Tips about solving problems in submitting data in a form

Very often you are asked to insert data in a forms to send some data to a site, possibly to register yourself somewhere or to buy something or to declare something.

Unfortunately not all sites are done in the proper way in order to show whatever input error the user can do providing the requested information. Too often most of the possible input errors are handled by a global try & catch clause that shows the user a generic error due to a generic problem encountered … and that does not help at all to understand what you should do to finally have that form submitted!!
For more, too often that generic error message shows a wrong cause that let the user try again and again without no success.
That was the case of the form set by Fujifilm in its Fujifilm connect site, that a user have to fill in order to claim a cashback for having bought some professional Fujifilm lenses. In that form you have to put some information like your personal data, the date of purchase, upload both the receipt and a photo of the serial number of the bought lens.
I did it but I always received, submitting the form, the following error: “The system is unavailable! Try again!“.

Generic (and wrong) cause error when I submitted the form data

I inserted all the mandatory fields (stressed by the * symbol), loaded all the requested files and checked all the agreement they requested from me. Supposing that the shown error was not the right one, I even tried both to use the date icon to set the purchase date, in order the format of the inserted date would be set as they would like, and to save the photo of the serial number on the lens as a low quality/size file. No way to get that form submitted!!

All mandatory fields were inserted

The data was inserted using the data icon in order to be sure that the format was the one they expected. All the requested files to be uploaded set.

Finally the problem was in the file name of some of the files I had to upload (for that SW they were possibly too long or with blank characters: WP_20190306_21_46_49_Pro_low.jpg , Invoice Fujifilm Fujinon XF 100-400mm CONTINI ENZO.pdf): in fact, when I set their name as simpler as possible (e.g. file1.jpg, receipt.pdf) the submission worked fine!!! Therefore the error The system is unavailable! Try again!” was a completely misleading indication …

_______________________________

Therefore, if you get some error in submitting a form in a site, whatever error is shown to you on the screen, do not believe that necessarily that is the real cause of the problem and try the following:

  • Check to have inserted all the mandatory fields (usually stressed by the * symbol)
  • Check to have checked all the agreements they request
  • Use the possible available date icon to set a date, in order to be sure its format is the one they want (e.g. DD/MM/YYYY)
  • If there are files to be uploaded, please
    • let them be at a low size (e.g. less than 500Kb) possibly using an image editor,
    • let their name be as simpler a possible (few chars, no special characters or spaces),
    • try also to have them with a different file extension (e.g. doc, pdf, jpg).
Pubblicato in Just for fun!, Review e test, Tecnologia | Lascia un commento

Windows 10: how to set a default app for email, web browser and more

Sometime some friend ask me how to let Windows 10 choose the more appropriate app for you when you click on a file with a specific extension (e.g. a .jpg photo).
Windows 10 has its default apps but possibly they are not all the ones you would like. For example, you would like to use Outlook to open an email and not the Mail app as it is configured by default.
In particular, if you use Outlook desktop application as your preferred email client, it is annoying to get Mail app open every time you click on a new email notification from the Notification panel. However notifications in that panel comes from all the running app/applications: so, at the reception of a new email, you will receive a notification from both Mail and Outlook 2016. Note that the notification from Outlook 2016 will arrive only if that desktop application is running, while the one from Mail app comes anyway, even though that app was not launched before.

A notification from Outlook 2016 will arrive only if that desktop application is running

The notification from Mail app comes anyway, even though that app was not launched before

Furthermore note that you could use Outlook app, from a Office 365 subscription, as a mail client and not the free Mail app, usually available on every Windows 10 device.

In the following the few steps to let for example change the default application for email.
The procedure is very easy but I notice that possibly it should be repeated after some major Windows 10 update.

The same page could be reached also from the Control Panel desktop application, going to Programs section and then to the Default Programs one:

Clicking on the proper section (e.g. the Email one), you can then choose the default application: note that anyway, right clicking on a file, you can always choose a different application to open whatever file.

Pubblicato in Review e test, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

That’s a Mole: in attesa di una prossima edizione, alcune rielaborazioni di opere proposte in passato ;-)

Anni fa avevo scritto il seguente post relativo al concorso internazionale That’s a Mole: That’s a Mole!! Bella iniziativa a cui partecipare … 😉

All’inizio del 2019 c’è stato un analogo concorso il Concorso internazionale d’illustrazione Bo it! alla prima edizione … direi “copia” di quello That’s a Mole. Quest’ultimo, giunto lo scorso anno alla 5 edizione, quest’anno (a quanto ho inteso) non si farà, penso per mancanza di adeguati finanziamenti 😦
Si legge invece (e.g. http://www.bo-it.org/chi-siamo) che l’analogo concorso di Bologna, pur essendo alla prima edizione, ha ottenuto contributi da parte sia della Fondazione del Monte sia della Coop oltre ad essere sostenuto tra l’altro dal Comune di Bologna.

Personalmente trovo che la forma della Mole di Torino sia decisamente più particolare e suggestiva rispetto a quella proposta delle due torri di Bologna … e quindi più idonea per ispirare gli artisti! Speriamo dunque che la bella iniziativa di That’s a Mole riprenda il prossimo anno, grazie magari anche ad una maggiore attenzione da parte delle realtà locali …

Nell’attesa, pur avendo schizzi per diverse nuove idee da realizzare, mi sono per ora divertito a dare nuova e più completa forma alle proposte che avevo, due edizioni fa, inviato a quel concorso.
Ve le propongo in quanto poter spaziare su tutta una tela, oltre i confini del profilo della Mole, ovviamente lascia ancora maggiori libertà espressive 🙂 Per vedere com’erano originariamente, basta che vai al precedente post relativo a questo concorso!!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

How to access private data of a Windows 10 app (e.g. how to set last backup file of All My Password app that does not work anymore with the OneDrive cloud)

Since this year, an app I bought from the Microsoft Store (All My Password) does not work properly because it is not able anymore to do a backup on a cloud (i.e. OneDrive) of its encrypted data. As you can immagine, an app for saving passwords that cannot allow neither to do a backup of its data nor to synchronize them among different devices (e.g. PCs, smartphone) is not useful at all!

All My Password was very basic also from the design point of view but till 12/2018 it worked as I expected. Instead now the Windows 10 PC  version crashes as soon as I try to access my OneDrive area to do a backup, while the Windows 10 Mobile version (for smartphones like Lumia 950XL) there are not displayed anymore the Upload/Download buttons (possibly shown only when there is an active connection with OneDrive). In both cases the result is the same: no backup and synchronization is possible anymore!! 😦
Note that that app was not a UWP one even though both have a similar user interface, so there are two different versions, one for mobile another for PC.

It is really a pity that the developer does not support that app and give no answer to people (like me) that bought it and ask for some help for this bug! Neither the support site nor the developer email shown in the page related to that app in the Store, are valid anymore!! I tried to post a message even in the Facebook site of EngAsh Digital providing information and screenshots of the problem … no way to get an answer!! 😦
I can understand that may be that app in the Microsoft Store could be bought only by few users … but that does not justify the misbehavior of that developer!! 😦

As usually happens, the more updated data were on my smartphone and I did the backup on the cloud only few months ago: however  I did not update on my PC where I rarely use that app! So, the most updated dato are on the Lumia 950XL, then on OneDrive the data saved few months ago, finally on the PC very old version of one year ago! The data are locally saved by the app in his storage and not externally the file system …
So how to proceed? How to recover the most recent data and manually insert them in another more serious app? How to access to the memory of the app to recover the locally stored data or, at least, substitute them in the PC with the more recent file available in OneDrive?
I think that similar situations can happen also in other cases, for an other app, … so the following procedure could be useful to someone else.

On a Windows 10 Mobile device it is not possible to access to the app data available in the local storage because it is private for security reasons. In fact that private data are not exposed as it happens for other public libraries (e.g. Documents, Photos): only the developer can access them using specific tools that works only when the app is manually loaded by the developer for testing (so, it is not installed from the Store).

On the contrary it is possible to access to local data in the PC version of an app. In this site it is shown how to access where Windows Store Apps are installed & how to access that folder, showing hidden directories and modifying user rights for a specific one.
However that is not the place where apps save their local storage. You need to go to the
%localappdata%\Packages\<Package_Family_Name>
folder to get the data for a specific <Package_Family_Name> app.
If you type the  %localappdata%\Packages\ string in a PC File Explorer, it will be valorize the %localappdata% system variable: in my case it shows the C:\Users\conti\AppData\Local\Packages directory.
Then if you want to explore the data of a specific app, you have to search the associated subdirectory (e.g. 57908EngAshDigital.AllMyPasswords_wk8kf0avr0eee for the app AllMyPassword of EngAshDigital). For that specific app, the searched backup data are in the Do_Not_Delete_Or_Edit_Me.txt file, the file with the same name of the backup file on OneDrive.

Therefore, I substituted that old file with the one available on OneDrive (backup of the smartphone app data, updated only few months ago), so now I can see that newer data running the app on the PC: from here it is easier to do a cut & past for saving that data somewhere else.

__________

Once recovered the more recent data that it was possible, the matter was to choose another app for saving passwords:  it is an hard choice because I do not want to have to copy again all my passwords any more in the next future!! So it is convenient to choose not a proprietary solution that again could not be supported in a few years and possibly one that has several cross-platform clients available, possibly a standard/opensource one.

I know that Enpass could be a good solution because it is cross-platform and on Windows it is available in the Windows Store and it integrates well with Windows Hello: it allows to save data on different cloud provider, OneDrive too, so it is very flexible. Finally you have to pay only once when you buy it.
1Password should be a good choice too, but it is more expensive because it use a subscription model even though it give a greater assurance to be supported in the future.

Unfortunately both these apps are not UWP and are available for Windows 10 Mobile too and, because I still use my good Lumia 950XL (and I do not want to change it as far as I can!), I had to find an other solution!!

So I opted for  PassKeep  that is UWP app that seems to have a good support: there is an official website for this “free, open source, light-weight and easy-to-use password manager“. Moreover there are several clients that uses the                         PassKeep is a password manager that is interoperable with KeePass 2.x format for storing encrypted data.

________________

A little at a time, using the cut&past feature, now I am going to copy data from All My Password to PassKeep

To have data synchronized among different devices I saved the Database.kdbx file in a OneDrive synchronized directory (e.g. C:\OneDrive\backup\keepass). Among PCs the synchronization is therefore done choosing in every PC the same OneDrive directory and Database.kdbx file.
Un fortunately this does not happen on a Windows 10 Mobile smartphone because its OneDrive client does not provide an automatic synchronization (in general, it is not the best scenario for a mobile device) but it only allows you to browse your account and save locally the files you need.

So, if I want to update the DB in my Windows 10 Mobile smartphone with the version on OneDrive, I have to download from that cloud the Database.kdbx file and, for example, save it in the local This device/Documents folder: then I can open it with the KeepPass app I installed on the smartphone.
NOTE that, because there was already a file with the same name (the old local version), you need to delete it before downloading the newer file from OneDrive or rename it to OLD: otherwise it will be saved as Database (2).kdbx as shown in the following screenshots and you need to rename it afterward.

Usually, because I usually insert/update passwords on my smartphone, the procedure I need more, from time to time, is another one, that is to backup the local DB on the smartphone to OneDrive. This can be done sharing the DB file to OneDrive, for example choosing to upload it on its \backup\keepass folder, that is the same directory I synchronized on PCs and that contains the file used by the KeepPass app in all PCs.

Share the\Documents\Database.kdbx file to OneDrive, choosing to upload it on its \backup\keepass folder (1)

Share the\Documents\Database.kdbx file to OneDrive, choosing to upload it on its \backup\keepass folder (2)

Share the\Documents\Database.kdbx file to OneDrive, choosing to upload it on its \backup\keepass folder (3)

NOTE that, because  there was already a file with that name, the newer file will be uploaded as Database 1.kdbx so you will need to delete the old one and rename the new one as Database.kdbx. In this way that file will be automatically synchronized in all your PCs with the proper name. To understand the newest file you can anyway always see its size (usually the newest is bigger because you possibly add new passwords) and its uploaded date too.

I know it is not an easy procedure, but neither a difficult one but it works … and possibly you need to do a backup only once a week or even less!!

😉

 

 

Pubblicato in Review e test, Tecnologia, Windows, Windows Phone/Mobile/Android/iOS | Lascia un commento

STS – Sistema Tessera Sanitaria: come accedere alle ricevute per spese mediche

Il portale del Sistema Tessera Sanitaria consente di vedere tutte le ricevute per spese mediche inviate al Sistema TS, secondo quanto previsto dai decreti del 31 luglio 2015, del 2 agosto 2016 e del 16 settembre 2016. Attenzione! Troverai solo le spese inviate dagli erogatori ad oggi previsti dalla normativa.
Non è specificato nel dettaglio chi sono gli erogatori attualmente non ancora presenti in quella normativa e sarebbe necessario andarle a leggere … :-/

Come indicato  nella homepage del sito stesso, l’accesso è consentito ad ogni cittadino in possesso di TS-CNS attivata, di credenziali Fisconline o SPID dalla sezione “Cittadini” dell’area riservata.

Risulta quindi possibile accedere al portale sia tramite le credenziali fornite dall’Agenzia delle Entrate, che prevede l’inserimento di username, password e PIN, sia tramite SPID (vedi questo mio precedente post a tale riguardo):

Nota che , qualora si acceda con le credenziali dell’Agenzia delle Entrate, se la password è scaduta, è necessario modificarla andando in quel suo suo sito specifico in quanto quella funzionalità non viene gestita da questo portale: inserire un link apposito alla pagina di cambia password non sarebbe costato molto! 😦

Una volta effettuato l’accesso sia con SPID sia con le credenziali dell’Agenzia delle Entrate, si arriva alla pagina seguente dove è presente il pulsante Consultazione che permette appunto di visionare tutte le ricevute per spese mediche ricevute dal sistema. Probabilmente non saranno tutte quelle effettivamente emesse in quanto alcune strutture/medici possono non essere ancora allineate con le richieste di legge, per cui si dovrà provvedere ad inserire quei giustificativi personalmente quando necessario (e.g. compilazione del 730). Si legge inoltre nel portale stesso: da questa area, puoi prendere visione dei dati di spesa sanitaria a te intestati, trasmessi dai vari erogatori di servizi sanitari al Sistema TS, secondo quanto previsto dai decreti del 31 luglio 2015, del 2 agosto 2016 e del 16 settembre 2016. Attenzione! Troverai solo le spese inviate dagli erogatori ad oggi previsti dalla normativa.

E necessario selezionare l’anno di interesse:

Nel tab Documenti validi si accede all’elenco delle ricevute registrate:

Premendo l’icona della lente, presente nell’ultima colonna per ciascuna ricevuta, si può vedere il dettaglio della medesima:

Nel tab Grafici si ha poi anche una visualizzazione appunto grafica delle spese suddivise per mese e tipologia:

 

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Review e test | Lascia un commento

18app: come richiedere i buoni cultura da spendere in negozi fisici ed online (e.g. Amazon, Mondadori Store, laFeltrinelli)

In un precedente post avevo pubblicizzato la notizia che dal 7 gennaio 2019 ci sarebbe stata la possibilità, ai nati nel 2000, di accedere al sito 18app.it che consente di richiedere i Buoni Cultura fino ad un valore complessivo di 500€.
In un altro post ho spiegato poi come effettuare il primo passo, vale a dire ottenere uno SPID (e.g. TIMid, PosteID), requisito indispensabile per poi accedere a quel sito 18app.

In questo post vedremo come entrare nel sito 18app ed effettuare una richiesta di Buoni Cultura da spendere sia in un negozio fisico sia in uno online.

Si noti innanzitutto che i nati nel 2000 devono iscriversi nel sito 18app entro il 30 giugno 2019 e consumarli entro il 31 dicembre 2019.

La procedura differisce un po’ a seconda del provider SPID che uno ha utilizzato.
Ad esempio nel caso di TIMid lo SPID è una password che l’utente sceglie e gestisce tramite il sito https://id.tim.it/identity: ad ogni accesso con quello SPID costituito da quella password, viene inviato via SMS al cellulare registrato una OTP (One Time Password) cioè un ulteriore codice di cinque numeri che deve puoi essere inserito per aumentare la sicurezza nell’accesso tramite SPID. Insomma è una modalità analoga a quella che generalmente viene ora utilizzata dalle banche nel realizzare i loro servizi online, in aggiunta o come alternativa alla chiavetta fisica.
Nel caso di PosteID la verifica dell’accesso tramite quello SPID viene effettuata tramite l’app PosteID disponibile sul Google Play e sul App Store (ma non nel Microsoft Store). Si richiede quindi di avere installato sul proprio smartphone tale app e questa può essere una limitazione se uno non ha un telefonino o se non è uno Android o un iPhone … ma forse io sono uno dei pochi ad avere ancora un cellulare Windows 10 Mobile 🙂

App PosteID sul Google Play

App PosteID sull’App Store

Potrebbe poi essere conveniente installare anche una delle 18app / Bonus Cultura 18 di terze parti (e.g. Bonus Cultura 18, Bonus Cultura – Tools sul Google Play o   18app sull’App Store) che tuttavia non fanno che rendere usufruibili tramite un’app quelle che sono le funzionalità fornite direttamente dal sito ufficiale 18app. Io personalmente ho sempre utilizzato direttamente quel sito ufficiale, raggiungibile con un qualsiasi browser (perciò anche da smartphone), per richiedere e gestire i buoni cultura.

Nel seguito dettaglierò come effettuare l’accesso con lo SPID tramite PosteID in quanto forse il meccanismo più particolare, dovendosi utilizzare sul cellulare in simbiosi un’app PosteID omonima.
In questo caso dal sito 18app, tra le scelte dei provider indicati cliccando su Entra con SPID, si dovrà scegliere PosteID.

Accesso al sito 18app con SPID tramite PosteID

Verrà quindi richiesta un’autenticazione di livello SPID 2 cioè quella tramite l’app PosteID.

La modalità più semplice per eseguire l’accesso è quella di lanciare l’app PosteID sul telefonino, premere il suo pulsante Autorizza con QR code e puntare quindi l’immagine visualizzata sul QR code(immagine quadrata a puntini) mostrato  a destra nella pagina del sito 18app.

Una volta letto il codice presente su quell’immagine, sul telefonino viene richiesto l’inserimento del codice PosteID per autorizzare l’accesso, vale a dire di quel codice alfa-numerico di 6 caratteri (lettere minuscole dalla a alla z, le maiuscole dalla A alla Z e i numeri da 0 a 9) che uno ha scelto durante il processo di registrazione.

In alternativa, si può inserire la username (i.e. la propria email) e la password scelta durante la registrazione, premere il tasto ACCEDI e quindi quello PROCEDI presente nella successiva pagina. Comunque sia, per l’autorizzazione deve poi sempre essere utilizzata quell’app PosteID sul proprio telefonino: comparirà infatti anche in questo caso l’identica richiesta di inserimento del codice PosteID vista precedentemente quando si è utilizzato il QR code.

Si ricorda che per gestire il PosteID è necessario andare nel sito posteid.poste.it ed accedere con lo SPID:

______________________________________________________________________________________

ATTENZIONE!!!

La procedura di attivazione del Poste ID (descritta in dettaglio in questo mio precedente post) prevede la ricezione di diverse email ed SMS. Spesso il contenuto di quest’ultimi non viene inviato anche via email per cui è essenziale non perdersi il loro contenuto. In particolare è essenziale appuntarsi il PUK ricevuto solo via SMS per poterlo in futuro utilizzare per effettuare la procedura di ripristino del codice PosteID.
Nota che la procedura di recupero di quel codice PosteID risulta necessaria non solo qualora uno non se lo ricordi più o, in fase di autorizzazione di un pagamento da app, si lo si abbia inserito per più di cinque volte in modo errato, ma anche se sono trascorsi sei mesi di inattività dall’attivazione del codice PosteID o dall’ultima transazione eseguita. Insomma, se non si ha quel PUK si deve contattare il Call Center di Poste Italiane per richiedere la cancellazione del codice PosteID dal proprio dispositivo e procedere nuovamente a una nuova attivazione!!

Infatti, come indicato nella sezione apposita del sito delle Poste Italiane:
L’attivazione del codice PosteID avviene dalle App di Poste Italiane tramite una procedura guidata che richiede principalmente i seguenti passaggi:

  • Accesso all’App con credenziali di registrazione poste.it (NOTA: lo username è la propria email).
  • Ricezione di un codice di sicurezza via SMS sul numero di telefono rilasciato a Poste Italiane da inserire in App
  • Scelta di un codice alfa-numerico di 6 caratteri (codice PosteID).

Al termine del processo riceverai, via SMS al numero di telefono utilizzato per l’attivazione del codice PosteID, la conferma dell’avvenuta attivazione del codice PosteID e un codice di sblocco (PUK) da conservare, perché necessario per le operazioni di ripristino del codice PosteID nei casi e nelle modalità descritte di seguito nella sezione “Come ripristinare il codice PosteID“.

Sempre in quella sezione apposita del sito delle Poste Italiane viene anche descritto sia quando scade quel codice PosteID sia come ripristinarlo:
Qualora in fase di autorizzazione di un pagamento da app tu abbia inserito per più di cinque volte il codice PosteID in modo errato o siano trascorsi sei mesi di inattività dall’attivazione del codice PosteID o dall’ultima transazione eseguita, dovrai richiedere il ripristino del codice. Tale procedura si effettua direttamente dalle app nelle sezioni dedicate alla Gestione del codice PosteID e prevede l’utilizzo del codice di sblocco (PUK) che hai ricevuto via SMS al termine del processo di attivazione del codice PosteID. Qualora tu abbia dimenticato il tuo codice PosteID dovrai contattare il Call Center di Poste Italiane per richiedere la cancellazione del codice PosteID dal tuo dispositivo e procedere nuovamente a una nuova attivazione, secondo le modalità indicate in precedenza nella sezione “Come attivare il codice PosteID”.

Purtroppo queste informazioni importanti non sono, secondo me, sufficientemente evidenziate nei messaggi ricevuti via email o via SMS, seppure siano presenti in quella sezione apposita del sito delle Poste Italiane che tuttavia ben pochi leggono per intero!
Per ulteriori informazioni si può anche consultare la Guida all’utilizzo del codice PosteID presente sempre sul sito delle Poste Italiane.

Come già evidenziato, durante tutta la procedura di registrazione del PosteID, si ricevono da PosteInfo molti SMS e questi risultano essere di diversa tipologia e quindi di importanza differente. In particolare, per quelli MOLTO IMPORTANTI, secondo me, non risulta sufficientemente evidenziata l’importanza di annotarne il contenuto per il futuro e la motivazione di ciò: probabilmente sarebbe stato meglio che avessero speso qualche frase in più, ad esempio per indicare quando il PosteID scade e quindi è necessario il PUK fornito appunti in uno di quegli SMS. Perciò, nel seguito li riporto tutti una figura, contrassegnando ciascun SMS con un diverso colore in base alla sua tipologia ed evidenziando in rosso quelli di notevole importanza e quindi da non perdere e il cui contenuto è sicuramente da salvare opportunamente.

  • SMS di OTP (One Time Password): forniscono una password per poter procedere in una procedura di autentificazione [da me contrassegnati in blu]
  • SMS di informazione: forniscono informazioni utili ma non essenziali [da me contrassegnati in verde]
  • SMS importanti: contengono codici da annotare e non perdere [da me contrassegnati in rosso]

SMS ricevuti contrassegnati con colori differenti a seconda della loro tipologia ed importanza

_________________________

Una volta effettuata l’autorizzazione, l’app presenta la schermata seguente ed il sito 18app passa alla pagina in cui mostra l’elenco di tutti i dati che, se acconsente, verranno passati al fornitore di servizi (i.e. in questo caso Poste Italia): per poter procedere è necessario premere il tasto Acconsento presente in fondo pagina.

A questo punto finalmente si riesce ad accedere alla homepage del sito che consente, premendo il tasto apposito crea buono, di generare appunto un buono per un genere di acquisto specifico e per un importo indicato.

Si noti che ad ogni accesso tramite lo SPID di PosteID, viene inviata all’email una notifica dove è specificato anche il sito per il quale si è acceduto tramite quello SPID.

=============================================

Dove spendere poi i buoni? Delucidazioni si trovano nel sito 18app anche senza necessità di autenticarsi: è sufficiente premere il pulsante Scopri in fondo alla sua homepage e quindi quello “Dove spendere i buoni“.

Dove spendere poi i buoni?

I negozi possono essere sia fisici sia online ma gli ambiti di utilizzo sono cambiati leggermente per i nati nel 1998 e quelli del 1999 … e piccole variazioni ci sono ora per i nati nel 2000.

Per i nati nel 1998 gli ambiti erano stati i seguenti (buoni da utilizzare entro dicembre 2017):

  1. Cinema (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  2. Concerti (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  3. Eventi culturali (biglietto d’ingresso a festival, fiere culturali, circhi)
  4. Libri (audiolibro, ebook, libro)
  5. Musei, monumenti e parchi (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  6. Teatro e danza (abbonamento card/biglietto d’ingresso)

Per i nati nel 1999 gli ambiti erano stati i seguenti (buoni da utilizzare entro dicembre 2018):

  1. Cinema (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  2. Concerti (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  3. Eventi culturali (biglietto d’ingresso a festival, fiere culturali, circhi)
  4. Libri (audiolibro, ebook, libro)
  5. Musei, monumenti e parchi (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  6. Teatro e danza (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  7. Musica registrata (cd, dvd musicali, dischi in vinile, musica on line e in streaming)
  8. Corsi di musica, di teatro o di lingua straniera

In https://www.18app.italia.it/BeneficiarioWeb/#/dove o anche da una delle  FAQ presenti nel sito 18app, viene specificato:
se sei nato nel 2000, puoi acquistare (entro dicembre 2019) beni per un totale di 500€, esclusivamente riconducibili ai seguenti ambiti:

  1. Cinema (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  2. Concerti (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  3. Eventi culturali (biglietto d’ingresso a festival, fiere culturali, circhi)
  4. Libri (audiolibro, ebook, libro)
  5. Musei, monumenti e parchi (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  6. Teatro e danza (abbonamento card/biglietto d’ingresso)
  7. Musica registrata (cd, dvd musicali, dischi in vinile, musica on line)
  8. Corsi di musica, di teatro o di lingua straniera“.

L’unica piccola differenza rispetto al 2019 sembrerebbe essere la mancanza di possibile utilizzo anche per l’ascolto di musica registrata in streaming … anche se sul sito di Spotify sembra possibile : come si vedrà anche per un utilizzo di un buono 18app su Amazon,  poter utilizzare un buono 18app per l’acquisto di un abbonamento su Spotify, si deve prima convertirlo in un codice Spotify che si riceve via email dopo avere inserito il codice fornito da un buono 18app realizzato con un importo pari alla durata dell’abbonamento desiderato.

Utilizzo di un buono per l’ascolto di musica in streaming

Non ho trovato invece indicazioni per poter utilizzare un buono per usufruire di un abbonamento Platinum su TIM Music 😦 …
Tuttavia, almeno per tutto questo mese di febbraio tale abbonamento è gratuito a tutti i clienti TIM ed anche a quelli di tutti gli altri operatori mobili come anche indicato in una FAQ: tale formula consente di cercare ed ascoltare per intero in streaming una qualsiasi canzone o album senza alcun costo. A fine mese tale il profilo Platinum viene disattivato automaticamente e si ritorna a quello Gold usuale (da tempo gratuito per i clienti TIM) che consente solo di selezionare il genere musicale ma non ricercare un brano/album specifico.

 FAQ – Come funziona la Promo TIMMUSIC Platinum Gratis? Dal 1° al 28 Febbraio il profilo TIMMUSIC Platinum è GRATIS ed aperto a tutti i clienti TIM e anche ai clienti di altri operatori mobili. La promo è valida solo su dispositivi Android e iOS. Al termine, sarà disattivata in automatico.
Ricorda che:
• Se sei un cliente TIM con profilo TIMMUSIC Platinum in abbonamento su linea mobile o fissa, continuerai a fruire del profilo Gratis per tutto il mese di Febbraio.
• Se sei un cliente TIM con profilo TIMMUSIC Gold attivo su linea mobile, entrando in app dal 1° Febbraio sarai riconosciuto in automatico con il profilo Platinum gratis. Se non l’hai già fatto puoi creare il tuo account, associato al numero di linea mobile su cui è attivo il profilo, per usare l’app timmusic anche su altri dispositivi (fino ad un massimo di 3). Al termine della promo, sarai riconosciuto nuovamente con il tuo profilo Gold.
• Se sei un cliente TIM con TIM BOX entrando in app da TV, dal 1° al 28 Febbraio , sarai riconosciuto in automatico con il profilo Platinum gratis. Se vuoi utilizzare il profilo su altri dispositivi entra in http://www.timmusic.it e registrati associando il tuo numero di linea fissa.
• Se sei un cliente di altri operatori mobili, entra nell’app e registrati inserendo un account e il tuo numero di telefono. Sarai così riconosciuto in automatico con il profilo Platinum. Puoi usare l’account per ascoltare timmusic su più dispositivi, fino ad un massimo di 3.)

TIM Music – abbonamento Platinum

Bizzarro anche il fatto che non si possa utilizzare il Bonus Cultura per l’acquisto di un eBook Reader (sebbene si possa con l’analoga iniziativa della Carta del docente) o di un tablet/PC  … mentre, ad esempio, si possa comprare un CD dei One Direction    😦

Vediamo ora nel dettaglio come effettuare un buono per un acquisto specifico, ad esempio per quello dell’Abbonamento Musei Piemonte Young.
Come si legge dalla pagina del sito abbonamento musei dedicata alla 18app, “L’Abbonamento Musei aderisce a 18app. Se sei nato nel 2000 potrai utilizzare il tuo Bonus Cultura per acquistare l’Abbonamento Musei alla tariffa Young di € 32,00“.

Pagina del sito Abbonamento Musei Piemonte dedicata alla 18app

Dalla homepage del sito 18app, una volta autenticato con lo SPID, per richiedere un buono specifico è sufficiente premere l’apposito tasto Crea buono. Si giunge, quindi, in una pagina che richiede dettagli relativo al buono in base alla tipologia di acquisto che si desidera effettuare. Innanzitutto viene richiesto se si desidera effettuare un acquisto in un negozio fisico o online.
Nel caso di acquisto di un Abbonamento Musei Piemonte è specificato che si deve scegliere un esercizio fisico ed indicare l’importo che è di 32€:

Richiesta di un buono per l’acquisto di un Abbonamento Musei Piemonte

Viene quindi mostrato il codice associato al buono emesso, salvabile anche come file pdf: il tutto viene comunque anche inviato via email:

Pagina che mostra a video il codice del buono generato

Email con il codice del buono generato

A questo punto se si va nella sezione di gestione dei buoni emessi (i.e. Il tuo Portafoglio) è possibile verificare lo stato di buoni emessi, di quelli già spesi e dell’importo ancora a disposizione.

Sempre come specificato nelle istruzioni presenti sul sito di Abbonamento Musei Piemonte, si deve quindi inviare una email ad app18@abbonamentomusei.it indicando:

  • Nome e cognome
  • Un tuo contatto telefonico
  • Il codice che ha generato il sistema di 18app e che hai annotato
  • La data in cui il codice è stato generato
  • Il tipo di Abbonamento Musei che richiedi: Abbonamento Musei Piemonte.

Si riceve subito una risposta di cortesia e successivamente una email con indicato il codice da utilizzare per ottenere gratuitamente la tessera richiesta.

Si noti che il codice ha una scadenza di validità, per cui deve essere utilizzato per richiedere la carta di Abbonamento Musei Piemonte entro quella data indicata: qualora non sia utilizzato entro quella data non viene rimborsato!

Analogamente si possono richiedere buoni per l’acquisto di libri, musica ecc..
Bizzarra la distinzione tra un buono relativo all’acquisto di eBook e di quello per libri cartacei, …

__________________

Come eventualmente utilizzare su Amazon i Buoni Cultura rilasciati dalla 18app?

Tutto è spiegato nell’apposita pagina di Amazon relativa al bonus 18.
In quella sezione viene detto che risulta necessario innanzitutto verificare che il prodotto di interesse faccia parte dell’iniziativa (apposita icona 18App presente nella descrizione del prodotto).
Quindi si deve convertire il buono ottenuto tramite la 18app in buono Amazon.
In particolare, si deve creare un buono del valore di 1, 5, 10, 25 o 50€ sul sito 18app.it e poi convertirlo in un codice Amazon dalla sezione amazon.bonus18.it del sito Amazon. Al momento della conversione del buono 18app, il relativo ammontare verrà scalato dal tuo credito 18app e risulterà come utilizzato anche se uno in realtà non ha ancora effettuato realmente nessun acquisto nel sito Amazon.

Verificare che il prodotto di interesse faccia parte dell’iniziativa 18app

Si noti che non è necessario che chi ha diritto al Bonus Cultura abbia un suo proprio account Amazon, ma si può utilizzare per l’acquisto anche uno preesistente (e.g. quello di un famigliare) … magari Prime 😉
Come indicato chiaramente dalla chat seguente con il centro assistenza Amazon, risulta infatti sufficiente mettere la consegna a nome della persona di cui è il buono ed indicare la medesima nell’indirizzo di fatturazione legato.

Si può utilizzare per l’acquisto anche un account Amazon preesistente di un familiare  … magari Prime, mettere la consegna a nome della figlia/figlio e l’indirizzo di fatturazione legato a lei/lui.

Viene anche specificato: “Il bonus cultura può essere utilizzato per acquisti nelle categorie Libri (venduti e spediti da Amazon), eBook Kindle, CD, Vinili e DVD musicali su Amazon.it entro il 31 dicembre 2019.
Per procedere con gli acquisti, devi prima assicurarti di compiere i seguenti passaggi:

1. Registrati sul sito 18app.it e crea uno o più voucher del valore di 1, 5, 10, 25 o 50 EUR ciascuno. Hanno diritto al bonus cultura solo i residenti in Italia nati nel 2000

2. Converti il voucher in un codice Amazon sul sito https://amazon.bonus18.it. Per effettuare la conversione con successo sono necessari il numero del voucher e un tuo indirizzo e-mail, dove riceverai i dettagli relativi al tuo codice Amazon.
_____________
NOTA: nel caso che si desideri effettuare l’acquisto con un account di un famigliare (magari perché  il 18enne non ha un proprio account Amazon o perché vuole sfruttare i vantaggi di un suo  abbonamento “prime”), si deve quindi inserire in questo caso, nell’effettuare la conversione, l’email relativa di quel familiare ed utilizzata quale suo username nell’accesso al sito Amazon.
____________

Per utilizzare il codice Amazon per l’acquisto di libri, eBook Kindle, CD, Vinili e DVD musicali aggiungi al carrello i prodotti che hai scelto, disabilita la modalità di acquisto 1-Click se l’avevi attivata, e inserisci il codice nella pagina di conferma dell’ordine.

Se l’ammontare del codice non fosse sufficiente a coprire l’intero importo dei prodotti che hai selezionato, puoi scegliere se emettere un nuovo buono 18app o proseguire utilizzando i normali metodi di pagamento.

Qualora dovessi utilizzare il valore del codice Amazon solo parzialmente, l’eventuale credito residuo del codice potrà essere utilizzato per ulteriori acquisti in libri, eBook Kindle, CD, Vinili e DVD musicali entro il 31 dicembre 2019.
___________
NOTA – Perciò, se il credito nel bonus18 Amazon risulta superiore all’acquisto effettuato, per quelli successivi (sempre relativi ad articoli compatibili con offerta 18App), il pagamento verrà effettuato decrementando quel credito apposito: al momento di quell’acquisto successivo non sarà quindi più necessario inserire nuovamente il codice se quello era già stato associato a quell’account Amazon.
__________

  • Per utilizzare il codice Amazon per l’acquisto di libri, seleziona i titoli che vuoi ordinare e clicca su “Aggiungi al carrello” per ciascun articolo. Disabilita la modalità di acquisto 1-Click, se attivata, e inserisci il codice nella pagina di conferma dell’ordine.
  • Per utilizzare il codice Amazon per l’acquisto di eBook Kindle dal tuo computer, inseriscilo direttamente nella pagina di dettaglio dell’eBook che hai scelto, dopo aver cliccato su “Inserisci un codice promozionale o un buono regalo
  • Per utilizzare il codice Amazon per l’acquisto di eBook Kindle dal tuo cellulare o tablet, inseriscilo qui.

Per maggiori informazioni, visita la pagina amazon.it/18app dove puoi trovare la risposta a molte altre domande.

Ogni volta che si converte un buono Cultura in un codice Amazon, viene non solo mostrato a video, ma viene anche inviata una email con tutti i dati:

Indicazione a video del codice Amazon generato dalla conversione di un Buono Cultura

Email con indicato il codice Amazon generato dalla conversione di un Buono Cultura

Si noti che il codice Amazon generato non è inseribile con le modalità classiche di inserimento di un Buono Regalo, bensì inserendolo nell’apposito campo relativo all’inserimento di un codice presente nella videata relativa alla modalità di pagamento mostrata in seguito ad un acquisto.

Il codice Amazon generato non è inseribile con le modalità classiche di inserimento di un Buono Regalo

Nel seguito mostro passo passo l’acquisto di un libro cartaceo abilitato ad utilizzare l’iniziativa 18app.

Libro abilitato ad utilizzare l’iniziativa 18app

Solo al primo utilizzo di un nuovo buono, è necessario inserire il codice Amazon generato nella conversione. Per gli acquisti successivi risulterà già indicato come saldo disponibile utilizzabile per il nuovo acquisto.

___________________________________

Nel caso di altri negozi online (e.g. Mondadori Store, laFeltrinelli), l’inserimento del Buono rilasciato tramite il sito 18app viene consentito sempre all’atto del pagamento scegliendo l’apposita opzione in alternativa all’uso di una carta di credito: in questo caso il valore del buono deve corrispondere al valore del prodotto acquistato che ovviamente deve essere della tipologia consentita e contrassegnato opportunamente. Diversamente si possono acquistare delle Gift card, che tra l’altro consentono di ottenere uno  sconto proporzionale al loro valore.

 

________________________________

Link di interesse:

Sito Facebook https://www.facebook.com/18app dove sono indicati anche i seguenti numeri utili :

  • Assistenza tecnica 18app: 800.991.199 (lun/ven esclusi festivi – 9.00/17.30)
  • Assistenza spid: 06.82888.736 (lun/ven esclusi festivi – 9.30/16.00)

Inoltre per problemi con Spid, oltre all’assistenza telefonica e all’helpdesk segnalati nel footer del sito 18app, esiste anche il seguente gruppo Facebook:  https://www.facebook.com/groups/agid.spid

Pubblicato in Just for fun!, Review e test, Tecnologia, Windows | 2 commenti

18App – Come ottenere lo SPID (e.g. TIMid, PosteID)

In un precedente post avevo pubblicizzato la notizia che dal 7 gennaio 2019 ci sarebbe stata la possibilità di accedere al sito 18app.it ai nati nel 2000.

Vediamo ora il primo passo per poter usufruire del Buono Cultura, vale a dire richiedere ed ottenere uno SPID (e.g. TIMid, PosteID): questo si poteva effettuare anche prima di quella data relativa solo alla possibilità di accesso al sito 18app.it ai nati nel 2000 tramite appunto quella identità digitale (SPID).

In un successivo post si vedrà come utilizzare il sito 18app per richiedere buoni cultura da spendere in negozi fisici ed online (e.g. Amazon).

_______________________________________________

La prima cosa da fare, propedeutica alla registrazione a sito 18app, è quella di richiedere lo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), indispensabile per registrarti ed accedere poi a quel sitoe questo lo si può iniziare a fare fin d’ora. In questo post quindi vediamo come ottenere lo SPID ed in successivi come poi usarlo per accedere alla 18app ed effettuare poi anche acquisti tramite il Bonus Cultura.

Esistono diversi Identity Provider che sono abilitati a rilasciare uno SPID e sono elencati nel seguito: taluni sono a pagamento, ma altri gratuiti per fortuna! Per richiedere lo SPID le istruzioni si trovano nel sito istituzionale governativo. Con lo SPID si potrà poi accedere non solo al sito 18app ma anche ad altri siti istituzionali: di questo ho già parlato in altro post precedenti quale ad esempio Identità digitale TIMid: review&test per l’accesso ai siti dell’Agenzia delle entrate (e.g. 730), INPS (e.g. pensione) ed INAIL.

Elenco degli Identity Provider dal sito spid.gov.it

Tra quelli non a pagamento (almeno fino al 31/12/2018 … ma forse potrebbe essere esteso tale periodo di gratuità) c’è TIMid e il PosteID.
Nel seguito mostro le procedure necessaria per ottenere gratuitamente lo SPID sia come TIMid, gestito da TIM, sia come PosteID, gestito dalle Poste Italiane. Nel primo caso il riconoscimento viene effettuato tramite PC utilizzando una videotelefonata  che verrà da loro registrata formalmente, mentre nel secondo caso la persona si deve recare in un ufficio postale. Ovviamente utilizzate come SPID il TIMid o il PosteID risultano due alternative esattamente analoghe: all’atto dell’accesso ai siti che consentono di utilizzare lo SPID, sarà sufficiente selezionare il provider utilizzato  dalla lista di tutti quelli esistenti.

Avendo sperimentato entrambe le procedure, direi che ottenere il PosteID l’ho forse trovato più agevole ed intuitivo, soprattutto perché il riconoscimento viene effettuato tramite un qualsiasi sportello di un ufficio postale, rendendo la procedura meno formale che una registrazione di una videochiamata e quindi più veloce e semplice.

==========================================================
==========================================================

Procedura per richiedere il TIMid

==========================================================

In questa prima sezione descrivo la procedura per richiedere il TIMid, cioè lo SPID rilasciato da TIM che è uno degli Identity Provider autorizzati.

Accedi al sito spid.tim.it  e premere il link Richiedi la tua TIM id.

NOTA: anche se vengono indicati diversi browser come compatibili per quel sito per effettuare la registrazione, per utilizzarlo ti consiglio di usare il browser Chrome. Sembra infatti che Internet Explorer ci sia la necessità di installarsi un plug in per verificare il funzionamento della webcam (vedi screenshot nel seguito) … anche se poi la procedura di richiesta dello SPID in realtà non utilizza tali supporto seppur indicato tra i requisiti! Invece con Edge la pagina per selezionare il metodo di riconoscimento preferito non funziona correttamente non mostrando alcuna scelta …

Prosegui selezionando il pulsante CITTADINO:

Seleziona il pulsante CITTADINO

Seleziona il metodo di registrazione WEB CAM che risulta essere gratuito: viene indicato che richiede:

  • PC, TABLET o SMARTPHONE con web cam e microfono funzionanti (NOTA: in realtà non mi è servito né il microfono né la webcam per ultimare con successo la registrazione! 🤔)
  • DOCUMENTO D’IDENTITÀ VALIDO
  • TESSERA SANITARIA (NOTA: in realtà basta sapere il proprio codice fiscale).

Seleziona il metodo di registrazione WEB CAM (gratuito)

Usando Edge come browser, quel sito non funziona correttamente, non mostrando alcuna opzione quale modalità di riconoscimento disponibile

Prima di premere il pulsante CONTINUA, puoi eventualmente effettuare il Test della Webcam (facoltativo): in verità penso che non serva proprio effettuarlo dal momento che sono riuscito a concludere tutta la procedura senza che fosse richiesto l’utilizzo di webcam/microfono … nonostante sia indicato all’inizio come un requisito necessario).

Prima di premere il pulsante CONTINUA, puoi eventualmente effettuare il Test della Webcam (facoltativo) … ma non credo proprio sia necessario

Comunque il test della webcam (se proprio lo si vuole fare!) può essere eventualmente effettuato solo con alcuni browser, taluni solo se si installa un apposito plug-in: comunque, come già evidenziato, non mi sembra il caso di farlo, dal momento che l’uso della webcam poi alla fine non viene richiesto!

Compatibilità dei diversi browser per effettuare l’opzionale test della webcam

Comunque io ho provato comunque a fare quel test (anche se è inutile) e nel seguito eccovi le videate:

Test (opzionale) della webcam (1)

Test (opzionale) della webcam (2)

Prima di premere il tasto CONTINUA, assicurati di avere a portata di mano un tuo documento di identità (e.g. carta d’identità), il tuo codice fiscale (presente ad esempio sulla tessera sanitaria), il tuo cellulare (sapendo il proprio numero telefonico) e la propria email.

Si conferma la richiesta della TIMid dopo avere compilato un modulo in cui uno deve inserire i propri dati anagrafici, telefono, email ecc …

L’operazione è gratuita, ma viene comunque effettuata tutta una procedura di un pagamento di zero €.

Si riceve quindi sia una email sia, successivamente, un SMS per verificare ciascuno con un OTP (One Time Password) inviata e da inserire sulla pagina web del sito.

Al termine, conclusa la procedura di creazione del TIMid, viene ricevuta un’ultima email che invita a recarsi nel sito digitalstore.tim.it per crearsi una password tramite la sua procedura di recupero/reset della password: si noti che lo username da utilizzare corrisponde all’indirizzo di email inserito durante la registrazione precedente.

Email, ricevuta al termine della procedura, che invita di recarsi nel sito digitalstore.tim.it per crearsi una password tramite la sua procedura di recupero password

Sito digitalstore.tim.it per gestire il proprio TIMid e, in particolare modo, per crearsi una propria password associata

Premere Accedi e selezionare Entra nell’Area Clienti TIM DIGITAL STORE, quindi selezionare Recupero password, indicando come email quella medesima inserita nella precedente procedura di richiesta del TIMid.

Premere Accedi e selezionare Entra nell’Area Clienti TIM DIGITAL STORE

Selezionare Recupero password indicando come email quella medesima inserita nella precedente procedura di richiesta del TIMid.

Si riceve quindi indicazione che è stata spedita una email con il link che porta alla pagina in cui inserire la propria nuova password (e quindi ripeterla per conferma ed essere così sicuri di averla scritta bene). Ovviamente è poi opportuno scriversi da qualche parte username (la propria email) e password in modo da non dimenticarli!!

Notifica invio email con il link che porta alla pagina in cui inserire la propria nuova password

Email con il link che porta alla pagina in cui inserire la propria nuova password

Con la propria email come username e quella password indicata precedentemente, si può quindi accedere al portale TIM Digital Store che consentirà, tra l’altro, di gestire la propria TIMid nel futuro. Nota, ad esempio, che periodicamente tale TIMid scadrà e la password dovrà essere cambiata. La password da scegliere, infine, deve essere sufficientemente complicata e rispettare particolari requisiti (e.g. lunghezza, caratteri speciali, numeri e lettere).

Con la propria email come username e quella password indicata precedentemente, si può quindi accedere al portale TIM Digital Store

Andando poi nella sezione I MIEI SERVIZI, risulta presente quello relativo al TIM id Cittadino il cui “Stato della sottoscrizione” è Ordinato: nella colonna “Data di attivazione” non viene ancora indicato nulla. In una delle email ricevute c’era d’altra parte detto: “hai completato tutte le fasi per richiedere la tua Identità Digitale TIMid. Stiamo verificando i dati che ci hai fornito ed a breve ti comunicheremo l’esito della richiesta” e quindi una indicazione del “codice di registrazione associato alla tua richiesta TIMid“.

Mail di notifica completamento della procedura con indicazione del “codice di registrazione associato alla tua richiesta TIMid”.

Mi immagino che, non essendo stata usata la webcam, sarà necessaria una ulteriore fase di verifica dell’identità della persona, che fino a questo momento non mi sembra sia garantita (l’ho effettuata io e non mia figlia infatti, anche se ovviamente ho indicato i suoi dati).

Nessun indicazione sui tempi, ma siamo anche nel periodo delle festività natalizie: non appena ho ulteriori informazioni le inserirò ,,,

Sezione I MIEI SERVIZI in cui, risulta presente quello relativo al TIM id Cittadino il cui lo “Stato della sottoscrizione” è Ordinato

Aggiornerò, quando avrò altre indicazioni. Sicuramente lo username (email fornita)/password (creata precedentemente) servono solo per accedere a quel sito del Digital Store TIM e non è lo SPID che invece sarà gestito dall’apposito sito https://id.tim.it . Per l’identificazione forse si dovrà proseguire tramite i seguente link Prosegui indicato nel seguito nella homepage di quel sito:

Sito id.tim.it per la gestione dello SPID. Per l’identificazione forse si dovrà proseguire tramite i seguente link indicato nel seguito

Premendo infatti tale link, viene proposta la pagina seguente in cui viene richiesto di inserire il codice registrazione (fornito precedentemente in una delle email ricevute da tim.id@spid.tim.it) ed il proprio codice fiscale.
Come nota a latere, viene infatti indicato “Per riprendere la procedura di richiesta della tua Identità Digitale SPID inserisci il Codice di registrazione, che ti abbiamo inviato per email, e il tuo Codice Fiscale (persona fisica) o Partita Iva (persona giuridica)”.

Per proseguire, viene richiesto di inserire il codice registrazione ed il proprio codice fiscale

 

In realtà a distanza di qualche giorno arriva all’indirizzo di posta elettronica indicat0, una email con un link (del tipo https://videoid.trusttechnologies.it/videoid/userroom/spid?id=xxxxx-xxx-xxxx-xxxx-xxxxxxxxxxx) che consente di proseguire la verifica via Webcam dell’identità del richiedente. Viene infatti indicato che “un nostro operatore ti guiderà nella fase di video riconoscimento“. Si parla anche di una “prenotazione che hai già fatto sul calendario ti rimane comunque disponibile se non ti collegherai prima” … anche se in realtà la procedura effettuata fino a questo momento non abbia richiesto alcuna prenotazione ad una data/ora specifica!

Mail con il link per effettuare la identificazione tramite Webcam

Si noti infine che, sebbene vengano sempre in quella email indicati diversi browser compatibili, conviene nuovamente usare Chrome in quanto ho verificato funzioni mentre ad esempio con Edge, dopo avere atteso il mio turno, la connessione video non si è stabilita per cui il riconoscimento non si è potuto effettuare: una apposita email notifica il mancato riconoscimento e ripropone il medesimo link per riprovare:

Notifica di riconoscimento non riuscito e medesimo link per riprovare

Effettuando il click su quel link (o copiando l’URL associata ed inserendola ne browser (consiglio Chrome), compare la videata seguente che richiede di attendere il proprio turno per attivare il dialogo con un operatore tramite video chiamata. L’operatore comparirà nella finestra a sinistra insieme ad una finestra più piccola in cui uno si può vedere.

Finestra di attesa del proprio turno

La procedura di identificazione prevede la registrazione di domande dell’operatore e risposte relative del richiedente e deve essere eseguita con esclusivamente quest’ultimo ripreso dalla webcam e senza nessun intervento di terzi.
NOTA BENE: se per caso durante la registrazione si sentono suggerimenti o se per caso qualche altra persona viene ripresa anche di lontano, la registrazione viene interrotta e si deve ripetere tutta la procedura da capo, attendendo nuovamente un proprio nuovo turno.

Durante la identificazione viene richiesto di far vedere il documento di riconoscimento (e.g. carta di identità) indicata nella richiesta, il proprio tesserino sanitario.
Quindi durante la registrazione si richiede di: 

  • acconsentire al trattamento dei propri dati,
  • fornire le proprie generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita),
  • ente emissione del documento di identità (e.g. Comune di Torino),
  • numero della carta di identità, data emissione e data scadenza,
  • proprio numero di cellulare,
  • propria email,
  • data e ora corrente.

 

==========================================================
==========================================================

Procedura per richiedere il PosteID

==========================================================

In questa seconda sezione descrivo la procedura per richiedere  il PosteID, cioè lo SPID rilasciato dalle Poste Italiane che è uno degli Identity Provider autorizzati

In questo caso è necessario andare nel sito https://www.poste.it/posteid.html dove si trova il link per effettuare una pre-registrazione on-line di tutti i dati.

Accedendo a quel  link si deve premere il pulsante REGISTRATI SUBITO che consente di attivare tutta la procedura di registrazione dei propri dati anagrafici, email e numero telefonico con relativo invio di email/SMS per verificarli con OTP (One Time Password cioè un codice temporaneo valido una sola volta). Insomma la procedura è analoga a quella già analizzata per ottenere il TIMid.
Il sito posteid.poste.it serve sia per registrarsi e richiedere una propria identità digitale (SPID) sia, successivamente, per gestire quel PosteID fornito dalle Poste Italiane: in quest’ultimo caso si deve premere il tasto ACCEDI.

Tra le scelte relative alla identificazione della persona, esiste quella recandosi presso un uffici0 postale abilitato (sono molti, se non tutti):  secondo me è l’alternativa più vantaggiosa in quanto gratuita. Diversamente, esistono altre possibilità quale, ad esempio, un riconoscimento tramite il portalettere: in questo caso però l’operazione ha un costo.

Riconoscimento della persona (e.g. recandosi in un ufficio postale)

Si noti che, durante la procedura, viene richiesto l’inserimento di quella che risulterà poi la password presumibilmente associata alla propria email inserita da utilizzare come username, è richiesto il caricamento di due file, uno relativo al lato frontale sia della carta di identità sia del codice fiscale, ed analogamente l’altro relativo al retro di entrambe: i file caricabili sono solo due (uno per il frontale ed uno per il retro) per cui è necessario scansionare entrambi i documenti contemporaneamente o effettuare una elaborazione in modo da ottenere un file unico! Inoltre il nome dei file non deve contenere spazi, né caratteri speciali o accentati.

Viene comunque consentito eventualmente di lasciare all’ufficio postale il compito di acquisire tali immagini, sebbene ovviamente la procedura poi risulterà un po’ più lunga per cui, se si può, è meglio già caricare le due immagini 😉

Al termine della registrazione si ottiene la seguente videata in cui viene indicata la prossima ricezione di una email successiva ad una verifica dei dati/documenti inseriti precedentemente, in cui verrà indicato di proseguire la procedura tramite il riconoscimento in un ufficio postale.

Non penso che sia stata effettivamente effettuata una verifica dei dati inseriti nel portale, ma nel giro di pochi minuti arriva una email che indica: “Per confermare la tua richiesta di adesione a PosteID, devi farti identificare recandoti presso qualunque Ufficio Postale trascorse due ore dalla pre-registrazione. Hai a disposizione 30 giorni per completare la procedura“.

Quella email contiene anche il link (“Cerca UP“) per visualizzare gli uffici postali più vicini abilitati a quel riconoscimento (impostata, a tale scopo, l’opzione filtro PosteID abilitato a SPID), decisamente molti se non tutti.

Localizzazione uffici postali più vicini abilitato a SPID

Una volta che è stato effettuato il riconoscimento recandosi in un ufficio postale con il documento, nel giro di qualche ora arriva all’indirizzo email indicato nella registrazione, un messaggio che comunica l’avvenuta attivazione del Servizio PosteID abilitato a SPID.

Il livelli di autenticazione previsti sono di tre tipi, sempre più sicuri

  • Livello SPID 1 con nome utente e password
  • Livello SPID 2 con APP PosteID
  • Livello SPID 3 con APP PosteID + PIN

Dopo un po’ (nel mio caso dopo una mezz’ora) arriva anche un successivo messaggio che fornisce un link che consente di scegliere una nuova password:

… ed infine una ulteriore email con un allegato che riepiloga i dati di adesione e le accettazioni rese per la privacy:

Come indicato nella sezione apposita del sito delle Poste Italiane:
L’attivazione del codice PosteID avviene dalle App di Poste Italiane tramite una procedura guidata che richiede principalmente i seguenti passaggi:

  • Accesso all’App con credenziali di registrazione poste.it (NOTA: lo username è la propria email).
  • Ricezione di un codice di sicurezza via SMS sul numero di telefono rilasciato a Poste Italiane da inserire in App
  • Scelta di un codice alfa-numerico di 6 caratteri (codice PosteID).

Al termine del processo riceverai, via SMS al numero di telefono utilizzato per l’attivazione del codice PosteID, la conferma dell’avvenuta attivazione del codice PosteID e un codice di sblocco (PUK) da conservare, perché necessario per le operazioni di ripristino del codice PosteID nei casi e nelle modalità descritte di seguito nella sezione “Come ripristinare il codice PosteID“.

Sempre in quella sezione apposita del sito delle Poste Italiane viene descritto come ripristinare il codice PosteID:
Qualora in fase di autorizzazione di un pagamento da app tu abbia inserito per più di cinque volte il codice PosteID in modo errato o siano trascorsi sei mesi di inattività dall’attivazione del codice PosteID o dall’ultima transazione eseguita, dovrai richiedere il ripristino del codice. Tale procedura si effettua direttamente dalle app nelle sezioni dedicate alla Gestione del codice PosteID e prevede l’utilizzo del codice di sblocco (PUK) che hai ricevuto via SMS al termine del processo di attivazione del codice PosteID. Qualora tu abbia dimenticato il tuo codice PosteID dovrai contattare il Call Center di Poste Italiane per richiedere la cancellazione del codice PosteID dal tuo dispositivo e procedere nuovamente a una nuova attivazione, secondo le modalità indicate in precedenza nella sezione “Come attivare il codice PosteID“.

Purtroppo queste indicazioni importanti non sono, secondo me, sufficientemente evidenziate nei messaggi ricevuti via email o via SMS, seppure chiaramente indicati in quella sezione apposita del sito delle Poste Italiane che tuttavia ben pochi leggono per intero!
Per maggiori informazioni consulta la Guida all’utilizzo del codice PosteID presente sul sito delle Poste Italiane.

ATTENZIONE!!!
La procedura prevede la ricezione di diverse email ed SMS. Spesso il contenuto di quest’ultimi non
viene inviato anche via email per cui è essenziale non perdersi il loro contenuto. In particolare è essenziale segnarsi il PUK ricevuto solo via SMS per poter in futuro effettuare la procedura di ripristino del codice PosteID.
Nota che la procedura di recupero di quel codice PosteIDrisulta necessaria non solo qualora uno non se lo ricordi più o, in fase di autorizzazione di un pagamento da app, si abbia inserito per più di cinque volte in modo errato, ma anche se sono trascorsi sei mesi di inattività dall’attivazione del codice PosteID o dall’ultima transazione eseguita.

Come già evidenziato, molti sono gli SMS che si ricevono da PosteInfo durante tutta la procedura e questi risultano di diverso tipo ed importanza. In particolare quelli MOLTO IMPORTANTI, secondo me, non risultano sufficientemente evidenziati per quella loro rilevanza in futuro e probabilmente sarebbe stato meglio che avessero inserito qualche paralo di più. Perciò, nel seguito li riporto tutti una figura, contrassegnando con un diverso colore ciascun SMS in base alla sua tipologia ed evidenziando in rosso quelli di notevole importanza da non perdere e da salvare opportunamente.

  • SMS di OTP (One Time Password): forniscono una password per poter procedere in una procedura di autentificazione [da me contrassegnato in blu]
  • SMS di informazione: forniscono informazioni utili ma non essenziali [da me contrassegnato in verde]
  • SMS importanti: contengono codici da annotare e non perdere [da me contrassegnato in rosso]

SMS ricevuti contrassegnati a seconda della loro tipologia ed importanza

Si noti che nella prima email viene detto anche “Da oggi PosteID è disponibile anche con il livello di sicurezza SPID 3. Per richiederlo, è necessario accedere alla tua area riservata su posteid.poste.it e avviare la richiesta utilizzando il codice di attivazione SPID 3 che ti invieremo via SMS”.
Perciò, se si richiedono anche le credenziali per il livello di SPID3 (opzionale e non necessario per la 18app) , utilizzando il link fornito in fondo alla prima delle email ricevute e fornendo il codice di attivazione ricevuto via SMS, si otterrà anche la seguente email aggiuntiva. Viene fornito la possibilità di inserire un PIN di 8 caratteri relativo a questa forma di autenticazione ancora più sicura

 

In un successivo post vedremo come accedere al sito di 18app , ad esempio per richiedere un Buono Cultura da spendere in un negozio fisico o online, o analogamente utilizzando la  app18 (Bonus Cultura 18) installabile sul proprio cellulare.

Pubblicato in Just for fun!, Review e test, Windows | 2 commenti