo” non solo dalle barriere di recinzione (quasi sempre ricavate da prodotti di scarto e quindi non certo belle … seppur spesso accettabili in quel contesto di favelas), ma anche da alberi da frutto e quant’altro. Ciò che era rimasto, anche se ripreso dopo anni da quel lavoro di “pulizia”, appare nelle più vecchie registrazioni di Street View che risalgono al 2008. Nel seguito mostro le immagini da tre punti di osservazione (via De Marchi; via Massari,  angolo via De Marchi; via Massari,  angolo via Vaninetti) limitandomi a riportare solo quelle del 2008, 2011 (nel primo caso sia ad aprile sia a settembre) e 2018 in quanto penso diano sufficientemente idea del cambiamento, sebbene ce ne siano anche disponibili online altre per date intermedie.

______________________________
via De Marchi

via De Marchi – 2008

via De Marchi – aprile 2011

via De Marchi – settembre 2011

via De Marchi – 2018

______________________________
via Massari,  angolo via De Marchi

via Massari,  angolo via De Marchi – 2008

via Massari,  angolo via De Marchi – 2011

via Massari,  angolo via De Marchi – 2018

______________________________
via Massari,  angolo via Vaninetti

via Massari,  angolo via Vaninetti – 2008

via Massari,  angolo via Vaninetti – 2011

via Massari,  angolo via Vaninetti – 2018

Sicuramente le strutture sportive hanno indubbiamente una loro funzione anche sociale, ma non si può non notare con dispiacere come le pareti metalliche escludano alla vista non solo il campo di gioco, ma anche tutto il paesaggio circostante, comprese le montagne all’orizzonte. Viene da chiedersi: per la tipologia di partite giocate, era proprio necessario avere quelle pareti per impedire completamente la visuale? Personalmente non mi sembrano così utilizzati, tanto meno per partite “importanti”, … ma forse sono io che passo sempre di lì in orari non idonei! Comunque solo poche settimane fa proprio in quel tratto di via Massari si era creato un piccolo torrente da una tracimazione della bealera Putea: proveniente da un lato di uno dei campi, si riversava nella via, allargandola in parte per poi riversarsi in un tombino un centinaio di metri distante. L’evento è durato almeno quattro giorni (avendo io stesso notato e segnalato l’accaduto il giovedì 19/8/2019 con prosecuzione fino al lunedì 2/9/2019 compreso) senza che, almeno apparentemente, nessuno si preoccupasse di molto! Mi sembra un segnale di mancanza di un adeguato controllo su quei campi anche durante un week-end estivo.

Tracimazione della bealera Putea

Comunque il problema più sostanziale non è relativo alla copertura del panorama o alla mancanza di un adeguato controllo su quelle strutture, ma ben altro: infatti, la zona limitrofa ai campi è diventata da tempo un punto di discarica illegale e l’immondizia ivi presente cresce di mese in mese, oramai parzialmente coperta dalla vegetazione che negli anni ha ripreso quel territorio non edificato, lasciato abbandonato ed inutilizzato da più di un decennio.

Per me che passo ogni giorno in bici per andare al lavoro e vedo il progressivo degrado, fa molto specie che sia le forze dell’ordine sia i servizi di smaltimento rifiuti facciano finta di nulla e nessuno intervenga. Proprio stamattina ho incrociato (come spesso avviene, avendo la loro base proprio a poche centinaia di metri) un furgone della Cooperativa Arcobaleno che si occupa anche di recuperare materiali ingombranti: va bene che abbiano il mandato di prendere immondizie diverse, ma possibile che nemmeno loro, che lavorano nel settore, non possano segnalare alle autorità competenti la presenza di quella notevole quantità di rifiuti illegalmente scaricati ed in continua crescita?

Comunque l’intervento dovrebbe essere, a mio parere, non solo di risanamento di quel territorio, eliminando le immondizie accumulatesi in questi ultimi dieci anni, ma anche di riqualificazione, trovandone un utilizzo socialmente utile.
Un qualsiasi territorio abbandonato è per natura stessa destinato al degrado e all’attacco di quella parte di popolazione irrispettosa di un bene comune: spesso immondizia richiama immondizia, perché anche degli insospettabili sono portati ad unirsi a quei vandali, mettendosi l’anima in pace perchè “tanto anche altri lo fanno“. Se viene invece utilizzato, un minimo di controllo risulta automatico.
Ripensando al passato, si potrebbe, ad esempio, pensare di predisporre aree di coltivazione, questa volta legali ed attrezzate, ad esempio affittate direttamente dal Comune a residenti che le richiedano. La crescita di orti urbani è in continua crescita anche a Torino grazie ad iniziative sia pubbliche (e.g. nel parco Colletta nella zona dove un tempo c’era un campo nomadi; Orti Dora) sia private (e.g. Lidl di via Bologna (*); Bunker). Per maggiori informazioni sugli orti urbani attualmente presenti a Torino, puoi vedere la pagina apposita nella sezione torinogiovani del Comune di Torino. Tra l’altro, proprio in quel sito viene indicata la presenza già di orti urbani in un altro tratto di via Massari (Orto Collettivo Massari) per cui potrebbe essere una estensione di quella medesima iniziativa.

Ho contattato l’URP di Torino per renderli al corrente della descritta situazione rifiuti, semmai non fosse già nota: generalmente riescono a dirottare le segnalazioni dei cittadini alle autorità competenti. L’hanno infatti subito inoltrata a ciclorifiuti@comune.torino.it.

Attendo quindi speranzoso un loro intervento …

____________________

P.S. 28/10/2019

Ho aspettato diverse settimane sperando che fosse solo questione di un po’ di tempo.
Rendo invece noto che dopo pochi giorni dalla segnalazione dell’URP, soltanto il un gruppo di rifiuti (che debordava addirittura su parte della strada) è stato rimosso.
Permangono invece a tutt’oggi le altre decine di rifiuti altrettanto ingombranti e taluni sicuramente più inquinanti (e.g. monitor, apparati elettronici, altri sacchi neri sigillati e quindi di dubbio contenuto): seppur non occupino il selciato stradale, risultano tutti chiaramente visibili in quanto distano dal bordo spesso meno di un metro.
Ho segnalato nuovamente  … stiamo a vedere  :-/
La risposta c’è stata in giornata …. ma non è stata proprio quella che uno può augurarsi: quel suolo non è pubblico per cui se l’immondizia non giace sulla strada, il servizio AMIAT non interviene: esula sul potere di intervento del servizio rifiuti del Comune. Non resta quindi che aspettare che le intimidazioni di procedure di sanzione abbiano il loro effetto … o che l’immondizia si sposti da sola di un metro o due. C’è quindi da sperare che la popolazione incivile almeno scarichi i prossimi rifiuto almeno sulla strada … 😦
Pubblicato in Fotografie, Giustizia, burocrazia e malcostume, Torino e dintorni | Lascia un commento

Cosa fare se ti viene rubato/perdi lo smartphone … e cosa conviene fare prima che eventualmente ciò possa succedere!!

Può succedere che si perda il cellulare o ci sia sottratto senza che nemmeno ce ne accorgiamo! I mezzi pubblici ed i luoghi di incontro (e.g. Pub, concerti) sono sicuramente quelli più a rischio, ma lo sono anche i luoghi di villeggiatura dove talvolta uno è portato ad “abbassare la guardia” (e.g. in spiaggia, al ristorante) … e dove invece sarebbe necessario porre maggiore attenzione!

Oggigiorno lo smartphone è diventato un oggetto a cui spesso abbiamo affidato il compito di memorizzare informazioni utili/indispensabili oltre che sensibili. Credenziali di accesso, metodi di pagamento, foto e messaggi personali, … tutto perso (ed in mano di ignoti dai propositi non certo affidabili) se non ci si pensa per tempo!

Nel seguito mi soffermerò nell’analisi considerando principalmente uno smartphone Android  sebbene molte considerazioni siano generali ed applicabili anche per gli iPhone, sebbene i servizi Apple siano poi differenti.

_____________________

Cosa fare PRIMA

Nel seguito un elenco, non esaustivo (ma penso comunque utile) delle cose che sarebbe bene fare prima, non appena configurato un nuovo smartphone. Alcune di queste best practice sono utili anche al di là del possibile furto, tenendo conto che uno smartphone può rompersi in ogni momento e comunque prima o poi verrà probabilmente sostituito con un modello nuovo … e sicuramente almeno in quel frangente si vorranno recuperare e trasferire tutte le informazioni utili!

  1. Impostare un PIN di blocco sia per la SIM sia per l’accesso al cellulare: esistono sezioni apposite negli smartphone di tutti i sistemi operativi e di tutti i produttori che consentono di impostare queste modalità di blocco . Spesso esistono metodologie anche alternative per lo sblocco del telefono (non per lo sblocco SIM richiesto unicamente ad ogni accensione), quali le impronte digitali o il riconoscimento facciale. Se sul primo nutro una sufficiente fiducia, sul secondo io personalmente non mi affiderei troppo … vedete voi.
  2. Memorizzarsi da qualche parte (non solo sul cellulare!!) il numero IMEI che identifica univocamente il telefono: questo è presente sia sulla scatola del telefono sia sul telefono stesso (e.g. dove si mette la SIM, sul retro, sotto la batteria) sia in una sezione delle Impostazioni (e.g.  Impostazioni -> Informazioni sul telefono -> Stato -> Informazioni IMEI) sia digitando con la tastiera telefonica la sequenza di caratteri *#06# (modalità utilizzata da sempre, anche quando i telefoni non erano smartphone). Può risultare utile il seguente articolo: Come Trovare il Codice IMEI di un Telefono Cellulare. L’IMEI permettere sia di bloccare la linea sia di identificare e bloccare l’apparecchio in caso di smarrimento/furto.
  3. Impostare il Backup periodico in automatico dello smartphone, generalmente utilizzando la funzionalità apposita fornita dal costruttore (sezione Impostazioni -> Account e backup -> Backup e ripristino). Si noti che questo backup comprende solo una sincronizzazione periodica delle impostazioni correnti del telefono dei dati relativi alle app installate (eventualmente se ne possono escludere), non necessariamente di tutti i dati presenti sul dispositivo.
  4. Impostare il salvataggio automatico delle foto scattate (ed eventualmente di altri file) in un cloud, magari attivando l’opzione che lo limita solo quando si è connessi ad un Wi-Fi per non vedere consumato il proprio traffico dati in bundle. Sicuramente affidabili sono i cloud di Google (Drive) e di Microsoft (OneDrive) ma anche ciascuna ditta costruttrice fornisce la possibilità di collegare i propri smartphone ad un loro cloud (e.g. cloud Samsung, Xiaomi). Ovviamente lo spazio dati fornito è limitato (e.g. 5 ÷ 15GB) ma si può estendere a pagamento … ed il costo annuale non è poi così elevato: anzi, probabilmente risulta più conveniente (e soprattutto più sicuro) che acquistare un Hard Disk esterno su cui effettuare il backup dei propri dati/foto. Si tenga conto che i dati presenti su un Cloud sono generalmente garantiti al 99,9999%  per cui  si può essere sicuri che non verranno mai persi. I Cloud seri, hanno già intrinsecamente un meccanismo di backup interno che tiene conto anche della possibilità di eventi catastrofici, quali la completa distruzione di una delle centrali dati, e per questo vengono interessate centrali collocate su territori geografici assai distanti tra loro. Altrettanto non si può dire sulla sicurezza garantita da un HD di un PC od esterno su cui uno può scaricare periodicamente in locale i file (e.g. le foto), così liberando spazio online sul cloud in modo da non superare i limiti stabiliti per una gestione gratuita: può bastare una caduta o un malfunzionamento, che i dati memorizzati non si riescono più a leggere! Per dare un’idea dei costi attuali per poter utilizzare un Cloud “serio”, si pensi che Microsoft offre un piano Office 365 Home che per 99€ (di listino ma si trova anche a molto meno … ad esempio ho visto che ora su Amazon costa 72€)  all’anno fornisce a 6 utenze (diversi account Microsoft) sia 1000 GB ciascuno (per un totale di 6 TB) sia Office (per PC o Mac).
  5. Se si utilizza un programma per memorizzare le password e/o informazioni riservate in modo crittografato, prevedere un meccanismo di sincronizzazione di quei dati in un Cloud, in modo da poter recuperare comunque quelle preziose informazioni, in ogni circostanza (e.g. furto, rottura del dispositivo). Vedi il post How to save passwords securely and standardly, sharing them with all your devices.
  6. Collegare sia i contatti ad un servizio online e non semplicemente memorizzarli nella SIM o nel telefono: analogo discorso per calendario e e-mail. Esistono diversi servizi gratuiti per gestire una rubrica ed un calendario di appuntamenti. Anche in questo caso ci sono soluzioni fornite sia da grandi attori del mondo informatico quali Google (Gmail, Calendario, Contatti)  e Microsoft (Mail Outlook , Calendario Outlook , Persone Outlook) – disponibili sia accedendo con un browser sia come app (e.g. Outlook, Gmail) che spesso racchiudono tutte tre le funzionalità – sia da altre realtà che gestiscono mail (Yahoo) quali i network provider (e.g. Libero, Mail TIM) e talvolta soluzioni fornite dai produttori degli smartphone stessi, generalmente accessibili solo da app (scaricabili magari solo dal loro Store, oltre che dal Play Store (e.g. Samsung Mail) sebbene spesso si limitano a presentare i dati forniti da altri provider. Il mondo Apple poi fa uso del suo Cloud iCloud che non conosco in dettaglio ma mi sembra orientato principalmente al suo mondo e non esistano app di Apple sul Play Store rivolte ad una apertura verso il mondo esterno (sebbene esistano app di terze parti che in parte lo consentono – e.g. Sync for iCloud Contacts).
  7. Autenticarsi sia tramite il proprio account Google (indispensabile anche per poter accedere e scaricare app dal Play Store appunto di Google) sia tramite l’account del costruttore. Entrambi forniscono servizi che possono tornare utili anche quando si perde lo smartphone (e.g. farlo suonare; vedere approssimativamente su una mappa dove si trova in quell’istante e dove è stato precedentemente, ovviamente qualora sia/sia stato connesso ad Internet; fornire dati associati relativi allo smartphone quali il suo IMEI e lo stato di carica della batteria).
  8. Mantenere attiva sia la localizzazione (GPS) sia i servizi di localizzazione del dispositivo, per default presenti in ogni dispositivo Android (vedi i post How to see where you went in a specific day and possibly disable Google default tracking of your current position; How to stop seeing merged location data among several google accounts (e.g. those of family members that you possibly registered on your smartphone too) Ovviamente uno deve essere consapevole che mantenere attivi questi servizi di localizzazione può potenzialmente servire ad altri attori per conoscere le tue abitudini e sfruttarle, probabilmente in modo aggregato, per diverse finalità (e.g. marketing): comunque già l’uso di un qualsiasi browser non in forma privata (come generalmente avviene) già fornisce indicazioni assai lesive da un punto di vista della privacy (vedi post Navigazione in incognito/privata da Edge, Chrome ed Internet Explorer) per cui attivare quei servizi non mi sembra modifichi sostanzialmente la situazione! Le impostazioni di localizzazione remota sono presenti nelle impostazioni relative al proprio account Google, raggiungibile dal proprio avatar in alto a destra quando con un browser si naviga su qualche servizio di Google  ad esempio Gmail o Maps (Impostazioni Google -> Sicurezza -> Localizza questo dispositivo da remoto –  Consenti blocco e cancellazione da remoto).
  9. Impostare il backup automatico periodico in WhatsApp, qualora si usi questo sistema di messaggistica anche per uno scambio di informazioni che si desidera mantenere nel tempo: Impostazioni -> Chat -> Backup delle chat. Nota che si devono accettare le richieste di autorizzazione che vengono proposte affinchè tale backup possa essere eseguito su un Cloud (e.g. Google Drive). Comunque, in generale, sarebbe comunque opportuno salvare diversamente le (poche) informazioni utili e quindi cancellare periodicamente tutti i thread di messaggi che occupano solo risorse: infatti,  i messaggi di WhatsApp (soprattutto quelli multimediali quali video, foto e audio-messaggi) notoriamente sono una delle prime cause di inutile occupazione della memoria di uno smartphone!
  10. Condividere la posizione del telefono con almeno un’altra persona (e.g. un familiare) da eventualmente contattare (vedi How to share current position among family members (especially useful for elderly people, kids, teenagers)). Può infatti tornare utile, non trovando più  il telefono, chiedere ad un familiare di vedere dove si trova … e scoprire di averlo lasciato nell’auto posteggiata! Ovviamente la precisione della localizzazione è quella del GPS, spesso di pochi metri su spazi aperti e quindi sufficiente: se si trova in un locale chiuso dove il segnale GPS non arriva, comunque si ha informazione (temporalmente definita) dell’ultima posizione rilevata e ciò è ciò che basta. Insomma, il consiglio relativo a questo punto può  tornare utile ma ovviamente non è indispensabile!
  11. Effettuare il backup in un Cloud anche dell’eventuale configurazione personalizzata del launcher specifico utilizzato nello smartphone precedente, se si era scelto di non utilizzare quello predefinito dal costruttore (vedi post How to make your Android smartphone looks like a Windows 10 Mobile device, using a custom launcher).

Nel seguito un elenco, non esaustivo (ma penso comunque utile) delle cose che conviene fare dopo che non si trova il proprio smartphone:

  • Verificare che effettivamente sia stato rubato/perso (e non sia magari invece in qualche tasca della borsa o in macchina! vedi punto 8 e punto 10): a tale scopo conviene cercarne la posizione (vedi punto 8 e punto 10) e/o chiamare il proprio numero con un qualsiasi telefono o (se non se ne ha uno a disposizione, ma solo un PC) farlo squillare tramite le funzionalità generalmente fornite, accedendo con il  proprio account, sul web del costruttore dello smartphone. Ovviamente sul telefono ci si deve avere impostato l’autenticazione come dal punto 7 indicato precedentemente.
  • Effettuare il blocco delle funzionalità del telefono, sempre possibile agendo sull’interfaccia del sito del costruttore. Spesso viene consentito anche di cancellare da remoto tutte le informazioni in esso contenute, operazione ovviamente da fare dopo che si è persa ogni speranza di recuperarlo! Nel caso di uno smartphone Android, la cancellazione da remoto di tutti i dati presenti in esso può avvenire collegandosi alla sezione di Gestione Dispositivi di Google. Ovviamente, una volta cancellato, quello smartphone non sarà più rintracciabile tramite il servizio di Google.
  • Telefonare al servizio clienti del proprio provider e bloccare la SIM: ovviamente si deve fornire il proprio numero telefonico che è bene conoscere a memoria anche se uno generalmente non si telefona! La seguente pagina di Altro Consumo può risultare utile per sapere come cosa fare a seconda del provider:
    Devi bloccare la Sim? Cosa fare con i vari operatori.
  • Cercare di rintracciare il proprio telefono utilizzando i metodi forniti sia da Google sia dal costruttore (vedi punto 7 e punto 8). Se non riesci a localizzare il telefono da remoto, probabilmente il dispositivo è stato spento/disconnesso da Internet o nelle sue impostazioni non erano state precedentemente attivate correttamente le impostazioni relative alla localizzazione remota.
  • Effettuare la denuncia presso le forze dell’ordine (Carabinieri o Polizia). Avere questa denuncia risulta indispensabile per poi poter richiedere al proprio operatore telefonico una nuova SIM associata al precedente numero. Inoltre risulta assai conveniente fornire nella denuncia anche il codice IMEI del telefono sottratto, in modo che possano essere effettuate le procedure adeguate per bloccare un suo utilizzo improprio. Se non si era provveduto a salvarsi per tempo il valore dell’IMEI (vedi punto 2), può essere comunque ancora possibile recuperarlo dalle informazioni rese disponibili dal portale del produttore, sempre che ci si sia precedentemente autenticati in quello smarphone con le proprie credenziali per del costruttore (e.g. credenziali Samsung). (vedi screenshot nella sottostante sezione Samsung portata come esempio).
  • Andare presso un centro del proprio provider per richiedere una SIM con lo stesso numero precedente. È possibile ottenerla solo se la precedente era intestata alla medesima persona e se risulta presente la denuncia del punto precedente.
  • Durante la procedura di installazione del nuovo smartphone, optare per il recupero dell’ultimo backup effettuato con lo smartphone precedente e salvato in un Cloud (probabilmente quello fornito dal costruttore) (vedi punto 3). Verranno installate le app precedentemente installate con potenzialmente anche le impostazioni salvate.
  • Configurare i contatti, il calendario e le e-mail collegandosi ai relativi server precedentemente utilizzati (e.g. Google, Microsoft) (vedi punto 6). In questo modo si avranno nuovamente a disposizione tutti i numeri telefonici e quant’altro.
  • Configurare WhatsApp, ripetendo la procedura di verifica del numero telefonico associato che prevede una ricezione di OTP (One Time Password) via SMS. Verrà richiesto se si desidera recuperare i messaggi di cui precedentemente si era fatto il backup (vedi punto 9).
  • Configurare l’eventuale launcher specifico utilizzato nello smartphone precedente, recuperando il backup relativo alla personalizzazione che si era effettuata. (vedere punto 11)
  • Configurare il programma utilizzato per di salvataggio delle password agganciandosi al file crittografato precedentemente salvato in un Cloud (vedi punto 5).

__________________________

Google – https://myaccount.google.com/security

 

__________________________

Samsung – qualora lo smartphone sia di quel produttore ed uno si sia registrato in esso con il suo account Samsung: analoghi servizi sono forniti da altri costruttori quali Xiaomi, Huawei, Sony).

 

___________

Microsoft – qualora lo smartphone sia un Windows 10 Mobile o anche solo si sia registrato sullo smartphone il proprio account Microsoft per poter utilizzare delle loro app (e.g. OneDrive, Outlook, Notes). Nel secondo caso, le informazioni fornite saranno ovviamente minori non avendo Microsoft completa visibilità delle informazioni del sistema operativo proprio di un altro costruttore.

 

____________________________
Link utili

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Review e test, Smartphone OS, Tecnologia | Lascia un commento

ViviBici: l’opzione gratuita di Coopvoce che converte ogni Km in bici in Giga sul tuo telefonino

Fa sempre piacere scoprire iniziative, seppur commerciali, mediatiche e pubblicitarie, che tendono a favorire chi usa la bicicletta per gli spostamenti. Già avevo scritto un post elogiando iniziative di alcuni singoli negozi a Torino: Ottime iniziative di alcuni commercianti di Torino per favorire chi utilizza la bicicletta.

Penso infatti che sia corretto “premiare” chi sta compiendo un atto socialmente utile per tutti, perchè contribuire a non inquinare (anche nel piccolo) è oggi sempre più importante. Anche questo contribuisce a portare quel cambiamento di pensiero che risulta indispensabile per rallentare o, si spera, invertire quel processo di degrado dovuto all’inquinamento procurato dall’utilizzo di mezzi di locomozione a motore.

Questo post riguarda l’iniziativa che da un po’ di tempo CoopVoce sta pubblicizzando: ViviBici.
Se si è loro clienti, basta sottoscrivere gratuitamente al servizio ViviBici scaricando l’app ViviBici sul proprio smartphone e inserendo il tuo numero di telefono nella sezione “Servizio ViviBici“.
Tra le condizioni generali del servizio si legge: “Grazie alla App ViviBici ogni Km accumulato in bici, chiamato “Km Voce”, sarà convertito giornalmente in 20 MB fino a un massimo di 10 GB aggiuntivi al mese. Il traffico aggiuntivo, corrispondente ai Km registrati dall’App e conformi ai criteri impostati per evitarne un uso improprio, sarà accreditato giornalmente entro le ore 10.00 del giorno successivo. I GB accreditati pedalando non scadono e vengono consumati per primi rispetto ai GB previsti dalla tua offerta CoopVoce“.

Anche dallo smartphone stesso si può accedere alla pagina che descrive il servizio … e che propone di abbonarti con loro, se ancora non sei cliente, per poter aderire all’iniziativa ViviBici. Insomma una forma di pubblicità niente male!

“Regalare” dei Giga in più ai clienti oramai è una consuetudine di tutti gli operatori, anche quelli virtuali come CoopVoce, ma la politica di favorire chi usa mezzi di locomozione non inquinanti penso sia particolarmente educativa soprattutto per i giovani che probabilmente sono i maggiori utilizzatori di Giga!

Peccato che l’iniziativa di ViviBici mi sembra non includa anche quella di andare a piedi, altrettanto premiabile rispetto a quella di utilizzare la bicicletta. Inoltre, dai commenti presenti sul Play Store e dalle valutazioni non sempre buone, sembra che l’app possa presentare ancora problemi: i Km conteggiati sembra siano una minima parte di quelli fatti (sebbene compiuti rispettando le regole di velocità) ed inoltre si verificano crash che comportano la perdita dei Km precedentemente conteggiati. Speriamo che le prossime versioni dell’app risolvano tutti i problemi tecnici ancora esistenti, sicuramente fastidiosi sebbene l’iniziativa risulti gratuita!

Infine, spero che, sulla scia di questa iniziativa, anche altri operatori provvedano a proporre iniziative promozionali analoghe, ormai agevolmente gestibili tramite app non particolarmente complesse!

__________________________

Link utili

Pubblicato in Bicicletta, Just for fun!, Torino e dintorni | Lascia un commento

Come acquistare un’app nel Play Store applicando un codice promozionale

Può essere che uno abbia avuto, ad esempio dallo sviluppatore di un’app, un codice promozionale per poter installare e provare gratuitamente la sua app a pagamento presente nel Play Store.

All’atto dell’acquisto è necessario in questo caso non premere subito il pulsante Acquista ma selezionare innanzitutto la freccia relativa alla scelta delle modalità di pagamento che si intende adottare:

A questo punto si accede alla sezione relativa alla scelta del metodo di pagamento che comprende anche la voce “Utilizza codice“:

Effettuando quella scelta, risulta così possibile inserire il codice promozionale/carta regalo ricevuto … e quindi procedere con l’acquisto!

Pubblicato in Review e test, Smartphone OS, Tecnologia | Lascia un commento