How to record a smartphone screen video

First of all I must say that every smartphone brand (possibly model) has its own way to record its screen, even though all that devices have an Android O.S. . In fact, this is a feature proper of an embedded app provided by the factory itself. For example, for some device, like the Xiaomi Redme Note 7, the shortcut to start a recording is to press simultaneously the switch on and the volume up buttons. While the simultaneous pressing of the switch on and the volume down buttons very often takes a picture (even in my Samsung device), that start of a video is not so standard (it doesn’t work in my Samsung smartphone).

Therefore in the following I will show you how to manage a recording in my Samsung Note 10 Plus smartphone … and take it in mind that it could be a feature available even only for some Samsung high-end models and not for all ones!!

The feature is no longer tied to Game Tools; instead, Galaxy Note 10 users can now start recording their screens right from the Quick setting menu at the top, available swiping with two fingers from the top of the smartphone screen: a Record screen [IT: Registr. schermo] function is available here.

Quick setting menu at the top, available swiping with two fingers from the top of the smartphone screen

Selecting that Record screen [IT: Registr. schermo] function, you are asked if you want to start a screen recording and you have to choose among those options:

  • No audio
  • Multimedia audio
  • Multimedia audio and microphone

The last one is perfect for a tutorial … and you can also add a circle with the video of your face that you can position where you like and also choose the size you prefer.

Pressing Start recording [IT: Avvia registrazione] the recording starts with the quality set in Settings -> Advanced functions -> Screen recording and screens -> Settings screen recording [IT: Impostazioni -> Funzioni avanzate -> Registrazione schermo e schermate -> Impostaz. registrazione schermo].

Settings screen recording [IT: Impostaz. registrazione schermo]


By default it is shown the recording time and the stop button:

 Recording time and the stop button

Pressing the < symbol, further functions appear, to add/remove the circle video during the recording or add pen signs on the screen with possible different colors:

Add/remove the circle video during the recording or add pen signs on the screen with possible different colors

The circle video can be moved where you better like

 

___________

Moreover, in this video it is shown to possibly add the start screen recording even in the left Quick menu, in its Task edge [IT: Funzioni] section: this requires to install, from the Samsung Store, the Good Lock app and then from it install the Nice Shot feature app. In this way, the Take screenshot [IT: Acquisisci schermate] will have an additional action on the top of its tool bar that allows to start a video screen:

Unfortunately that app is not officially supported in many countries, like Italy, so you could not find it searching in the Samsung Store. Why this restriction? I really do not know … However there are several sites that give a link to download the apk from some mirror store, in order to install that app anyway (e.g. this site where there is this link to the page of Samsung Mirror store. The Good Lock apk version currently available is the 1.0.00.64, uploaded 16 March 2020).

Then you can have a quick access to that function adding it in the quick toggle menu in the notification shade. … Just swipe the quick toggle menu to the left, and you can start recording your screen as soon as you tap that toggle:

Add the screen capture/screen recording function to the left quick toggle menu

 

Pubblicato in Review e test, Smartphone OS, Tecnologia | Lascia un commento

How to record a screen video in Windows 10

Sometime. for example for explaining how to do something, it is useful to record a video of what is happening on a screen and possibly record also what you are saying using the microphone.

How to do that on a Windows 10 PC was already a matter of some old posts (How to record the screen in Windows 10 for free … with the Xbox app; Microsoft Expression Encoder 4: how to record your PC screen for free (in HD)) but in this post I will show you some more and in particular a “new” one embedded in Windows 10 since May 2019 (1903 version): 

the Game bar (IT: Barra dei giochi). You can find its settings in a proper section Settings -> Game -> Game bar [IT: Impostazioni -> Giochi -> Barra dei giochi] of the Windows 10 settings: from here you can find the default settings for open that game bar (Win + G), start a recording (Win + Alt + G), Start/Stop recording (Win+ Alt + R), activate/deactivate microphone  (Win + Alt + M), take a screenshot (Win + Alt + Print) and other things.

As I said for the Xbox app, even this Game bar initial target were games, but now its features can be used in several situations, even for the teaching purposes.

Game bar (IT: Barra dei giochi) settings page

Pressing Win + G starts a series of floating panes that overlap any displayed application: note that, if you are using more than one screen, they will appear on the screen where you currently have the active window and on that screen the game bar will act.

Game bar floating panes that overlap any displayed application

With E I highlighted is the main Game bar that allows to activate several other floating panes. The A and B pane are the most interesting one is you ara not interested in using that bar for games. In particular with the A pane you can take a full screen shot, start a background recording for the current running app, start a recording  and set the microphone ON/OFF.

Note that the background recording obviously takes CPU computation and so it is to be activated only when needed, e.g. capture the last 30 seconds to retrieve abnormal behavior detected in the running program/app/browser.

Last 30 seconds background recording, must be activated only ìf needed

After any recording, you can find the file in the default Video forlder (by default %userprofile%\Videos\Captures [IT: %userprofile%\Video\Acquisizioni] but that folder can be even reached clicking on Show all clips and then Open file path:

How to open the folder where all clips are saved

_____________

Another possible solution to record your PC screen is to use the free OBS Studio, downloadable from here. It is compatible with Windows, Linux and macOS and it allows not only to record the screen but also to send online streaming in real time, for example on YouTube (OBS is in fact an acronym for Open Broadcaster Software).

The Sources pane [IT: Fonti] at the bottom allows you to select the source of the video stream: to record the screen you just need to select Display [IT: Cattura lo schermo].

Choose as source the display right clicking on the Sources area and then Add -> Screen capture or Windows Capture,  instead of an external source like a webcam:

Choose as source the display right clicking on the Sources area and then Add -> Screen capture or Windows Capture

The Start/Stop Recording buttons at the bottom right let you start recording the screen and save it, by default in Windows, as a FLV file in the %userprofile%-Videos folder (you can quickly access it with a click on File -> View Recordings). Note that if you do not see the Control [IT: Controlli] panel on the bottom right, you need to go in Show [IT: Visualizza] on the top menu, then Panel and check Controls:

By clicking Settings then on Shortcuts, you can define keyboard shortcuts to start or block recording.

Finally, clicking File -> Convert Recordings, lets you use OBS Studio to turn FLV files into MP4 format.

______

You can see  even more solutions in this article (it is in italian, but pictures and link can be useful to understand its text … and you can always use the translation feature of your browser!) talking also of Ezvid, Electa Live Screen Recorder, Screencastify a versatile chrome extension.

Pubblicato in Tecnologia, Windows | Lascia un commento

Coronavirus: epilogo di “quando gli addetti ai controlli non danno il buon esempio”

In un post di una settimana fa avevo evidenziato come, talora, delle persone addette al controllo di corretti comportamenti nella popolazione, a loro volta non li rispettino loro in prima persona, non dando quindi un buon esempio alla cittadinanza.

Ovviamente, la mia era una critica puntuale ad un evento specifico e non certo una rivolta a tutta una categoria di persone che, anzi, in generale penso svolga egregiamente le sue funzioni istituzionali.

Come spesso faccio, quando vedo qualcosa che non va e che si potrebbe invece migliorare con una partecipazione attiva dei cittadini, mi sono rivolto via email all’URP del Comune di Torino, sempre efficiente nel dirottare propriamente le segnalazioni inoltrate dai cittadini:

Infatti, la mia segnalazione è stata inoltrata dove conveniva, cioè all’Ufficio Relazioni Esterne della Polizia Municipale di Torino:

Nel giro di poche ore, mi vedo arrivare una loro risposta,  con l’indicazione che la mia segnalazione era stata posta all’attenzione del Comandante del Corpo per le verifiche.

Dopo cinque giorni ricevo una risposta, per certi versi sconcertante: “ci siamo assicurati che il collega anche quando si è tolto la mascherina fosse a una distanza di sicurezza. D’altro canto potrà ben capire anche Lei che per chi, come noi, deve indossare il DPI (n.d.r. Dispositivi di Protezione Individuale), indossare la mascherina per un intero turno non è possibile“.

La mia successiva risposta non è potuta che essere questa:

Sostanzialmente obiettava entrambi i punti espressi nella comunicazione:

  1. “Ci siamo assicurati che il collega anche quando si è tolto la mascherina fosse a una distanza di sicurezza”.

    In verità, la distanza di sicurezza (di cui sembra si siano assicurati) è mancata in diverse occasioni (ad esempio, quando quel poliziotto gestiva l’entrata nell’area del mercato delle persone in coda, quando passava tra le code ai banchi, o anche quando mi sono avvicinato a lui per fargli notare che non stava dando un buon esempio); inoltre non c’è stata quasi mai nei confronti della sua collega, molto spesso al suo fianco (lei sempre indossando bene la mascherina).
    Anche solo le foto pubblicate penso dimostrino ampiamente ed oggettivamente quelle mie affermazioni al riguardo … ma se non bastassero ne ho anche delle altre, scattate – alla luce del sole – nel corso di più di un’ora di permanenza in coda e nel mercato, tutte ovviamente con associata data ed ora nei metadata di ciascun singolo file.
  2. “D’altro canto potrà ben capire anche Lei che per chi, come noi, deve indossare il DPI (n.d.r. Dispositivi di Protezione Individuale), indossare la mascherina per un intero turno non è possibile”.Sinceramente non comprendo. Nelle attuali circostanze ritengo, infatti, che per tutto il tempo in cui un poliziotto (come qualsiasi altro lavoratore) deve operare a contatto con altre le persone/colleghi, la mascherina debba tenerla sempre e ben messa. Nel caso poi di addetti alla sicurezza, come in quel caso specifico, questo principio penso valga ancor più, in quanto proprio da loro dovrebbe arrivare il buon esempio.
    D’altra parte i commercianti del mercato, così come le cassiere dei supermercati, la tengono sempre la mascherina quando servono i clienti.
    Ho chiesto poi a mia moglie, medico, per quanto tempo tiene la mascherina in ospedale. Addirittura meravigliandosi della mia domanda, mi ha risposto: “Ovviamente SEMPRE. Ce la togliamo solo quando andiamo in mensa a mangiare, dove ciascuno di noi è ad un tavolo ben distanziato dagli altri colleghi”. Per non parlare poi di quando, a turno, devono operare nel reparto specifico dei contagiati, dove devono usare una specie di scafandro, ben più fastidioso da tenere rispetto ad una semplice mascherina!
    Non per sminuire in generale le funzioni, fatiche e responsabilità dei poliziotti ma, nel caso specifico, penso non ci sia da discutere sulla loro “possibilità di indossare con continuità una mascherina“, se si paragona sia la fatica fisica di chi sposta casse di frutta rispetto a chi solo cammina, sia la fatica mentale e la responsabilità di chi opera in una struttura ospedaliera rispetto a chi controlla la regolarità dei comportamenti in un mercato.

Il giorno seguente, la successiva risposta:

Se devo dire la verità, leggendola mi era venuto il dubbio di non sapermi spiegare bene neppure scrivendo in italiano, figuriamoci in inglese!! 🤔
Avevo infatti risposto alla precedente email cercando di obiettare che non era vera l’asserzione che la distanza di sicurezza era stata comunque sempre mantenuta e, nella nuova risposta, mi si diceva: “spero che sia ora adeguatamente rassicurato dall’atteggiamento del nostro personale e dal preciso e puntuale rispetto delle prescrizioni“!
Avevo poi voluto chiedere chiarimenti su come mai i due agenti, che controllano il mercato, camminino SEMPRE insieme (suggerendo che sarebbe meglio operassero singolarmente in diverse zone del lungo mercato, per svolgere al meglio la loro funzione di controllo) e viene inteso che io domandi loro perché gli agenti lì comandati non fanno altro che controllare il mercato e mi si risponde quindi che ciò accade proprio perché espressamente previsto da un’ordinanza regionale di riapertura dei mercati che prevede espressamente l’obbligo di controllo, per tutta la durata di apertura, da parte della Polizia Municipale.

Incomprensioni lessicali o classica tattica da “muro di gomma”, tipica di chi non vuole rispondere a critiche puntuali ed affrontare nel vivo una questione?

Le risposte fornite, seppur estremamente gentili e cordiali, ritengo personalmente siano da grande arrampicata sugli specchi in difesa della categoria, pur trattandosi di un appunto da poco il mio, sebbene non irrilevante.
Sicuramente avrei apprezzato maggiormente una risposta chiara e sincera tipo: “La ringraziamo della segnalazione ed abbiamo provveduto affinché certi comportamenti inappropriati non abbiano più a verificarsi“.
… ma, forse, era pretendere troppo!! Tuttavia, secondo me, un’ammissione anche di “piccole” mancanze, accompagnata da una indicazione di aver provveduto a rimediare in un’ottica di un progressivo miglioramento, farebbe sentire un cittadino maggiormente difeso da chi è pagato per farlo.
Qualsiasi persona, organizzazione o corpo dello Stato può incorrere in mancanze, più o meno gravi, … e questo è umano. Penso che l’ammissione sia sempre il primo passo dovuto per un reale miglioramento, mentre la negazione dell’evidenza e l’auto affermazione di infallibilità non servono invece a molto a quello scopo.

Quello che comunque sicuramente conta di più è che, nonostante le risposte evasive, quel comandante sembrerebbe essersi preoccupato di verificare il corretto comportamento dei suoi addetti.  Questo suo interessamento merita sicuramente il mio ringraziamento e la mia stima.
Ora, tutte le volte che mi sono recato in quel mercato a fare la spesa, ho visto entrambi i poliziotti, che lo presidiano, portare la mascherina sempre e ben messa … o almeno così era tutte le volte che li ho incrociati!

Eppure ho continuato a notare come camminino SEMPRE insieme, come avevo già  evidenziato anche nella mia risposta. Viene quindi naturale domandarsi se non sarebbe invece più opportuno che avessero indicazione di controllare, almeno ogni tanto, zone diverse del lungo mercato, se è vero che si è decisa necessaria una continua presenza, in ciascun mercato, di due addetti della polizia locale per controllare appunto il rispetto delle indicazioni di sicurezza da parte sia dei commercianti sia degli acquirenti. Diversamente continuo a non comprendere la necessità di avere due poliziotti presenti in quel luogo, pagati dalla collettività, anziché uno solo.

Spero quindi che anche questo suggerimento venga recepito, sebbene non mi sia arrivata una specifica risposta al riguardo. Infatti, la mia ultima risposta di chiarimento è rimasta inevasa, per cui, almeno per ora, il dubbio sulla motivazione di quel comportamento (se esiste) continua a sfuggirmi …

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Torino e dintorni | 1 commento

XXV aprile 2020: film per ricordare

Domani sarà un 25 aprile un po’ particolare, ma forse proprio per questo merita di essere maggiormente ricordato, in questi giorni affollati di pensieri, non certo di persone.

Ho visto, a tale riguardo, un post su Facebook che faceva riferimento ad una bella iniziativa promossa dalla città di Rivalta di Torino.

In quella pagina dedicata all’evento, oltre ad un file “leggere per ricordare“, contenente una bibliografia redatta dalle biblioteche rivaltesi, ho trovato di particolare interesse la sezione dedicata alla filmografia, a cura di Umberto Mosca, docente e critico cinematografico. Si tratta infatti di un’antologia ragionata di sequenze per costruire e condividere un immaginario di quel 25 aprile.

Sperando di contribuire con questo mio post a dare ancor maggior voce a questo interessante lavoro di sintesi, riporto integralmente il testo contenuto in quella sezione, abbinando i riferimenti agli spezzoni dei film indicati che possono essere così visionati direttamente leggendo il testo.

Alcuni di quei film non li conoscevo e anche solo la visione di quei brevi video presenti su YouTube mi ha stimolato il desiderio di cercarli per vederli integralmente in un prossimo futuro!

==================================
Prima Parte

________________

L’UOMO CHE VERRÀ di Giorgio Diritti (2009)

L’eccidio e le stragi della popolazione civile
Un film che ci aiuta a comprendere quella forte sinergia che si realizza tra i fatti reali che guidano un regista nella costruzione di un film sulla Storia, attraverso un accurato lavoro di documentazione, e una dimensione creativa che è costretta ad immaginare per rievocare gli eventi. È il processo secondo cui il
Cinema lavora sulle emozioni, i sentimenti e le psicologie, mentre la Storia lavora sui fatti e sui documenti.
Questa è la ragione per cui in un film è fondamentale individuare uno specifico punto di vista che accompagni lo spettatore all’interno della narrazione e che qui è rappresentato da una bimba di otto anni che alla fine dovrà prendersi cura dei sopravvissuti, provando ad immaginarsi un futuro…
In quest’opera gli avvenimenti rappresentati sono quelli della cosiddetta “strage di Marzabotto”, espressione comune per indicare l’Eccidio del Monte Sole, compiuto dai nazisti tra la fine di settembre e i primi di ottobre del 1944 ai danni di 1830 vittime civili della popolazione dei comuni di Marzabotto, Grizzana Morandi e Monzuno, in provincia di Bologna.

____________

IL PARTIGIANO JOHNNY di Guido Chiesa (2000)

L’azione e la vita militare
Le particolari caratteristiche della lotta partigiana, tipicamente incentrata su azioni di guerriglia, vengono qui rappresentate visivamente dai movimenti irregolari della macchina da presa, dalla scarsissima luminosità delle immagini e da un montaggio secco e nervoso in cui lo spettatore fa davvero difficoltà ad orientarsi.
Il film di un regista piemontese che ha sempre manifestato il proprio interesse artistico per la Resistenza, narrata indirettamente nel suo film d’esordio Il caso Martello del 1991 e nel documentario del 1998 Una questione privata dedicato alla vita e alle opere di Beppe Fenoglio, autore del romanzo Il partigiano Johnny.
Costruito sull’idea che il racconto della Resistenza, a oltre cinquant’anni di distanza, tocchi ancora i nervi scoperti del pubblico (vedi anche la curiosa sequenza dei titoli di testa, in cui la pellicola “salta” e va fuori sincrono), Il partigiano Johnny viene prodotto ritornando sui luoghi reali di Alba e delle Langhe in cui si sono svolti i fatti romanzati da Fenoglio. È un “racconto di formazione” in cui il personale apprendistato alla vita del protagonista coincide con la militanza nelle file delle diverse formazioni partigiane (in particolare i rossi delle Brigate Garibaldi e gli azzurri “badogliani”).

____________

L’AGNESE VA A MORIRE di Giuliano Montaldo (1976)

L’impegno civile e la militanza partigiana
Tratto dal primo romanzo sulla Resistenza della letteratura italiana, scritto da Renata Viganò e pubblicato nel 1949, il film diretto da Giuliano Montaldo è una visione “anti spettacolare” della Resistenza, in cui prevalgono le ambientazioni e le tinte invernali, la vita quotidiana degli abitanti e una non chiara
definizione degli eventi, dove le difficoltà dello spettatore a comprendere i fatti è il prodotto delle comunicazione precarie e interrotte in un territorio occupato militarmente dai tedeschi.
Il film, che pone in primo piano il ruolo delle donne nell’ambito della Resistenza, è stato girato in quelle Valli di Comacchio dove Roberto Rossellini aveva messo in scena il sesto episodio di Paisà (1946), realizzato a pochi mesi dalla fine della guerra nei luoghi reali in cui si era combattuta.
Questa clip antologica mette in primo piano l’adesione spontanea di Agnese alla lotta partigiana a seguito della morte del marito per responsabilità degli occupanti e la sua progressiva presa di coscienza politica come staffetta partigiana.

________________

NOVECENTO di Bernardo Bertolucci (1976)

La guerra civile e lo scontro ideologico
Nella ricchissima produzione di Bertolucci per la 20th Century Fox, abitata da grandi attori del presente e del passato, la Storia viene narrata come uno spettacolare melodramma epico e popolare, ispirandosi alle tinte forti e ai sentimenti esasperati tipici dell’opera lirica. Il cinema come grande narrazione collettiva del nuovo secolo, che prende il posto dell’ottocentesco melodramma.
Nella rappresentazione di Bertolucci il 25 Aprile 1945 è il giorno della “resa dei conti”, dove il fascista locale Attila viene inseguito e aggredito dai contadini, che riconoscono in lui l’incarnazione del potere e della violenza fascista.
Indicativo è il fatto che il film, dedicato ai primi settant’anni del Novecento, inizi proprio con l’episodio della fine della seconda guerra mondiale, incentrandosi su una forte contrapposizione ideologica tra la sinistra e la destra, sui temi politici della lotta di classe e sull’opposizione tra il radicalismo comunista (la posizione del giovane Leonida) e la moderazione della borghesia (il personaggio di De Niro).

________________

ROMA CITTÀ APERTA di Roberto Rossellini (1945)

La visione del futuro
Il film sulla Resistenza girato in una Roma appena liberata: le riprese del film iniziarono nel gennaio del 1945, a pochi mesi dall’ingresso delle truppe americane (giugno 1944), realizzate nelle condizioni materiali assai difficili in cui si trovava la città e facendo fronte alla scarsa disponibilità di pellicola e di materiale
tecnico.
Incentrato sui fatti storici dell’attentato di via Rasella e dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, il film mette in primo piano, attraverso la figura di Don Pietro Pellegrini, i valori spirituale della Resistenza, i temi della dignità e della scelta. La figura di Don Pietro è una sintesi dei sacerdoti vittime dei nazifascisti Pietro Pappagallo e Luigi Morosini.
La sequenza finale del film, con l’immagine dei ragazzini che scendono verso la città esprime una prima suggestiva idea di futuro e di libertà: è iniziata la formidabile stagione del Neorealismo cinematografico, caratterizzata da un ritorno ai paesaggi della realtà quotidiana, dopo lo stile da commedia leggera e le opere di propaganda bellica dei film del lungo periodo fascista.

==================================
Seconda Parte

_____________

INTERVISTA A DON POLLAROLO (1984)

La questione dei documenti filmati
Tutta la Storia del Novecento è scandita dal tema della documentazione dei fatti e dal valore delle testimonianze filmate, al fine della ricostruzione degli avvenimenti e della costruzione di una memoria trasmissibile e condivisibile.
L’attività di Don Giuseppe Pollarolo (nativo della provincia di Alessandria e per diversi anni parroco nel quartiere Vallette a Torino) come “reporter” della Resistenza rappresenta una risorsa preziosa per proiettare sugli avvenimenti e le figure della Storia il valore della documentazione diretta. Proiettate nei
decenni successivi, e fino a oggi, le riprese di Don Pollarolo realizzano la magia di far riapparire le “ombre passeggere” del passato, come vengono definite dal grande studioso francese Pietre Sorlin.

________________________

LE PRIME BANDE di Paolo Gobetti (1984)

Le testimonianze
Nel 1966 nasce a Torino l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza (ANCR), fondato da Paolo Gobetti, che ha l’obiettivo di rivitalizzare, attraverso la forza emozionale e la complessità di discorso delle immagini filmiche, l’esperienza della Resistenza, sottraendola alle narrazioni celebrative delle istituzioni.
Ex partigiano dall’età di diciassette anni in Val di Susa, Paolo è figlio di Piero Gobetti, intellettuale, giornalista e scrittore morto in seguito alle violenze squadriste. Nei documentari prodotti dall’ANCR l’obiettivo di Gobetti e dei suoi collaboratori è di creare un forte legame tra il passato e il presente, riportando i protagonisti della Resistenza sui luoghi degli avvenimenti per ritrovarne le emozioni, i valori e le contraddizioni.
In questa sequenza Paolo Gobetti intervista Sergio Bellone, già antifascista prima dello scoppio della guerra e successivamente partigiano in Val di Susa e poi a Torino.

_______________

2 LUGLIO 1944 di Tatjana Callegari (2016)

La memoria e le nuove generazioni
Questo cortometraggio è ispirato ai fatti dell’eccido del Colle del Lys, la strage compiuta dai tedeschi contro una brigata partigiana operante nei comuni di Rivoli, Grugliasco e Avigliana. Catturati nel corso di un rastrellamento, ventisei prigionieri vennero dapprima seviziati e torturati per ottenere informazioni e infine fucilati sul colle. A partire da quei fatti, la regia di Tatjana Callegari utilizza le nuove tecniche di ripresa, con
la macchina che si muove liberamente per cogliere il “respiro” dei luoghi attraverso la messa in scena e per realizzare quella forte “immersività” che caratterizza l’immagine audiovisiva contemporanea. Con l’obiettivo di costruire una “rievocazione filmica” che tocchi le corde dell’emozione e dell’interesse delle
generazioni più giovani. Il corto è un “teaser”realizzato in vista della produzione di un lungometraggio che racconti gli avvenimenti del Col del Lys nella doppia prospettiva del passato e del presente.

________________

ALDO DICE 26×1 di Fernando Cerchio (1946)

Realtà e rappresentazione
Ispirato al celebre messaggio in codice che lanciava l’insurrezione generale di tutte le formazioni antifasciste, il film firmato da Fernando Cerchio “documenta” e “mette in scena” al contempo i giorni della liberazione di Torino, con l’arrivo in città delle formazioni partigiane e la fuga dei tedeschi e l’insediamento del Comitato di Liberazione Nazionale, mentre stanno per celebrarsi i funerali delle vittime dell’occupazione
nazista.
La caratteristica saliente di quest’opera, che costituisce il primo lavoro di ricostruzione dei giorni dell’insurrezione attraverso le immagini filmate, è quella di essere formata da riprese che sono state tutte realizzate nei giorni della liberazione, in un periodo in cui il regista stava girando un film di finzione presso gli studi FERT di corso Lombardia. E di finzione sono alcune scene che mostrano le camionette dei partigiani che scendono in città dalla collina, a quanto pare interpretate il giorno successivo dagli studenti torinesi che si sono calati con entusiasmo nella parte dei combattenti.

__________________

MAI TARDI: LA RESISTENZA IN VAL DI SUSA di Armando Ceste (1996)

I valori a cinquant’anni di distanza
A metà degli anni Novanta un gruppo di partigiani della valle di Susa si ritrova nella stessa osteria da cui, giovanissimi, gli stessi erano saliti in montagna per formare le prime bande della Resistenza.
Il titolo del film è preso in prestito dal diario della spedizione in Russia scritto dal partigiano e scrittore Nuto Revelli e unisce strategicamente due obiettivi: da un lato il lavoro sulla Memoria e la sua conservazione attraverso le testimonianza diretta dei protagonisti della Storia e, in parallelo, una riflessione in chiave
attuale sugli ideali e le idee sociali che nutrivano la lotta partigiana.
Armando Ceste, già fondatore del collettivo torinese Cinema Militante e direttore del Valsusa Filmfest, ha prodotto il film con il contributo prezioso dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma.

 

==============================
Per finire, eccovi il video realizzato, per la rassegna “Aspettando il 25 aprile”, dal Gruppo teatro ragazzi de L’Iniziativa Musicale che interpreta la poesia di Pietro Tajetti “Vecchio Partigiano“:

Pubblicato in Fotografie, Pensieri&Parole, Ricordi, Torino e dintorni | 2 commenti

Coronavirus: la tesi di Montagnier della ‘fuga di un virus per il vaccino contro l’Aids’, fake o possibilità?

In qualsiasi contesto “Il dubbio è scomodo, ma solo gli imbecilli non ne hanno”. Beh, sì, lo ammetto … in questo periodo mi piacciono in particolar modo le affermazioni di Voltaire. Sicuramente un tipo illuminato quello! … beh, era legato al movimento culturale dell’illuminismo, no? In questi ultimi giorni si riaffaccia, nelle discussioni sull’origine del Covid-19, l’ipotesi della manipolazione umana. Avevo già scritto un post al riguardo: Tutti ormai sicuri. Dichiarazioni all’unisono, da virologi a politici: “L’ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio. TRANQUILLI, è naturale al 100%, PURTROPPO” ed ora forse è il caso di aggiungere qualche parola in più, sempre da profano del settore … ma tanto mi sembra che anche molti degli articoli che appaiono su giornali illustri o meno non vengano proprio scritti da virologi affermati e con esperienza!! Ne abbiamo sentite di tutte i colori relativamente alle origini di questo virus ma la cosa certa è la presenza di troppe coincidenze relativamente alla sua origine, nella città di Wuhan. La tesi ufficiale cinese relativa ad animali messi in vendita nel mercato del pesce di Wuhan non mi sembra verosimile se poi si pensa che a pochi passi c’è il Centro di Controllo e Prevenzione delle Malattie che da anni manipola proprio animali infetti di coronavirus (si è parlato di ben 600 pipistrelli ivi tenuti!). A pochi passi c’è poi lo Union Hospital “dove sono state registrate le prime infezioni tra i medici”. Il 29/3/2020 in un articolo su La Stampa si leggeva: “L’Istituto di Virologia di Wuhan ne ha rintracciato l’origine in un virus del pipistrello trovato in una grotta di una montagna vicino al confine cinese con il Myanmar.  I due virus condividevano oltre il 96% dei loro geni, ma il quello del pipistrello non era in grado di contagiare l’uomo, perché privo di una proteina per legarsi ai recettori delle cellule umane. L’anello mancante, i coronavirus con una simile proteina, è stato trovato successivamente nei pangolini in Malaysia, il che ha portato a ritenere che il micidiale nuovo coronavirus della polmonite sia una ricombinazione dei genomi dei virus del pipistrello e del pangolino”. Insomma, il pangolino: l’unico mammifero con le scaglie, a metà tra un formichiere e un armadillo. Vive di notte ed è capace di mangiare 2 etti e mezzo di formiche al giorno   … anche lui a rischio estinzione. Qualcuno lo conosce solo perché Google lo aveva scelto come simbolo di San Valentino nel 2017! Come???? Sto virus dal pipistrello che vive nelle grotte di montagna in Cina, va infettare un pangolino Malaysiano e poi passa all’uomo? Noooo! Credo allora davvero più ad una manipolazione di laboratorio allora!!! Ma diversi esperti virologi abbiamo visto che dicono da settimane con certezza assoluta: “Non è possibile”! Altri, seppur in minoranza, no. Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina nel 2008 per aver scoperto l’HIV come causa dell’epidemia di Aids, ha dichiarato in un canale podcast francese ‘Pourquoi Doctor specializzato in medicina e salute: “Con il mio collega, il biomatematico Jean-Claude Perez, abbiamo analizzato attentamente la descrizione del genoma di questo virus Rna. Non siamo stati i primi, un gruppo di ricercatori indiani ha cercato di pubblicare uno studio che mostra che il genoma completo di questo virus ha all’interno delle sequenze di un altro virus, che è quello dell’Aids. Il gruppo indiano ha ritrattato dopo la pubblicazione, ma la verità scientifica emerge sempre. La sequenza dell’Aids – ha concluso il Nobel – è stata inserita nel genoma del coronavirus per tentare di fare il vaccino”. “Intervenire su un genoma è un lavoro da apprendisti stregoni ma la natura non accetta queste manipolazioni e, con il tempo, le elimina“. Nei giorni successivi, subito la smentita di diversi altri ricercatori. Ad esempio l’articolo dal tritolo altisonante “La virologa delle Scotte contro Luc Montagnier: “Covid-19 non è nato in laboratorio”. Leggendo però poi bene l’articolo in realtà la dottoressa ha detto: “Non possiamo stabilire se il virus è stato prodotto artificialmente o è ha origini naturali ma credo che sia successa quest’ultima cosa“ … opinione dunque, non certezza, … e mi sta bene! Poi altri titoli di giornali prestigiosi o meno come, ad esempio Il Foglio (“Una Montagnier di fuffa – Non basta vincere un premio Nobel per essere immuni alle fesserie sul coronavirus. Un debunking), La Stampa (Coronavirus, la comunità scientifica demolisce le tesi di Montagnier sul Covid-19 creato in laboratorio”), La Repubblica (“Coronavirus, perché la teoria del complotto (complice il Nobel Montagnier) a volte ritorna – Il virologo Perno: ‘Nessun intervento dell’uomo su un virus è privo di tracce. E di quanto ipotizzato da Montagnier, noi non vediamo nulla’ “)

), Il Fatto Quotidiano (“Coronavirus, 10mila scienziati contro il Nobel Montagnier: ‘Falsa e infondata l’ipotesi che il Covid sia nato in un laboratorio di Wuhan’)”. Leggendo però bene, quest’ultimo articolo, sempre ad esempio, non si tratta di una petizione firmata da 10mila scienziati (in così pochi pochi giorni farebbe pensare!!), bensì di una dichiarazione della Federazione Italiana Scienze della Vita (FISV) che riunisce 16 società scientifiche per un totale di quasi 10mila scienziati … che poi tutti gli aderenti siano proprio così d’accordo con quella affermazione, è ancora da comprovare! Si legge poi anche “i ricercatori invitano a “non prendere automaticamente per oro colato quello che viene da un premio Nobel semplicemente perché ha questo titolo, anche perché questo particolare Nobel da molti anni sostiene bufale scientifiche e getta discredito sulla scienza sana”, affermando anche che quella di Montagnier è un’ipotesi “di fatto interamente falsa ed infondata”; l’analisi delle sequenze genetiche del nuovo coronavirus conferma che si tratta, di “una naturale evoluzione e non di una ricombinazione in provetta – ha aggiunto la Fisv – Le brevi sequenze codificate anche nel genoma dell’HIV si sono generate per caso, come dimostra il fatto che si ritrovano in numerose proteine di mammiferi, insetti, batteri, e virus”.
Sempre da profano, mi sento di dire che il fatto che delle “brevi sequenze” del genoma dell’HIV si ritrovino altrove in modo naturale, non mi sembra escluda che siano state inserite appositamente (ad esempio per la ricerca di un vaccino) in un virus che originariamente non le conteneva! Il fatto infine che quelle sequenze specifiche stiano pian piano scomparendo nell’evoluzione vista del virus negli USA, potrebbe far pensare proprio ad una eliminazione naturale di mutazioni generate forzatamente. secondo quella legge che tende ad eliminare corpi estranei non generati naturalmente.
Sull’articolo de La Stampa citati, invece, si riportano affermazioni di Etienne Simon-Loriere, ricercatore all’Istituto Pasteur: «Assomiglia troppo a qualcosa di naturale … Per creare in maniera artificiale un virus così grande ci vogliono conoscenze tecniche di cui pochi laboratori dispongono nel mondo, meno di una decina. E appare poco plausibile che degli scienziati abbiano potuto creare un virus che interagisce così bene con il recettore Ace2 (attraverso il quale s’installa nel corpo umano), mentre questo meccanismo non era mai stato osservato in precedenza».
Infine l’Huffingtonpost in un suo articolo afferma: “Non ci sono prove che garantiscano una qualche certezza alla teoria della svista in laboratorio, è bene precisarlo. E sono tanti gli scienziati, anche in Italia, che si sentono di scartare questa ipotesi. Ma il dibattito sulla vera origine del virus va avanti, e si arricchisce ogni giorno di nuove opinioni”. E poi riporta le affermazioni di Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dello Spallanzani: “Il virus non cambia, è stabile e non ci sono prove che sia stato creato in laboratorio“. Gianni Rezza, direttore Malattie infettive dell’Iss, si riporta abbia affermato: “Da un po’ di tempo Montagnier è un po’ fantasioso nell’ipotesi scientifica. In ogni caso non abbiamo evidenze”.

Il testo integrale dell’intervista viene riportato in questo articolo, tradotto in italiano. Insomma non si sa a chi credere: meglio prendere per buone tutte le ipotesi allora, no? Perché poi fare certe dichiarazioni “scomode” e forse permesse solo a chi ha dei crediti particolari quali un premio Nobel? Per mettersi in mostra ad andare sulle prime pagine dei giornali? Forse.
Per dare adito ad alcuni politici di criticare la Cina e attuare politiche di protezione economica? Forse.
Per ripicca nazionalistica perché, da quanto ho letto, il Wuhan Institute of Virology (WIV), inaugurato nel 2017, era nato grazie alla cooperazione tra Pechino e Parigi (che lo ha in parte finanziato e soprattutto ha fornito il know-how per la sua costruzione) ma poi, i francesi ne sono stati in maniera misteriosa estromessi? Forse.

Ma troppi insulti di incompetenza e addirittura di forse pazzia ho letto da dichiarazioni rilasciate a giornali anche da persone non proprio così competenti. Perché?

Perché  non è la prima volta che Montagnier crea un certo scalpore nell’ambiente scientifico (presunta origine microbica dell’autismo, crociata contro i vaccini che nel 2017, gli ha valso una petizione firmata da un centinaio di medici, che hanno definito «pericolose» le sue dichiarazioni)? Forse.
Perché non è bene che la gente sappia quali tipologie di studi si possono oggigiorno fare nei laboratori di biogenetica e quali deficienze ci possono essere in alcuni di loro relativamente alle misure di sicurezza adottate ed ai controlli di enti predisposti? Forse.
Perché  è meglio non creare conflitti diplomatici con paesi economicamente forti come Cina e Stati Uniti, che in qualche modo sarebbero coinvolti pesantemente in quelli ipotesi, tanto più in un momento in cui in molti Paesi si sta vivendo una crisi economica derivante proprio dall’epidemia in corso? Forse.

Ovviamente le risposte io non le ho e penso che ben pochi le abbiano con coscienza. Mi sembra quindi opportuno terminare questo post così come l’ho iniziato vale a dire citando una frase attribuita a Voltaire: “Il dubbio è scomodo, ma solo gli imbecilli non ne hanno”.

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Pensieri&Parole | Lascia un commento

Coronavirus: come farsi portare a casa pizza, kebab, gelato, altro cibo o anche tutta una spesa

Soprattutto in questo periodo di #iostoacasa, per sfizio o per necessità (e.g. persone anziana, genitore con bambino piccolo, famiglia in quarantena), può venire utile farsi portare a casa del cibo.
Alcuni banchi del mercato di via N. Porpora (Torino) espongono da settimane un biglietto che notifica la possibilità, per chi non può uscire di casa, di vedere recapitata la spesa di verdura a casa propria (ovviamente nelle vicinanze) addirittura senza alcun costo aggiuntivo e con un limite di spesa di sole poche decine di euro (e.g. 20€): basta contattarli al loro cellulare mostrato in un cartello esposto.

Banco di verdura di Marco, nel mercato di via Pergolesi: un servizio ineguagliabile di questi tempi!!

Altri negozi hanno attaccato poi sulla serranda chiusa il numero di telefono con cui poter fare ordinazioni che verranno portate a casa: è ad esempio il caso della pasticceria che ho vicino a casa, sempre in via Porpora.

Se queste soluzioni autogestite non risultano sufficienti ci si può poi rivolgere ai supermercati che offrono la consegna a casa della spesa. Quando avevo provato settimane fa ad effettuare una ordinazione per una persona anziana, avevo visto che i tempi di consegna erano piuttosto lunghi (più di una settimana) ma ora probabilmente si sono organizzati meglio, dal momento che ho visto adesso promesse di consegna addirittura entro le 24 ore!!
Lascio perciò i seguenti riferimenti:

Esistono poi siti che elencano esercizi commerciali con relativi numeri telefonici da contattare per consegne a domicilio (che tuttavia potrebbero essere limitate alla zona vicino al loro negozio):

Anche le comuni piattaforme di ricerca ristoranti, offrono soluzioni di consegna a domicilio:

Se poi non si trova ancora il banco, negozio, ristorante, supermercato voluto, si può anche provare la piattaforma Uber Eats che ha diverse attività commerciali associate. Ho provato ad esempio a filtrare per la mia zona di domicilio e ho ritrovato diversi negozi che frequento normalmente, quale ad esempio l’ottima gelateria artigianale Moou.

Non mi resta che augurarvi un BUON APPETITO!!! 🙂

Pubblicato in Review e test, Tecnologia, Torino e dintorni | Lascia un commento

Uwatec/technisub Aladin Pro and Data Track: how to download the diving tracking SW

I decided to sell with Subito.it all my diving equipment and so also the well known Aladin Pro together with its Memo Mouse and Data Trak SW. Therefore, if you are interested in buying it, you can contact me through that second-hand trading site 😉

However that SW was provided on a floppy disk and now it is very difficult to find a so old PC that allows to read that kind of memory device!!

Therefore I tried to find out where to download from Internet the last version of the Data Trak SW. I realized that now it is handled by SCUBAPRO and any software or manuals can be downloaded from their website and specifically from its manuals and SW section.

From there you can find even the link to download Data Trak SW in its last 3.0.6.0 version.
Looking into the file properties, I realized that SW version if dated 16/12/2004.

Because on that year there was Windows XP (version with service pack 2), the Setup of that SW it is better to be performed setting the compatibility mode as follows (right click on Setup.exe and select the Properties item in the list):

Properties compatibility tab – Set the the Setup.exe of the Data Trak SW in Windows XP (service pack 2) compatibility mode

After the installation done in that compatibility way, I run the program and checked that it works properly even in Window 10!!

Data Trak SW still works properly in Windows 10, when installed with compatibility mode set in its Setup.exe file

You can download even its manual, DataTRAK Manual too.

Finally you can find there also Aladin Pre-2004 (PRO, ULTRA, Sport Plus, Sport), that is a zip file containing the manuals for Aladin dive computers sold before 2004: Aladin Pro, Aladin Pro Nitrox, Aladin Sport, Aladin Sport Plus, Aladin Pro Ultra).

For any other question the Team SCUBAPRO – Johnson Outdoors Diving LLC – SCUBAPRO® – can be contacted through its site costumer service or by phone (800.467.2822)

Pubblicato in Review e test, Tecnologia | Lascia un commento

Coronavirus e TARI Torino: sospensione del pagamento dell’acconto delle prime 2 rate … e come scaricarti l’F24 per pagarla in una unica rata

Con la delibera della Giunta Comunale del 31 marzo, la Città di Torino ha disposto la sospensione del pagamento dell’acconto TARI abitazioni per le rate in scadenza il 30 aprile e 29 maggio.

I contribuenti che desiderano comunque regolarizzare il pagamento delle due rate possono farlo, a partire dal 15 aprile, accedendo alla sezione del proprio Estratto Conto online presente nel sito della Soris e scaricando il documento di pagamento oppure richiedendo una copia via e-mail del documento di pagamento, seguendo le istruzioni presenti sul sito a partire dal 15 aprile.
Al momento gli avvisi di pagamento TARI non saranno inviati a casa a mezzo posta ordinaria.

Da ieri pomeriggio sul sito Soris sono disponibili i bollettini di pagamento. Le rate sono tre: aprile, maggio e giugno. Sebbene scaricando la lettera (non spedita) sono indicate singolarmente gli F4 per le sole singole rate, è comunque possibile, per comodità, ottenere l’F24 per effettuare un unico pagamento utilizzando la funzione STAMPA F24:

Premendo l’icona relativa ad un file pdf (A in figura), si scarica il seguente documento in cui sono indicati gli F24 SOLO per i pagamenti delle singole tre rate.

Nel documento relativo alla TARI sono indicati solo gli F24 delle singole rate e non è presente quello per un eventuale pagamento dell’importo totale

Se si desidera, per comodità, effettuare un unico pagamento complessivo, per scaricarsi il relativo F24 globale, si deve premere invece l’icona a sinistra (B in figura), relativa a Stampa F24 con la quale si scarica solo l’F24 per il pagamento annuale complessivo.

In dettaglio, premendo l’icona indicata nella figura con B, si giunge alla pagina seguente da cui, premendo il pulsante Stampa, si ottiene appunto l’F24 per il pagamento complessivo:

Premendo l’icona indicata nel mio precedente screenshot con B, si giunge a questa pagina che premendo il tasto Stampa, consente di scaricarsi l’F24 per il pagamento globale della TARI

Sarebbe sicuramente stato più opportuno inserire l’F24 per il pagamento unico nel medesimo documento in cui sono presenti i pagamenti per ciascuna singola rata … ma basta saperlo!!!

Insomma, le scadenze per il pagamento unico non ci sono ancora mi sembra, essendo rimandate le prime 2 rate: probabilmente arriveranno poi per posta le richieste come al solito. Tuttavia io comunque ho fatto che pagare tutto subito per non dimenticarmene! 😉

________________

Si noti che nel sito della Soris online, è possibile anche impostare di essere avvertiti via SMS/email quando ci sono comunicazioni:

Per ricevere notifica di comunicazioni via email/SMS.

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Torino e dintorni | 1 commento

Come proteggere dall’ossidazione oggetti metallici evitando così di doverli lucidare periodicamente

Sicuramente lucidare oggetti metallici come, ad esempio quelli di rame, bronzo, ottone e argento dà una certa soddisfazione in quanto cambiano decisamente aspetto! Sicuramente l’uso, ad esempio, di spazzolini da denti usati, su cui posizionare del prodotto lucidante, può risultare conveniente per raggiungere anche le parti meno accessibili agendo semplicemente con cotone e straccio. Avevo già scritto un post in passato, Come effettuare la pulizia di metalli (e.g. oro, argento, rame, alluminio), in cui avevo dato alcuni consigli per come procedere al meglio nella lucidatura.

Tuttavia la lucidatura dei metalli è un lavoro lungo e faticoso, soprattutto se uno cerca di farlo nei minimi dettagli, cioè anche nelle fessure.
Qualche mese fa mi è capitato di visitare un museo di Torino (Fondazione Ometto Accorsi) dove in una stanza c’erano decine e decine di pentole ed oggetti svariati tutti di rame/ottone, brillanti come appena lucidati. Mi è venuto spontaneo chiedere alla guida come facessero a mantenerli così belli e mi aveva detto che “ovviamente”, dopo averli lucidati, avevano utilizzato un prodotto protettivo che evitasse l’ossidazione e che quindi fosse in grado di conservarne la lucentezza nel tempo.

Già qualche decennio fa avevo chiesto ad una gioielleria se era possibile far trattare qualche mia cornice d’argento datata in modo tale che non si ossidasse, con una procedura analoga a quella attualmente usata per le analoghe cornici vendute oggigiorno. La sua risposta era stata scoraggiante in quanto mi aveva detto che mi sarebbe costato meno ricomprarle! In quel caso si trattava di argento e non di rame, ma comunque mi sono subito attivato a cercare un prodotto del tipo di quello usato da quel museo. Di spray acrilici trasparenti ce ne sono da tutte le parti a prezzi assai bassi, ma non viene esplicitato, nella descrizione, un loro utilizzo per proteggere dall’ossidazione dei metalli anche se dovrebbero, dal momento che ricoprono il metallo.
Tuttavia su Amazon ho trovato uno spray, Metal top della Camp, non particolarmente economico, ma che indicava esplicitamente, nella descrizione del prodotto, “Protettivo trasparente antiossidante per metalli. Indicato per la protezione dei metalli ferrosi e non, acciaio, ferro zincato, ferro battuto, alluminio, rame,ottone, silver plated, bronzo e superfici cromate“.

Insomma, nonostante il prezzo, ho deciso di acquistarne una bomboletta … che è rimasta in attesa di essere usata fino ad oggi!!
P.S: ho poi visto che viene venduto anche su eBay dove il costo di spedizione è disgiunto dal numero di prodotti acquistati, diversamente da quanto avviene dal venditore presente su Amazon, per cui può convenire acquistarlo lì se si intende prenderne più pezzi.

Si sa, in questi giorni di#iostoacasa si trova il tempo anche di lucidare i metalli!! E così è stato. Ovviamente prima di spruzzare uniformemente il prodotto è necessario avere lucidato l’oggetto in modo accurato perché diversamente poi rimarrebbe sporco sotto la pellicola protettiva.

L’ho provato sia su rame sia su ottone sia su un piccolo oggetto d’argento (seppure questo metallo più prezioso non sia citato esplicitamente nella descrizione del suo utilizzo) ed il risultato devo dire è stato ottimo. Quella vernice trasparente si asciuga nel giro di pochi minuti e ciò mi ha consentito di passare quasi subito una seconda mano.

Non mi resta ora che aspettare per vedere la tenuta nel tempo, ma mi aspetto che l’effetto duri degli anni. Tra le caratteristiche di quella vernice c’è scritto “Garantisce una efficace protezione da aggressivi chimici, dalle intemperie, dai raggi UV, dal salino e dalla ruggine; crea una pellicola trasparente antigraffio e inalterabile nel tempo“.
Sono quindi confidente!!

Ecco alcuni risultati ottenuti con olio di gomito e spray protettivo finale:

 

 

Prima:

Dopo:

_______________________

Potrebbero interessarti anche questi miei post:

Pubblicato in Arte e Bellezza, Dipinti, Pensieri&Parole, Review e test, Tecnologia | 1 commento

Coronavirus: proroga di molte scadenze (patente e revisione veicolo, assicurazione auto, carta d’identità, permesso di soggiorno)

In questi giorni mi è scaduta la revisione dell’auto e, preoccupandomi, ho chiesto delucidazioni a mia nipote dell’autoscuola Monterosa.
Mi ha tranquillizzato dicendomi di non preoccuparmi perché le scadenze sono state prorogate in diversi contesti.
In particolare per la revisione del veicolo scaduta c’è tempo fino addirittura al 31 ottobre 2020!!

Ovviamente la ditta che effettua le revisioni, dove generalmente vado, da me contattata via email, mi ha risposto che riapre il 20/4/2020 e che mi conveniva prenotare … senza dirmi nulla relativamente alle nuove scadenze prorogate!!

Il sito della polizia di Stato riassume in modo chiaro tute le proroghe sulle scadenze che sono state emesse . In particolare, riporto quelle che reputo di maggior interesse, ovviamente rimandando al sito per ulteriori dettagli e per un elenco più completo

  • Patente e revisione veicolo
    • Veicoli con revisione scaduta al 17 marzo 2020 o che scade entro il 31 luglio 2020, è consentita la circolazione fino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la visita di revisione
    • Patenti di guida italiane scadute in data successiva al 31 gennaio 2020 (circolare M.I.T. nr. 0009209 del 19.3.2020) o in scadenza fino al 31 agosto 2020, sono state prorogate fino al 31 agosto 2020.
  • Assicurazione auto
    •  Le polizze in scadenza fino al 31 luglio 2020, è portato a 30 giorni il periodo entro cui l’assicurazione è comunque operante.
  • Carta d’identità
    • Tutti i documenti di identità scaduti dal 17 marzo 2020 in poi sono validi fino al 31 agosto 2020. La validità ai fini dell’espatrio resta invece limitata alla data di scadenza indicata nel documento stesso.
  • Permesso di soggiorno
    • Tutti i certificali, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020.
      Quindi, tutti i permessi di soggiorno in scadenza nel periodo sopra ricompreso vengono prorogati di validità fino al 15 giugno 2020.
      La domanda di rinnovo potrà essere presentata dopo il 15 giugno 2020.
Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Review e test, Torino e dintorni | Lascia un commento

Pubblicare un libro in proprio e gratuitamente

L’editoria è un settore difficile e la crisi del settore, soprattutto dell’ultimo decennio, sicuramente non aiuta certamente ne gli scrittori ne chi ci lavora. Da anni sono più le librerie che chiudono che quelle che aprono, sebbene siano comunque nate, o mantenute nel tempo, iniziative pregevoli, come Il salone del libro  e diverse piccole realtà ricche di iniziative culturali come, ad esempio a Torino, Il circolo dei lettori, la libreria Il ponte sulla Dora  e La luna storta.

La crisi non è certo solo conseguenza della maggior diffusione di grandi realtà di vendita online (Amazon in primis, ma anche Mondadori, Feltrinelli, seppur questi ultimi mantengano anche negozi non virtuali), ma anche dal fatto che la gente legge meno, i giovani soprattutto, forse perché sommersi da così tanti stimoli multimediali che pervadono ogni istante della loro vita.
Essere in un posto isolato da ogni distrazione esterna, soli con se stessi, accompagnati magari unicamente da un buon libro, non è un’esperienza che molti giovani hanno forse avuto modo di sperimentare e, quello che ancora è più grave, probabilmente non è neppure una di quelle novità che desiderano sperimentare … neppure una volta. Anzi!
Persino il parlarsi a faccia a faccia, o anche il solo telefonarsi, sta diventando sempre più un qualcosa di estraneo al nostro vivere, dove sembra risultare sufficiente un semplice programma di messaggistica: non è più nemmeno indispensabile digitare delle lettere, ma basta premere un bottone per registrare un messaggio, … uno dei molteplici che andranno a riempire la memoria dello smartphone – insieme a filmati e selfie – fino a renderlo inutilizzabile se, come spesso avviene, quei file non vengono dovutamente cancellati ma permangono ad occupare inutilmente spazio!

Anch’io, lo ammetto, talvolta a letto, prima di dormire, tra il libro sul comodino e la ricerca di informazioni su Internet con lo smartphone, opto per quest’ultima scelta più attrattiva … ma quando me ne rendo conto questo pensiero un po’ mi fa male! Insomma, quel senso di malessere che accompagna un cambiamento non voluto, ma pur esistente, nel comportamento anche personale.

 

Ma torniamo al tema principale del post … pubblicare in proprio gratuitamente un libro!

Ho avuto negli ultimi tempi occasione di conoscere le esperienze di tre amici che, avendo scritto un libro, hanno cercato di pubblicarlo e renderlo disponibile al pubblico, in primis agli amici.
Sentendo comunque le esperienze personali di questi amici, ho compreso ancor più quante siano le difficoltà nell’entrare nel  mondo dell’editoria e soprattutto quali possono essere le problematiche associate.
Forse da sempre, ma soprattutto oggi giorno, chi scrive un libro, romanzo o trattato che sia, penso lo faccia principalmente per un suo piacere, un suo bisogno intrinseco di esplicitare un qualcosa che ha dentro e che vuole comunicare ad altre persone. Il pensiero di venderlo per poterci fare dei soldi è quindi sicuramente secondario, se non addirittura del tutto assente. Ma vediamo sinteticamente quanto ho appreso dalle loro esperienze …

La prima amica, pur avendo vinto un concorso internazionale con quel suo romanzo, per poterselo vedere pubblicato da un editore, si è dovuta impegnare a pagarsi diverse centinaia copie (300 se ricordo bene) e cercare perciò di venderle direttamente lei, magari tra amici e conoscenti, per recuperare la spesa non indifferente affrontata. Promesse iniziali di ipotesi addirittura di farne una sceneggiatura di un film, attualmente  rimangono, per quello che ne so, ancora solo un’ipotesi …
Comunque il suo libro ad oggi risulta venduto nelle librerie ed online, anche su Amazon.
La metodologia di chiedere allo scrittore stesso di comprarne un bel po’ di copie del suo libro stampato, da vendersi poi direttamente, penso sia un tipico modo che assicura all’editore comunque di guadagnare quanto ritiene opportuno per i suoi affari, indipendentemente dal successo che il libro potrà riscuotere tra il pubblico: insomma, in questo modo non ci può perdere nulla ed un suo guadagno minimo risulta assicurato.
Per promuoverlo poi, in genere, se si tratta di un autore esordiente, un editore poi in generale non si scalda più di tanto e neppure i media. Troppo spesso abbiamo visto trasmissioni anche televisive promuovere nuovi libri di autori già affermati da tempo (e.g. Gramellini a Che tempo che fa), libri che comunque avrebbero avuto un loro mercato non solo per la bravura dell’autore, ma anche per la sua notorietà … e questo a scapito di autori meno noti o esordienti, con opere non necessariamente da meno. In questo modo, a questi ultimi non viene data neppure l’opportunità di una qualche visibilità al grande pubblico.

L’altra amica si è rivolta ad una casa editrice che faceva – come spesso avviene – anche agenzia di editing, chiedendo una scheda di valutazione editoriale. Il manoscritto è stato quindi affidato ad un editor che, visionatolo, l’ha trovato valido e degno di essere editato con l’apporto di alcuni interventi. Le ha quindi fornito consigli su come migliorare il manoscritto e ne ha verificato i risultati. L’ha incoraggiata, dicendole che aveva trovato in lei delle capacità particolari, probabilmente dicendole anche la verità … e comunque le gratificazioni possono sempre anche servire per invogliarti a migliorare ancor di più un qualsiasi lavoro!
Insomma fino a questo punto tutto positivo. Ma dopo, ovviamente, dovrebbero seguire le dovute sponsorizzazioni, magari presso case editrici conosciute, benché probabilmente oberate di scritti di esordienti … Probabile, quindi, che uno stia per un tempo indecifrabile ad aspettare speranzoso un feedback.
Tutto questo chiedendo anticipatamente allo scrittore cifre non indifferenti, superiori al migliaio di euro.
Insomma, non voglio criticare questi signori che d’altra parte non lavorano per una ONLUS e che quindi svolgono la loro attività per vivere e non per beneficenza: d’altra parte, sicuramente dei problemi economici propri di quel settore ne risentono anche loro. Tuttavia mi sembra che, in generale, si preoccupino più di sponsorizzare loro stessi piuttosto che di promuovere uno dei tanti libri che passano loro tra le mani … e non si diano poi così tanto da fare per promuoverli, come invece sembrerebbero promettere inizialmente!
Mi viene in mente, a tale proposito la canzone di Edoardo Bennato, “Il gatto e la volpe“, seppur facesse riferimento al mondo discografico. Anche se datata, penso che il suo contenuto sia oggi più che mai attuale:

Noi scopriamo talenti e non sbagliamo mai
noi sapremo sfruttare le tue qualità
dacci solo quattro monete e ti iscriviamo al concorso
per le celebrità!

Non vedi che è un vero affare
non perdere l’occasione
se no poi te ne pentirai
non capita tutti i giorni
di avere due consulenti
due impresari, che si fanno
in quattro per te!

Avanti non perder tempo, firma qua
è un normale contratto è una formalità
tu ci cedi tutti i diritti
e noi faremo di te
un divo da hit parade!

Queste sono esperienze non certo edificati e possono ovviamente avvilire e scoraggiare: uno ci ha dedicato un sacco del suo tempo, notti, week-end  e vacanze, per condividere un certo messaggio con altre persone tramite il proprio scritto, ha speso soldi per vederlo editato al meglio … e poi nulla!

Infine il terzo amico, ha stampato con un editore il suo libro di poesie in un numero di copie non penso elevato, ma comunque sufficienti per regalarne ad amici e conoscenti interessati alla sua arte. Il lavoro di editing l’ha fatto lui stesso con il supporto di un amico che ne ha curato la prefazione. In pratica, ha pagato solo, a prezzo di costo, le copie che si è voluto riservare per regalarle agli amici … quindi una cifra ben al di sotto di quella richiesta all’altra amica per il solo editing. Essendo dell’ambiente, ha poi sponsorizzato il suo scritto con un reading gratuito al Circolo dei lettori, dove altre copie del suo libro erano state messe a disposizione gratuitamente per il pubblico che era venuto a sentirlo.
Questa penso sia stata per lui – e per tutti noi che siamo andati a sentirlo – un’esperienza edificante che può averlo incoraggiato ulteriormente in quella sua arte, semmai ce ne fosse stata la necessità. Ho visto comunque che anche il suo libro è in vendita anche su Amazon.

Dopo le esperienze di quei miei amici personalmente, prima di inoltrarmi eventualmente in un mondo dell’editoria, le domande che io mi porrei innanzitutto sono le seguenti:

  • Quanto mi interessa eventualmente guadagnarci?
  • Quanto lo faccio soprattutto per me e per un gruppo ristretto di persone che conosco (pur senza ovviamente escludere, a priori, una sua maggiore diffusione)?

Le risposte a quelle domande è ovviamente molto personale e non ne esistono di più giuste di altre.
Mi sento tuttavia di dire che, a meno che uno non lo intenda come un lavoro, la soluzione migliore è pubblicarlo autonomamente, magari anche solo come e-book, in quanto con quella modalità non si devono neppure anticipare dei soldi per la stampa. Un e-book lo si può poi rendere gratuito o anche ad un prezzo sufficientemente basso da permetterne l’acquisto a chiunque lo desideri. Per di più, ad esempio per gli amici, uno può anche prevedere di creare dei codici promozionali che comunque consentono loro di scaricarselo con uno sconto o anche gratis.
Se poi uno ne vuole avere alcune copie cartacee, con la copertina anche plastificata e rilegatura professionale, esistono diversi servizi di stampa online che consentono stampe di libri per pochi euro (e.g. 5€ a copia) ed anche per quantità minime (e.g. 10 copie): ovviamente, più ne stampi, più il singolo libro ti verrà a costare meno, seppur il prezzo dipenda anche dal numero complessivo di pagine e dal tipo di edizione scelta! Di servizi di stampa di libri online se ne possono trovare molteplici ricercando stampa libri online con un qualsiasi motore di ricerca (e.g Bing, Google).

Insomma, se uno assegna un prezzo all’e-book, ne ricava una percentuale con cui non ci vive quasi sicuramente, … ma penso sia una comunque una bella soddisfazione.
Se poi uno lo rende disponibile gratuitamente, questo può sicuramente aiutare a farlo leggere a più persone e di conseguenza anche a farsi conoscere, se questo è un suo obiettivo. E’ vero, uno ha speso molto del proprio tempo, ma di solito lo ha fatto con piacere ed quel lavoro è servito anche a se stesso, … ad esempio per approfondire certi argomenti o magari anche come metodo di meditazione/auto-psicoterapia.

Pubblicare un e-book in alcuni posti non ha un costo, anche se uno deve farsi qualche conoscenza specifica sui programmi di editing/conversione nel formato opportuno.
Comunque, in tal modo si può pubblicare un libro senza necessariamente dover pagare qualcuno che magari ti prometterebbe solo cose forse irrealizzabili concretamente o, ancor peggio, ti indurrebbe a modificare lo scritto solo perché possa maggiormente riscontrare l’apprezzamento del pubblico!

Infine, anche un blog può essere un metodo per scrivere pensieri, poesie e quant’altro, che divemtano subito disponibili online a tutto il mondo, quindi potenzialmente ad un pubblico enorme! È proprio di questi giorni la diffusione ovunque, nei social e nei messaggini, di belle poesie pubblicate in blog di poeti anche d’oltremare. Un post può anche poi servire per pubblicizzare un proprio libro/musica e magari anche renderlo scaricabile gratuitamente, come ho fatto per esempio per un disco di un amico o per materiale diversamente ormai introvabile (dopo avere contattato ovviamente l’autore).

Insomma, forse se uno non lo fa per lavoro, è meglio non rischiare di spendere solo, ed accontentarsi invece di quello che viene, come soldi e come popolarità.
Talvolta anche i concorsi letterari penso possano in qualche modo essere organizzati non solo per scoprire nuovi talenti ma anche per far sì che le persone che arrivano tra le prime in classifica siano portate poi ad affidarsi ad editori che, pur facendo magari il loro buon lavoro di revisione e di marketing, si fanno pagare il giusto!!

Per il momento non mi sono informato molto sui diversi modi che consentono di pubblicare un proprio libro autonomamente online gratuitamente. Mi riserbo perciò di approfondire in futuro questa tematica e mi limito per ora solo ad elencare nel seguito alcuni link che ho trovato e che possono, tra i molti, servire per farsi meglio un’idea delle possibilità.
Ripeto, sono solo link di siti che mi sono sembrati interessanti ma che solo parzialmente ho analizzato per ora, proponendomi una indagine più accurata in futuro: li elenco in quanto possono comunque essere un buon punto di partenza anche per te, se sei interessato all’argomento!
🙂

 

 

Pubblicato in Arte e Bellezza, Dipinti, Fotografie, Pensieri&Parole, Review e test, Torino e dintorni | Lascia un commento

Quick assist app: a further easiest way to provide/give remote assistance in Windows 10

Some time ago I wrote a post, Remote assistance in Windows 10, where I explained how to  configure the Windows 10  Remote Assistance.

In this post I will show you even an easiest way to have/give a remote assistance in Windows 10, using a specific app that is embedded in that O.S. : Quick assistance app [IT: Assistenza rapida] !! You can find it in the app list menu (under Windows accessories [IT: Accessori Windows] or you can search for it:

Windows accessories -> Quick assistance app from the Start menu

Search for Quick assistance app [IT: Assistenza rapida]


Note that under Windows accessories  there are al lot of useful apps like Windows Media Player, Remote desktop connection, Capture tool (till useful if you have to capture a screen with a temporary windows instead of the newest Capture and note app), WordPad.

Note, incidentally, that there is also another very useful menu folder, the Amministrative tools [IT: Strumenti di amministrazione] one, that contains a link to Defragment and optimize units [IT: Deframmenta ed ottimizza unità], Disk cleaner [IT: Pulizia disco], Recovery unit [IT: Unità di ripristino], for example. Well to remember!

Amministrative tools [IT: Strumenti di amministrazione] menu folder

Once launched the Quick assistance [IT: Assistenza rapida] app, you can click on Help another person [IT: Aiuta un’altra persona] and so receive a proper code to give him, or if you are the one who need assistance you only have to insert the code that your friend gave you!

Receive or give help

When the guy who need help enter the code given by the assistant friend, he then need to allow you to give him access to your computer, clicking on a proper window. From now on both the remote and the local user will have the full control of the PC, till the service is running. If I remind well, a proper Exit icon in the border allows the local user to close the remote session with his assistant friend.

So easy,  isn’t it?

😉

Pubblicato in Review e test, Tecnologia, Windows | 2 commenti

Come sconnettere il proprio PC Windows da un account Microsoft aziendale

Sul mio PC personale avevo impostato sia il mio account privato Microsoft sia quello Microsoft Aziendale. Non lavorando poi più per quella ditta, quel secondo non solo non mi serviva più ma non avevo ovviamente più un account/password valida. Perciò da mesi, tutte le volte che effettuavo lo start up del PC mi compariva la finestrina in basso a destra che mi diceva che non era riuscito a connettersi a quel mio account aziendale.

Da mesi, cliccando su quella finestra mi veniva aperta la sezione Posta elettronica e account in cui compariva una lista in basso, degli account usati, tra cui quella aziendale (ora nella figura non mi compare più quell’ultima perché ho risolto!):

Per sconnettere il proprio PC dal proprio account Microsoft aziendale è necessario agire su Accedi all’azienda o all’istituto di istruzione e non in Posta elettronica e account!!

Cliccando poi in quella lista di account, su quello aziendale, mi compariva il link di gestisci che mi portava con il browser alla pagina di gestione di quel mio account specifico:

Premendo Disconnetti da tutto, non dava alcun risultato, mentre scegliendo Esci da organizzazione mi si mostravano le seguenti finestre con quella finale di “Si è verificato un errore imprevisto“:

Questa mattina, all’ennesima fastidiosa comparsa di quella finestrina che mi notificava che non si era riuscito a connettere all’account aziendale, mi sono detto: adesso lo risolvo!!

Come ho fatto? Dal momento che veniva indicato di “contattare il supporto tecnico“, ho aperto l’app Richiesta supporto, presente di default in tutti i PC Windows 10, ed ho contattato in chat l’assistenza Microsoft.

Mi hanno quindi messo in contatto telefonico con un assistente che mi ha chiesto di condividergli il PC tramite l’app Assistenza rapida, presente di default in tutti i PC Windows 10 ( e tra l’altro utilizzabile da chiunque per aiutare da remoto magari un amico in difficoltà).

Come ha dunque fatto? Semplicemente ha agito nell’altra sezione Accedi all’azienda o all’istituto di istruzione e ha premuto, in corrispondenza di quel mio vecchio account aziendale, il tasto Sconnetti!!

Semplice no? … bastava saperlo … 🤔🙄

Pubblicato in Aziendali, Review e test, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

Coronavirus: musa ispiratrice non solo per i giornalisti ma anche per i poeti!

Sto coronavirus sta diventando sempre più una musa ispiratrice non solo per i giornalisti ma anche per i poeti!!!

D’altra parte proprio i sentimenti sono l’ingrediente primario di un buona poesia e di quelli, anche contrastanti, in questo periodo chi non ne ha? … figuriamoci poi un poeta!!

Già ne avevo riportate di poesie in altri miei precedenti post, ma ora è giusto dedicare proprio a loro un mio post specifico, perché, sia nella serietà sia nell’ironia dei loro scritti, le parole dei poeti, dettate da una loro innata sensibilità, riescono sicuramente a regalarci qualcosa di profondo, sia questa una sensazione o un sorriso!!

____________________

Lista dei poeti

 

====================================

Inizio con una bella poesia di pubblicata nel blog  della poetessa Kitty O’ Meara, …
(non Kathleen O’Meara [1839 – 1888] come pubblicizzato in qualche post nei social!)
https://the-daily-round.com/2020/03/16/in-the-time-of-pandemic (*)
https://the-daily-round.com/2020/03/24/in-the-time-of-pandemic-part-ii/

__________

Ai tempi della pandemia

(parte I)

E la gente rimase a casa.

E lesse libri ed ascoltò, e si riposò, e fece esercizi, e fece arte e giocò, e imparò nuovi modi di essere, e si fermò.

E ascoltò più in profondità. Qualcuno meditava, qualcuno pregava, qualcuno ballava. Qualcuno incontrò la propria ombra. E la gente cominciò a pensare in modo differente.

E la gente guarì.

E, nell’assenza di gente che viveva in modi ignoranti, pericolosi, senza senso e senza cuore, anche la terra cominciò a guarire.

E quando il pericolo finì, e la gente si ritrovò, si addolorarono per i morti, e fecero nuove scelte, e sognarono nuove visioni, e crearono nuovi modi di vivere, e guarirono completamente la terra, così come erano guariti loro.

_______________

(parte II)

Ed alcune illusioni scivolarono via.

Ed alcuni uomini videro svanire il loro potere, ma raggiunsero, e afferrarono, e lottarono.
Tornate al lavoro, comandarono.
Costruite muri, ordinarono.
Spendete soldi per cose di cui tu non avete necessità.
Incolpate l’altro.
Abbiate paura degli stranieri.
Rispettate il mio potere.

E la gente disse no.

Disse: tu non possiedi i nostri doni.
Sono solo nostri da condividere.
La terra ed il suo popolo sono sbilanciati.
La medicina è un’altra.
Dobbiamo stare ancora fermi.

La malattia è il nostro insegnante.
Ascolteremo le lezioni.

La terra è la casa di tutti.

E noi guariremo noi stessi.
E l’equilibrio verrà ripristinato.

La terra è la casa di tutti.

E ci occuperemo dello straniero.
E daremo da mangiare allo straniero.
E noi ospiteremo lo straniero.
E noi ameremo lo straniero,
dentro e fuori.

La terra è la casa di tutti.

________________________________
In lingua originale:

In the Time of Pandemic

(part I)

And the people stayed home.

And they read books, and listened, and rested, and exercised, and made art, and played games, and learned new ways of being, and were still.

And they listened more deeply. Some meditated, some prayed, some danced. Some met their shadows. And the people began to think differently.

And the people healed.

And, in the absence of people living in ignorant, dangerous, mindless, and heartless ways, the earth began to heal.

And when the danger passed, and the people joined together again, they grieved their losses, and made new choices, and dreamed new images, and created new ways to live and heal the earth fully, as they had been healed.

 ______

(part II)

And some illusions slipped away.

And some men saw their power vanish, but reached, and grasped, and struggled.
Return to work, they commanded.
Build walls, they ordered.
Spend money on things you do not need.
Blame the other.
Fear strangers.
Respect my power.

And the people said no.

They said: You do not own our gifts.
They are ours alone to share.
The earth and her people are out of balance.
The medicine is another way.
We must be still.

The illness is our teacher.
We will listen to the lessons.

The earth is home to all.

And we will heal ourselves.
And balance will be restored.

The earth is home to all.

And we will nurse the stranger.
And we will feed the stranger.
And we will shelter the stranger.
And we will love the stranger,
within and without.

The earth is home to all.

 

 

=======================================================

Altrettanto belle e particolari sono poi alcune poesie che l’amico Danilo Torrito ha dedicato al virus più famoso del momento e pubblicato sul suo profilo Facebook,  tutte scritte con quella simpatica ironia che spesso contraddistingue i suoi scritti.

Alcune poi sono state anche splendidamente musicate in video:

 

Ovviamente la vasta produzione di Danilo sul tema non si esaurirà oggi, … ma vale la pena comunque riportare la maggior parte di quelle da lui già pubblicate:

_________________________________

COME UN FIUME

Scorre il tempo come un fiume
lestamente tra le dune
scava piccoli sentieri
rimodella anche i pensieri

Scorre il tempo come un fiume
mentre guadi c’è una fune
che può darti la saggezza
quando attenua la bellezza

Scorre il tempo come un fiume
nel messaggio di un barlume
credi di essere immortale
non comprendi quanto vale

Scorre il tempo come un fiume
tra le pieghe di un costume
lo puoi pure catturare
ma giammai lo puoi frenare

Scorre morbido e veloce
da un sentiero giù alla foce
e se al fine ti è sfuggito
anche l’anima ha intristito

Mentre speri nel domani
lui ti scorre nelle mani
così sfugge al tuo presente
come se non fosse niente

Questo tempo inconsistente
che si vive inconsciamente
è la vera proprietà
dell’ottusa umanità

Danilo Torrito
Passaggi – Neosedizioni 2009

_____

Anche lui si fa regale
Sulla testa una corona
E col fare suo… regale
Tutto il mondo allerta e sprona

E col fare suo… regale
S’è poi fatto anche letale
Tutto il mondo è lì che trema
Per adesso è sua la scena!

DT
26.01.2020

____

COLONAVILUS

Disse il virus: ” Volelò
Volelò di qua e di là
Dalla Cina volelò
E nessun mi felmelà

Me n’andlò dove vollò
E nel mondo legnelò
Io dei vilus sono il lè
La colona in testa c’è

Voi complate mascheline
Che non selvono ad un cazzo
Cali miei siete alla fine
Sta venendo giù il palazzo

Tloppe voi ne avete fatte
Tloppe voi ne avete dette
Tolna tutto adesso indietlo
E vi fotto… dal di dietlo

Sto fottendo già la Cina
Più cludele di una mina
Che ola paga e paghelà
Pel la glande cludeltà

Cludeltà velso animali
Cludeltà velso pelsone
E pel tutti questi mali
Io salò… la punizione!”

Ed il virus sta volando
Sta volando a tutto gas
Sta infettando e salutando
Sayonara… con gran class!

DT
31.01.2020

_____

Il contagio alla lovescia è cominciato
Il contagio alla lovescia è
Il contagio alla lovescia
Il contagio alla
Il contagio
Il …..
….

..
.
Dov’è la maschelina?
Dov’è la
Dov’è
Dov
Do
D …..
….

..
.
Ulge colona di fioli!

_____

PAN DE QUI PAN DE LÀ

Per qualcuno è Pan de Mia
Per qualcuno è Pan de Monio
Io non so chi sia ‘sta Mia
Tanto meno chi sia Monio

Forse Mia è ‘na fornarina
Con annessa mascherina?
Non si scherza con l’igiene
Impastando… la si tiene!

Forse Monio è un gran fornaio
Che l’impasto rende gaio?
Mentre impasta la farina
La terrà la mascherina?

Quel che è certo è che son pani
Impastati a piene mani
Con farine assai trattate
Saggiamente mescolate

Quel che è certo è che son pani
Impastati da più mani
Controllati da faccine
Dietro ambigue mascherine

Certo è che questi pani
Li fan tipi molto strani
E li vendono agli umani
Come pani molto sani

Io non mangio questi pani
Non mi piacciono son strani
Preferisco gli integrali
O quei pani ai cereali

Per qualcuno è Pan de Mia
Per qualcuno è Pan de Monio
Se incontrate Monio o Mia
Non create un pandemonio!

DT
05.02.2020

_________

ALLEGRORIA

La Morte ci sorprende sul pietrame
Su prati color verde o color rame
Su scricchiolìi di ruvido fogliame
Su cumuli di fetido letame

La Morte ci sorprende e poi ci prende
Seppur ci nascondiamo tra le tende
La Morte se è derisa poi si offende
E fin che non ci trova non si arrende

La Morte ci sorprende in ogni dove
Col Sole o con la Luna anche se piove
La Morte ci sorprende sulla neve
Con passo travolgente oppure lieve

La Morte ci sorprende come il vento
Che spazza via le cose in un momento
La Morte ci sorprende come il fuoco
Che dentro un caminetto fa il suo gioco

La Morte ci sorprende dappertutto
Con il colore nero porta il lutto
La Morte ci sorprende e prende tutto
Così come fa un ladro farabutto

La Morte ci sorprende sulla via
Con vesti di briosa allegoria
E porta via con sé quell’allegria
Che dentro questi versi è alleg(r)oria!

DT 😉
19.02.2017

_________

La Vita pagò il conto e chiese il resto
La Morte le rispose: “Non c’è resto!
Perché se resta poco arrotondiamo
Perciò di usar la carta… consigliamo!”

DT
22.02.20

_______

UNO STARNUTO

Circondato da piume e paillettes
Declamava le rime su un set
Quando fece però uno starnuto
Tutti dissero: “Fuori… cornuto!”

Anche un virus che stava seduto
S’alzò in piedi dicendo: “Cornuto!”
Perché pure tra i virus c’è allarme
Pur tra loro si contano… salme!

Sono virus d’un tempo che fu
Che paura non fanno già più
Che s’aggirano intorno agli umani
Adagiati su corpi e su mani

Ma son virus d’un tempo che fu
Ed a loro nessun pensa più
Con effetti nemmeno più strani
Pur se sporche si lascian le mani

Ma il poeta non era un untore
Il suo viso c’aveva colore
Lo starnuto partì così a caso
Per un pelo finito… sul naso

Fu additato per quello starnuto
Malmenato da un tipo forzuto
Preso a calci da chi disse: “Fiuto!
Quel poeta è un infetto rifiuto”

Circondato da piume e paillettes
Restò a terra di fronte a quel set
Quando giunse però l’ambulanza
S’era persa… qualunque speranza!

Se vi scappa così uno starnuto
Non pensateci manco un minuto
Forse è meglio scappare con lui
Perché i climi… mi sembrano bui!

DT
23.02.2020

__________

 

IN VIRUS VERITAS

Tutti quanti destinati
A che cosa non si sa
Tutti quanti destinati
Chi trapassa e chi vivrà

Tutti quanti destinati
Quelli amati e quelli odiati
Tutti quanti destinati
Quelli sani e gli infettati

Tutti quanti destinati
A spettrali quarantene?
Tutti quanti destinati
A blindare pranzi e cene?

Tutti quanti destinati
A blindare colazioni?
Tutti quanti destinati
A blindare le emozioni?

Tutti quanti destinati
A blindar l’aperitivo?
Tutti quanti destinati
Ad un vivere furtivo?

Tutti quanti destinati
A svuotar supermercati?
Tutti quanti destinati
Forse ad esser contagiati?

Tutti quanti destinati
A domande e domandine?
Tutti quanti destinati
A indossar le mascherine?

Siamo tutti destinati
A che cosa non si sa
Se verremo in-CORONA-ti
Scoprirem… la verità?

DT
25.02.2020

_______

 

SU CORAGGIO!

Ho sentito un grande saggio
Dire a molti: “Su coraggio!
Non appena pioverà
Questo virus morirà”

Ho sentito un altro saggio
Dire ad altri: “Su coraggio!
Sarà un vento assai violento
A fermare il virulento”

Ho sentito tanti saggi
Raccontare ad altri saggi
Che con litri di amu-China
Quel bastardo torna in Cina

Ho sentito tanti saggi
Raccontare ad altri saggi
Che con tante vitamine
Si decreta la sua fine

Ho sentito tanti saggi
Raccontare ad altri saggi
Che indossar la mascherina
Mette in crisi il Made in China

Ho sentito qualche saggio
Raccontare della peste
Non facendo gran coraggio
Allarmando cuori e teste

Ma tra i saggi i più zelanti
Sono stati i governanti
Che con mosse demenziali
Sono stati i più letali

Pure io mi faccio saggio
E vi dico: “Su coraggio!
Siamo solo di passaggio
Che si arrivi almeno a maggio!”

DT
26.02.2020

___________

COVID-19

Disse il COVIDiciannove:
“Son colui che tutto move
Muoverò pure le Stelle
Che del Sole son sorelle

Ho già mosso alcune vite
Le ho rimosse e son partite
Ma in confronto a miei ‘compari’
Ho risvolti meno amari

Certo ho mosso virulenza
Aumentando l’emergenza
Ma la prima è poi scemata
Mentre l’altra è poi aumentata

Tra emergenza e virulenza
Noto un poco di incoerenza
Se vien meno virulenza
Perché aumenta l’emergenza?

Io davvero non comprendo
Tutto questo darmi addosso
Devo dir che mi sorprendo
Del successo che ho riscosso

Me n’andrò per mari e monti
A me piace assai viaggiare
Quando poi farete i conti
Però fateli… tornare!

Ora vado… vi saluto
A voi resti lo starnuto
Non son certo ben voluto
Ma qualcuno… mi ha voluto!”

Così il COVIDiciannove
Se n’andò per non so dove
Par però che poi tornò
Da chi un giorno… lo creò!

DT
28.02.2020

______

PRESUPPOSTO

Partirei da un presupposto
Ma non so dov’è ‘sto posto
Quindi chiedo in modo tosto
A chiunque di ‘sto posto

Certi dicon sia un bel posto
E che là si beva il mosto
Mosto buono che c’ha un costo
Dolce più del presupposto

Ovviamente il presupposto
Va cercato in qualche posto
Ma soltanto là in quel posto
Par si trovi il presupposto

Ed allora là in quel posto
Cercherò il mio presupposto
Il tom tom perciò mi imposto
Se lo trovo… là poi sosto!

DT
04.03.2020

_____

L’AMORE AI TEMPI DEL CORONA VIRUS

“Per questioni di virus corona
Io non posso più darti la mona
Lo decreta persino un decreto
Quindi amore rispetta il divieto

Per questioni di virus corona
La puoi solo guardare la mona
Devi stare distante un bel metro
Dalla mona e persin dal didietro

Per questioni di virus corona
Tu per ora non tocchi la mona
Quindi tieni lo ‘scettro’ abbassato
Non mi freghi tenendolo alzato

Per questioni di virus corona
Tu mio caro riposi in poltrona
Se vogliamo seder sul divano
Mi sta bene ma stammi lontano!”

Così disse la moglie al marito
Che rimase direi inebetito
E le disse: “Non far la cretina
Vorrai mica sbarrar la… giorgina?

‘Sto cazzone di virus corona
Non la guarda nemmeno la mona
Quello punta alla gola e ai polmoni
Non sa manco che sono i maroni

Tante cose son già sulla gogna
Tante altre son piene di rogna
Se mi togli persino la ‘gina’
Avrà vinto davvero la Cina”

Lei non ebbe nessuna pietà
Disse solo: “Vedrà chi vivrà!”
E lui illuso in poltrona a poltrire
Si lasciò piano piano… morire!

DT
06.03.2020

_______

A UN METRO DA ME!

State lontani lontani un metro
Ancora meglio se ci sta un vetro
Lontan dagli occhi lontan dal cuore
Giammai a contatto sennò si muore

State lontani lontani un metro
Lontan davanti lontan di dietro
State lontani persin di lato
State lontani col vostro fiato

State lontani che c’è un decreto
State lontani che c’è un divieto
State lontani per l’ordinanza
Di strada in strada di stanza in stanza

State lontani lontani un metro
O tiro fuori il mio lungo metro
Se la distanza non è d’un metro
C’ho l’anatema da lanciar dietro

State lontani lontani un metro
Distanti un metro pur sulla metro
E se m’accorgo che non c’è un metro
Vi do un bel calcio davanti e dietro

State lontani lontani un metro
Sennò vi mando dal buon San Pietro
Lui c’ha le chiavi del Paradiso
V’apre le porte… con un sorriso!

DT
06.03.2020

________

DI TEMPESTA IN TEMPESTA

Ci crediamo immortali ed immuni
E pensiamo d’avere gran lumi
Ma ‘sti lumi ci stanno accecando
E tra i lumi già stiamo annaspando

Stiam cercando ma senza trovare
Una strada che possa salvare
Ogni essenza infettata ed immersa
Tra le grinfie d’un virus che versa

Stan venendo anche al pettine i nodi
Laviam mani già piene di chiodi
Mascheriamo le bocche e non basta
Messi in croce così dalla casta

Noi non siamo immortali ed immuni
Tanto meno c’abbiamo gran lumi
Siamo solo granelli di sabbia
Con risvolti di gioia e di rabbia

Noi non siamo immortali ed immuni
Non lo sono città né comuni
Non lo sono né stati e nazioni
Ci perdiamo tra idee e riflessioni

Siamo solo granelli di sabbia
E verremo spazzati con rabbia
Dalle onde d’un mare in tempesta
Che alla fine comunque s’arresta

E alla fine c’è sempre chi resta
Con le mani appoggiate alla testa
In attesa di un’altra tempesta
Di tempesta in tempesta in tempesta!

DT
07.03.2020

________

Nell’Anno del Signore 7 Marzo 2020

Un metro di distanza è garantito
Con lo spaghetto all’aglio ben guarnito
Col buon peperoncino assai piccante
Persino il virus scappa assai distante

Ei fu… il pranzo fu!

DT
07.03.2020

__________

ADAGIO

C’è paura del contagio
E per questo si va adagio
Ma io credo che il contagio
Se ne fotta dell’adagio

C’è paura del contagio
C’è l’Adagio di Albinoni
Ascoltiamo quest’Adagio
Basta adesso coi sermoni

Là si deve far così
Là si deve far colà
E se lei non fa così
Sarà infetto e infetterà

Là ci vuol la mascherina
Là ci vuole l’amuchina
E se lei non lo farà
Sarà infetto e infetterà

Forse è vero forse no
Francamente non lo so
Per adesso l’Albinoni
Accantona le pressioni

C’è paura del contagio
Ma io temo più il disagio
Che si adagia sulla scena
Dentro aree in quarantena

C’è paura del contagio
E per questo si va adagio
Io m’affido all’Albinoni
E agli appassionanti toni

DT
07.03.2020

___________

ALLA TORRE

Il Vento del mattino corre e gioca
Mentre sul fuoco ansima la moka
Mentre alla radio va ‘La Vida Loca’
Mentre la Luna in ciel si fa più fioca

Il Vento del mattino gioca e corre
Mentre alla radio va ‘La Vita Folle’
Col Vento pure il Tempo gioca e corre
Finché qualcosa in testa poi mi bolle

Proviamo a fare il Gioco della Torre!
Chi buttereste giù dalla sua altura?
Il Vento che al mattino gioca e corre
O il Tempo che correndo fa paura?

Qualcuno butterebbe il forte Vento
Perché spaventa forse più del Tempo
Qualcuno salverebbe invece il Vento
Buttando via le angosce del suo Tempo

Io butterei da là queste mie rime
Le affiderei al buon vento e alle colline
Le affiderei a pianure ed alte cime
Soltanto per vederne poi… la fine

Io butterei da là ‘sta situazione
Con tutti i suoi colpevoli in azione
Con chi ha pensato bene di giocare
Con ciò che più non riesce a controllare

Il Vento del mattino corre e gioca
Con voce sibilante ma più roca
Qualcuno s’è fermato e più non corre
Dà segni di squilibrio anche la Torre!

DT
08.03.2020

__________

LA COSA!

Io vorrei lasciare un segno
È per questo che m’impegno
Scrivo scrivo e metto in rima
Il pensier che arriva prima

Certo è che di ‘sti tempi
Son pensieri pertinenti
Pertinenti a questi tempi
Specchi alquanto riflettenti

Ed allora riflettiamo
Sul momento che viviamo
Sul presente incasinato
Per il virus che è ‘scappato’

Sul presente già infettato
Su un futuro senza fiato
Sul presente controllato
Messo al muro e già bloccato

Sul presente ‘mascherato’
Su un futuro ormai bendato
Carnevale se n’è andato
Ma un suo scherzo lo ha lasciato

Niente abbracci niente baci
Solo un timido… ‘mi piaci’
Niente baci niente abbracci
Nel rispetto dei dispacci

Un saluto alla lontana
Più d’un metro… cosa strana
Tutto appare assai irreale
Va alla grande il virtuale

Lava lava la manina
Anche tu lavanderina
Col sapone no amuchina
Che fa male alla manina

Tutto poi si fa virale
Più del Covidiciannove
Nel marasma generale
C’è chi scappa e scappa altrove

Ma alla fine dove scappi?
Sempre in ‘quello’ al fine incappi
Ed allora non scappare
Resta là… dove puoi stare!

Io vorrei lasciare un segno
È per questo che m’impegno
Se la ‘cosa’ qui s’ingrossa
Anch’io forse in zona rossa!

DT
09.03.2020

__________

COME AI TEMPI DEL COLERA!

Lui le disse: “Io t’abbraccio
Me ne frego del dispaccio
Io t’abbraccio e poi ti bacio
Come avvien tra pera e cacio”

Lei rispose: “Non scherzare
Ci potrebbero arrestare
Qui la cosa si fa nera
Come ai tempi del colera

Già s’è fatta molto grossa
Qualche zona è pure rossa
Qualche altra è ancora gialla
Non si sa per quanto a galla

Siamo tutti controllati
Che siam sani od infettati
Molti sono già marchiati
Con il rosso… già azzonati

Quindi è meglio non rischiare
Rimandiamo il nostro amore
Ci potremmo un dì riamare
Tieni a bada il folle ardore”

Lui però non ascoltò
Il consiglio dell’amata
Nell’abbraccio la baciò
Fu arrestato e lei marchiata

Come ai tempi del colera
Qui si rischia la galera
Già intravedo dei monatti
Vado a far con lor… due patti!

DT 😮
09.03.2020

___________

CALMA QUASI PIATTA

Ci si guarda con sospetto
Ci si chiede: “Sarà infetto?”
Si procede con gran fretta
Ci si chiede: “Sarà infetta?”

C’è una certa riluttanza
Ad entrare in una stanza
Son già troppe tre persone
Oltre i tre… c’è confusione

Nei negozi c’è il cartello
Che ci avvisa del decreto
Negli uffici allo sportello
C’è l’annuncio del divieto

Stiamo in fila ma ad un metro
Ci guardiamo avanti e dietro
Ci osserviamo con sospetto
Ha ciascuno il suo biglietto

C’è un silenzio surreale
Non dovunque ma è reale
Quella calma quasi piatta
Da far dir che ce l’ha fatta

È arrivato e ce l’ha fatta
A crear la calma piatta
Dalla Cina con furore
È arrivato… per errore?

È arrivato come un re
Con ‘corona’ da gran scena
È venuto per un tè
S’è fermato poi per cena

S’è fermato i giorni appresso
Ed ha preso anche possesso
Delle nostre amate vite
Che correvano spedite

È arrivato ad appianare
Tutto il nostro gran strafare
È arrivato ad appianare
Tutto il nostro gareggiare

Gareggiare per avere
Gareggiare per sedere
Conquistare il belvedere
Su poltrone di potere

È venuto e ancor sta qua
Non so dir per quanto ancora
Certo un giorno se ne andrà
E ciascun… non vede l’ora!

Ci si guarda con sospetto
Poi speriam con più rispetto
Forse un dì pure la fretta
Finirà di andare in fretta!

DT
10.03.2020

___________

IN ZONA ROSSA

Per questioni di virus corona
Resto a casa ma non in poltrona
Su un divano di foggia un po’ grossa
Ho creato la mia zona rossa

È una zona d’un rosso brillante
Devo dire davvero invitante
Ma talvolta la devo lasciare
E la linea proibita… saltare

Resto a casa per quanto io possa
Perché fuori la ‘cosa’ è un po’ grossa
Ma talvolta mi tocca scappare
E la mia zona rossa lasciare

Io non scappo per tedio o per noia
Né per gioia o momenti di gloria
Ma soltanto perché del lavoro
Va gestito e non posso da solo

Ed allora mi devo incontrare
Certe cose le devo trattare
Ed uscire veloce da qui
Perché spesso non basta il pc

Se riesci a operare da casa
Buon per Te resta pure lì a casa
E magari fa’ tabula rasa
Delle cose superflue per casa!

DT
11.03.2020

_______

STATE A CASA

Per favore state a casa
Nella vostra bella casa
Anche chi c’ha una stamberga
Là ci tenga le sue terga

Per favore state a casa
Anche chi c’ha mezza casa
Basta a volte anche metà
Che sia o no di proprietà

Per favore state a casa
Pur se è fatta di cartone
Anche quella è un po’ una casa
Dove stare in reclusione

Per favore state a casa
Pur se fatta sotto un ponte
Anche quella è un po’ una casa
Fino a che non crolla il ponte

Per favore state a casa
Pur se tutto sembra a pezzi
Se c’è un tetto… quella è casa
Fino a che non crolla a pezzi

Per favore state a casa
Che sia bella o che sia brutta
Per favore state a casa
Sennò il virus sempre erutta

Come fa chi non ha casa
E per questo si arrovella?
Come fa chi non ha casa
E c’ha solo una scodella?

Non temete c’è una strada
Che risolve il tema casa
Se vi fermano per strada
Dite solo: “Son già a casa!”

DT
12.03.2020

___________

EI FU… SICCOME VIRUS!

Dall’Alpi alle Piramidi
Dal Manzanarre al Reno
Non siate troppo avidi
Che lo scaffale è pieno

Dall’Alpi alle Piramidi
Dal Manzanarre al Reno
Non siate così avidi
Non serve fare il pieno

Sull’Alpi e le Piramidi
Non ci possiamo andare
Non siate troppo impavidi
Non fatevi arrestare

Scalate altre piramidi
Magari dentro casa
Pulite senza gli acidi
I vetri e tutta casa

Non siate troppo impavidi
Con auto mezzi o treno
Se vengon poi le ragadi
Mangiate un po’ di meno

Dall’Alpi alle Piramidi
Laviamoci di più
Sennò verranno gli afidi
Su mani e sul pupù

Dall’Alpi alle Piramidi
Dal Manzanarre al Reno
I tempi un tempo rapidi
Per ora… c’hanno il freno!

DT
13.03.2020

___________

DESERTO

Siamo figli di un contagio
Dicon certi fino a Maggio
Altri dicono che a Giugno
La ‘corona’ avremo in pugno

Certi dicono che a Luglio
Sarà pronto quell’intruglio
Che nel mese poi di Agosto
Metterà ogni cosa a posto

Tutti liberi a Settembre
Sul finire dell’estate
Spariranno via le ombre
Ma in Ottobre… se ci state

A Novembre tutti i Santi
Poi verranno ricordati
Con i Morti forse tanti
Che col virus son andati

E che dire di Dicembre?
Chiude l’anno ormai da sempre
Chiuderà pure quest’anno
Coi suoi morti e il grande affanno

Si lo so… son troppo avanti
Ma i pensieri sono tanti
E si fanno più pressanti
Col deserto… qui davanti!

DT
14.03.2020

___________

SUL FILO… DELLA SPESA!

Faccio strade non battute
Strade vuote strade mute
Di ‘sti tempi far la spesa
Sembra proprio ormai un’impresa

Per le strade non battute
Faccio incontri a scene mute
Con colombi frettolosi
Che non volano paurosi

Sanno forse pure loro
Che il silenzio a volte è d’oro
Di ‘sti tempi molto d’oro
Lo capiscono anche loro

Per le strade non battute
I pensieri fan volute
Tra la lista della spesa
E la vita a un filo appesa

E la vita è certo appesa
Lì sul filo del contagio
Mentre penso alla mia spesa
Tutti in fila si va adagio

Ma ora entro tocca a me
Entro insieme ad altri tre
Farem tutti un po’ di spesa
Con la vita… a un filo appesa!

DT
14.03.2020

___________

TELERAGNO

Si vive camminando
Si vive respirando
Un passo ed un respiro
Guardando il cielo vivo

Un cielo a volte azzurro
Un cielo a volte grigio
Sul pane un po’ di burro
Il bianco smorza il grigio

Sul burro marmellata
Di fragole o mirtilli
Per dare una sferzata
All’intestino e ai villi

Del miele nel caffè
D’acacia o di castagno
Del miele anche nel tè
Là fuori osservo un ragno

Un ragno laborioso
Che tesse la sua tela
Ha un ché di prodigioso
Mi pelo poi una mela

Ne basta al giorno una
Lo dice un vecchio detto
Ne basta al giorno una
Per star fuori dal letto

Per star fuori dal letto
Non basta più una mela
E il ragno assai provetto
Sta per finir la tela

Si vive camminando
Si vive respirando
Stiam poco camminando
E a stento… respirando!

DT
14.03.2020

____________

E FU… SINFONIA!

E fu in onore del virus corona
Che fu ingaggiata persino la Nona
E fu ingaggiata perché positiva
E fu ingaggiata perché grande diva

Timidamente parlò molto ‘adagio’
Dicendo a tutti: “Non temo il contagio
Son poco allegra non tanto maestosa
All’apparenza vivace e scherzosa

L’orchestra e il coro son già lì schierati
In re minore si sono accordati
E la corona del virus mondiale
Non può investire una cosa speciale

Sono il messaggio romantico e fiero
Di fratellanza davvero sincero
Il buon Beethoven così m’ha creata
Forse per questo m’avete ingaggiata?

Sono il messaggio di gioia e di pace
L’ode che unisce le genti e che piace
Non mi si metta però in quarantena
Non mi si blocchi di blocco la scena

Son per l’Unesco Memoria del mondo
Testo e spartito van giù nel profondo
Il buon Beethoven così m’ha creata
Forse per questo m’avete ingaggiata?”

E fu in onore del virus corona
Che fu ascoltata con gioia la Nona
E fu ascoltando la sua sinfonia
Che questi versi han poi preso la via!

DT
15.03.2020

____________

NON CONTARCI

Torneremo ad abbracciarci?
Forse sì… ma non contarci
Torneremo anche a baciarci?
Forse sì… ma non contarci

Non contare in qualche cosa
Che non era neanche prima
Se tra noi c’era qualcosa
Sarà dopo… come prima

Se tra noi non c’era nulla
Pure dopo sarà il nulla
Se tra noi c’era l’Amore
Anche dopo sarà Amore

Il lirismo che dilaga
Come cura della ‘piaga’
Ha qualcosa di posticcio
Mi fa chiudere un po’ a riccio

Questa cosa assai corale
Del balcone ‘canterino’
Certo è bella e assai vitale
Può anche unire nel destino

Ma è l’unione del momento
Perché c’è un isolamento
Che ci spinge a fare e dire
Tutto ciò che sembra unire

Siamo un po’ come il fedele
Che va in chiesa per pregare
Che c’ha in cuore insieme al miele
Pure il fiele da sputare

Torneremo ad abbracciarci?
Forse sì… ma non contarci
Torneremo anche a baciarci?
Forse sì… ma non contarci

DT
15.03.2020

___________

FRATELLO D’ITALIA

Fratelli d’Italia l’Italia s’è desta
Sto qui alla finestra la vedo assai mesta
Nessuno più urla nessuno protesta
Saran tutti a casa lì a fare la siesta?

Fratelli d’Italia l’Italia è assai mesta
‘Na testa di cazzo mi guasta la festa
“Ma vattene a casa!” Gli urlo incazzato
Solleva le spalle col medio già alzato

“Ma vattene a casa!” Gli urlo più forte
“Untore demmerda che semini morte”
Si gira e sorride col medio più alzato
Con calma mi dice: “Son io il coronato!

Dai scendi cretino facciamo due passi
Star lì al balconcino sai quanto ti scassi
Dai vieni ti aspetto saremo io e te
Troviamo anche il tempo di berci un caffè

Fratello d’Italia ma destati un po’
Di farti del male intenzione non ho
Fanculo al decreto che tutto proibisce
Vedrai di ‘sto passo… l’Italia fallisce!”

Non so più che fare non so più che dire
Il virus corona mi invita ad uscire
Ci penso e ci penso poi dico: “Ma sì!
Adesso mi cambio tu aspettami lì”

Mi metto il vestito più bello che ho
Persin la cravatta con righe retrò
Mi metto le scarpe più nere che ho
E quando poi scendo lui dice: “Però!

Sei proprio carino col tuo vestitino
Ma quanto ti dona quel bel cravattino
Vedrai che bel giro nel parco facciamo
Non essere teso… più tardi torniamo!”

Mi sveglio sudato guardandomi intorno
C’è un Sole brillante che illumina il giorno
Ma accanto al mio letto una bella ‘corona’
Sorniona sussurra: “Lui no… non perdona!”

DT
15.03.2020

_____________

QUANTE VOLTE?

Alla faccia del decreto
Sono uscito quattro volte
All’insegna del divieto
Certo è che sono molte

Sono uscito quattro volte
Per buttare l’immondizia
Certo è che sono molte
Forse è stata un’imperizia

Una volta per buttare
Resti d’umido e bucciame
Una volta per buttare
Vetro vario e scatolame

Una volta per buttare
Cartoncini e varia carta
Una volta per buttare
Tutto ciò che poi si scarta

Si lo so che nel totale
C’è la plastica da dare
Ma per lei c’è il lunedì
E la metterò… poi lì

Lì vicino ai cassonetti
Con tant’altri bei sacchetti
Lei vien presa il martedì
Doman sera… poggio lì

Alla faccia del decreto
Uscirò tant’altre volte
Se mi ferman sarò lieto
Di tossire… un po’ di volte!

DT
Domenica 15.03.2020

______

FLASH MOB

Nel coacervo dei flash mob
Non faceva mai un flash mob
Non perché lui fosse snob
Non credeva nei flash mob

“Andrà tutto tutto bene”
Già le palle aveva piene
Lui pensava: “Bene un cazzo
Crollerà pure il Palazzo!

Se siam tutti nel palazzo
Nel rispetto del decreto
Quanto regge ‘sto palazzo?
Se vien giù… ci porta dietro!

Sarà stato progettato
Per tenerci tutti insieme?
Col cemento bene armato
Fatto come si conviene?”

Forse un po’ la reclusione
Forse un po’ l’informazione
Non gli davano speranza
Tra le mura della stanza

Una stanza del suo loft
Tanto bello quanto soft
Vista aperta alla collina
Dalla sera alla mattina

Dalla sera alla mattina
Tra il lavoro e la collina
Tra il lavoro e la collina
Dalla sera alla mattina

Finché un giorno fu assai snob
Perché fece un suo flash mob
Un flash mob si dice… ‘al volo’
Dalla stanza… fino al suolo!

Nel coacervo dei flash mob
Forse il suo fu troppo snob
Ma ciascuno ha il suo flash mob
A suo modo… ognuno è snob!

DT
17.03.2020

______

FINESTRA AL SOLE

Niente smog città pulite
Sole alto clima mite
Niente giri niente gite
Passeggiate ormai proibite

Niente smog città deserte
Tutti insieme nella ‘suerte’
Che ogni giorno si diverte
E mazzate ne ha già inferte

Niente smog città spettrali
Per il virus siamo uguali
Lungo strade e lungo viali
Siamo numeri… seriali

Niente smog città in allerta
Tutti lì sotto coperta
La finestra al Sole offerta
Tien distante anche l’allerta

Niente smog s’attende il picco
Resto in casa col mio bricco
E il mio solito alambicco
Che distilla… un verso ricco!

DT
18.03.2020

_____________

SHAKESPEARE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

“Videochiamami ti prego
O io esco e me ne frego
E alla faccia del decreto
Non rispetto alcun divieto

Videochiamami ti prego
O io esco e me ne frego
Vengo sotto il tuo balcone
E ti canto una canzone

Videochiamami Giulietta
Sono qui col cell che aspetta
Sono qui nella stanzetta
E mi manca la tua… stretta!”

Fu con queste tre quartine
Che Romeo la messaggiò
Lei con altre tre quartine
Messaggiando lo freddò:

“Senti un po’ bel cicisbeo
Che ti fai chiamar Romeo
Ma perché non chiami tu?
Non hai giga pure tu?

Hai paura di sprecarli?
Hai paura di pagarli?
Mi fai proprio tanta pena
Forse è meglio uscir di scena

Ma ci esci tu da solo
Io ci resto e mi consolo
Con un tipo più ‘sociale’
Del bel mondo virtuale!”

Certo è che ‘ste quartine
Poi sancirono la fine
Perché amar senza contatto
Poi li fece andar di matto

E lui infatti gran coglione
Andò sotto il suo balcone
Cantò pure una canzone
Fu arrestato e andò in prigione

Lei chattando e richattando
Virtualmente trovò Nando
Poi Fernando e infine Armando
Stanno assai… socializzando!

DT
18.03.2020

____________

MOLTO TOCCANTE

Lui le scrisse una poesia
Con un verso assai ‘toccante’
Lesse poi la sua poesia
Con un tono più toccante

Lei ascoltò quella poesia
E gli disse: “Ma vai via!
Devi stare assai distante
Non puoi essere toccante”

Lui rispose: “È sol poesia
La poesia non ha confini
Può creare una magia
Far sentire più vicini”

Lei ridisse: “Ma vai via!
Devi stare più distante
Se vien qui la Polizia
Poi ci multa in un istante”

Lui rispose: “È sol poesia
La poesia non ha confini
Può creare l’armonia
Far sentire più vicini”

Lei gli disse: “Sei de coccio!
Devi star distante un metro
Guarda un po’ che se mi scoccio
Ti do un calcio nel didietro”

Lui rispose: “È sol poesia
La poesia non ha confini
Può creare sintonia
Far sentire più vicini”

A quel punto lei sbottò
E un bel calcio gli tirò
Ben mirato nel didietro
In virtù del noto metro

Lui capì che la poesia
Non dev’essere ‘toccante’
E così se n’andò via
Col sedere… dolorante!

DT
19.03.2020

_______________

COVID-INO

Me lo vedo il Covidino
Lì su un alto cadreghino
Sorseggiare del buon vino
E strizzare l’occhiolino

Me lo vedo il Covidino
Sempre lì sul cadreghino
Fare patti col destino
Fare al mondo un sorrisino

Me lo vedo il Covidino
Rotondetto e piccolino
Col suo ghigno birichino
Degustare a litri il vino

Me lo vedo il Covidino
Terminare a litri il vino
Scender poi dal cadreghino
E riprendere il cammino

Me lo vedo il Covidino
Armeggiare col mirino
Come un abile cecchino
Sopra un alto cadreghino

Me lo vedo il Covidino
Fare patti col vaccino
Farsi più d’un conticino
E investire sul vaccino

Me lo vedo il Covidino
Spero lui non veda me
E che torni a bere il vino
Fino a perdere il suo sé!

DT
20.03.2020

___________

PAN(D)ORAMA

“Ma che bello il pan(d)orama”
Disse lui dal belvedere
“Più nessuno corre e brama
Tutti a casa… sul sedere!

Ma che bello il pan(d)orama
Ma che bella pandemia
Che controlla su una dama
Chi resiste e chi va via

Ma che bello il pan(d)orama
Ma che bella strategia
Dimmi un po’ come si chiama
Chi a ‘sta cosa ha dato il via?”

Fu così che il Braccio Destro
Rivolgendosi al Maestro
Gli mostrò una boccettina
Con su scritto… ‘Roba Fina’

Fu così che l’altro Braccio
E poi un altro e un altro appresso
Nel coacervo di un abbraccio
Esultarono al successo

Mi svegliai dal dormiveglia
Guardai l’ora della sveglia
Ma non vidi alcuna ora
Quando è ora in fondo è ora

Mi affacciai dalla finestra
Era brutto il pan(d)orama
Saltai giù dalla finestra
S’aprì agli occhi… il Panorama!

DT
22.03.2020

___________

MORTO IGNOTO

Pandemia pandemia
Per piccina che tu sia
Pian pianin ci porti via
Pian pianin fai pulizia

Pulizie di primavera
Da mattina sino a sera
Non sarai la peste nera
C’hai però la tua filiera

La filiera dei tuoi morti
Varie età senza cognomi
Vecchi e giovani anche forti
Che per noi non hanno nomi

Dieci cento mille morti
A migliaia sulla pista
Per noi tutti solo morti
Con un numero di lista

Per noi tutti morti ignoti
Agli affetti solo noti
Dentro bare allontanate
Con le spoglie poi cremate

Sentimento al morto ignoto
Per riempire il grande vuoto
Che ogni morto… morto solo
Ha lasciato… col suo volo!

DT
23.03.2020

____________

BALCOLIMPIADI 2020

“LANCIO DEL GIAVECCHIOTTO”

Lo guardò e gli disse: “Vecchio!
Sei davvero assai vecchiotto
Non ci usiamo da parecchio
Devo dir che mi hai anche rotto!”

Lui le disse: “Chi ha parlato!
Sei più vecchia del creato
Io t’ho rotto e tu m’hai rotto
Dai lanciamoci… di sotto!”

Si lanciaron dal balcone
Come vuol la tradizione
Che allontana ciò che è vecchio
Infilandolo in un secchio

Si lanciaron dal balcone
Per sancir la loro unione
Passò il ‘carro’ dei rifiuti
Che raccolse poi i canuti

Affrontaron l’emergenza
Con saggezza e con coerenza
Quando il virus lì arrivò
All’asciutto poi restò

Affrontaron l’emergenza
Denunciando l’indecenza
Di un sistema sanitario
Messo al muro in modo vario

Se hai qualcosa di vecchiotto
Che non usi ed è anche rotto
Lancia tutto dal balcone
Come vuol… la tradizione!

DT
23.03.2020

____________

CARO COVID-19

Caro Covidiciannove
Ci hai trattati con i guanti
Ti sei messo in ogni dove
Ci hai sgamati tutti quanti

Hai sgamato ogni mortale
Che sia stato o no infettato
Ti sei fatto assai virale
Tutto il mondo ti ha ascoltato

La psicosi che hai creato
Ha attecchito in ogni dove
Nel profondo hai ben scavato
E ogni cosa… là si smuove

Hai sgamato i finti santi
Hai sgamato i finti ciechi
Son sbottati proprio in tanti
E taluni son più biechi

Hai sgamato anche i furfanti
Hai sgamato ignoti e noti
Hai sgamato i figuranti
Hai sgamato i pieni e i vuoti

Hai sgamato la saggezza
Rivelatasi pochezza
Hai sgamato la pazienza
Ch’era tale in apparenza

Ci hai sgamati proprio tutti
Belli buoni vili e brutti
Una storia collettiva
Infettata ed infettiva

Caro Covidiciannove
Però adesso svolta altrove
Cambia strada cambia meta
Che altro vuoi da ‘sto Pianeta!

Un Pianeta ormai già a Terra
Tanti son sulla barella
Tanti altri giù per terra
Tanti là sopra una stella

Caro Covidiciannove
Forse è colpa del T9
Perché scrive cosa vuole
Quando vuole e come vuole!

DT
23.03.2020

____________

ALLA MERCÉ

Tutti in coda alla mercé
Per comprare del caffè
Per comprare pasta e pane
E buon cibo per il cane

Tutti in coda alla mercé
Per comprare vino e tè
Per comprare un po’ di tutto
Per non stare mai all’asciutto

Tutti in coda alla mercé
Per comprare del formaggio
Son parecchi avanti a me
Carpe diem forza e coraggio

Tutti in coda alla mercé
Per comprar verdura e frutta
Tutti in coda con quel sé
Dove tutto va e si butta

Tutti in coda alla mercé
Sotto il Sole che riscalda
Tutti in coda alla mercé
Sotto il Sole che rinsalda

Tanti invece stanno all’ombra
Con la mente non più sgombra
Con la maschera ed i guanti
Forse il virus… sta più avanti

Ma perché non state al Sole?
Basta un passo che ci vuole
Stare al Sole fa assai bene
Stare in ombra non conviene

Ma perché non state al Sole?
Fa assai bene pure al cuore
Anche lui già sotto sforzo
Nella lista… ci sta l’orzo?

Tutti in coda alla mercé
Di paura e diffidenza
Tanta merce alla mercé
Tutti a debita distanza!

DT
24.03.2020

__________

IL RE CLUSO

Lo chiamavano il Re Cluso
Con l’esterno aveva chiuso
Tra le mura del suo regno
Lui cercava ogni sostegno

Lo cercava tra le righe
Di un buon libro o una canzone
Lo cercava tra le righe
Di una lirica tenzone

Lo cercava all’orizzonte
Che gli stava lì di fronte
Lo cercava su quei monti
Irradiati dai tramonti

Lo cercava anche nel Sole
Perché il Sole dà calore
Lo cercava nel deserto
Nel silenzio di un concerto

Lo cercava tra le Stelle
Se nel ciel vedeva Stelle
Lo cercava sulla Luna
Quasi sempre verso l’una

Lo cercava nel sociale
Gran bordello virtuale
Che per quanto virtuale
Era sempre più reale

Lo cercava anche nei fiori
Tra le mura del suo regno
Perché il mondo chiuso fuori
Di riaprir non dava segno

Ma un bel giorno il mondo aprì
Ed il Re dal regno uscì
Poco dopo vi rientrò
Cosa vide… non lo so!

DT
24.03.2020

________

MILLE BACI

Lei gli disse: “Caro Orazio
Non invadere il mio spazio
È già ben delimitato
Pur se il fil non è spinato

Per favore caro Orazio
Resta dunque nel tuo spazio
Che il decreto decretato
Già più volte l’hai violato

Dammi ascolto caro Orazio
Sopportiamo questo strazio
Sopportiamolo a distanza
Pur se piccola è la stanza

Ti ringrazio però Orazio
Del bellissimo topazio
Ma rimani nel tuo spazio
Non provarci… con il dazio”

Lui le disse: “Sei uno strazio
Il mio nome non è Orazio
Cara Lesbia… son Catullo
Sono io che ti trastullo

Forse un poco ti sei persa
Perché il mondo tergiversa
Prova un po’ a tornare in te
E a spaziare sol con me!”

Fu così che a suon di baci
Furon cento mille baci
Ma tra tutti i folli baci
Mai si dissero… ‘mi piaci’

Perché ormai per il ‘mi piace’
Si usa il pollice all’insù
E nel social trova pace
Chi ne vede… tanti in su!

DT
25.03.2020

___________

AI TEMPI DEL CORONA ANDÒ COSÌ

La bocca le baciò tutto tremante
E lei sentendo il tipo tremolante
Pensò che fosse un po’ febbricitante
E quindi urlò atterrita: “Stai distante!

Dobbiam per prima cosa misurare
La febbre per capir s’è da abbassare
E prima ancor che tu voglia baciare
Sarebbe molto meglio tamponare

Chiudendo gli occhi a te mi son donata
Senza pensare d’essere infettata
Son stata assai leggera ed incosciente
Avrei dovuto pur tenerlo a mente

E sì che alla tivù lo dicon sempre
Di non toccar nessuno tra la gente
Di non baciar nessuno e tener sempre
I guanti con la maschera coprente

Dovresti pure tu saper ‘ste cose
Invece mi fai fare brutte cose
Se scopro che col bacio m’hai fregato
Io giuro che ti stacco il beneamato”

Ma il tipo tanto aitante e tremolante
Non era mica poi febbricitante
Il tipo tremolava per l’ardore
Così come succede nell’ammmore

Ai tempi del corona andò così
Chi amava poi col tempo s’indurì
E i baci tremolanti e appassionati
Poi vennero pian piano… eliminati!

DT
25.03.2020

______

WUHANCINESE

Tutto il mondo ormai è paese
Tutto il mondo ormai è alle prese
Con il virus ‘wuhancinese’
Che di vite ne ha già prese

Tutto il mondo ormai è paese
Per il virus wuhancinese
Che ha bloccato aziende e imprese
Dentro un limbo ormai sospese

Tutto il mondo ormai è paese
Per il virus wuhancinese
Che ha bloccato scuole e chiese
Case e isole comprese

Tutto il mondo ormai è paese
Per il virus wuhancinese
Che ha gettato tra contese
Quest’Europa… senza intese

Tutto il mondo ormai è palese
Ha pochissime difese
Contro il virus wuhancinese
Dalle sepsi molto estese

Tutto il mondo ormai è paese
Un immenso e gran paese
Dove scelte disattese
Han portato a ‘ste sorprese

Non per essere scortese
Verso il virus wuhancinese
Ma in attesa di riprese
Io mi tocco… il noto ‘arnese’

DT
29.03.2020

___________

LA PUZZETTA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

E quando all’improvviso
Il cul fece trombetta
La mano andò sul viso
Per via della puzzetta

Usciron tutti in fretta
Insiem dalla casetta
Il nonno e la nonnetta
Il bimbo e la bimbetta

La mamma urlò: “Su in fretta
Usciamo tutti in fretta
Il babbo ha la caghetta
E forte è la puzzetta”

In strada tutti fora
Li vide una signora
Che urlò dal suo balcone
Con lirico vocione

Che urlò: “Oddio gli untori
Dobbiamo farli fuori
Sia a grandi che piccini
Spariamo coi pallini”

La mamma allora urlò:
“No no no no no no
Siam fuori per un peto
Sappiamo del divieto

Tra poco rientreremo
E a casa poi staremo
Per giorni mesi e anni
A sopportar gli affanni”

Finita la puzzetta
Rientrarono in casetta
Sessanta metri quadri
Senza tappeti e quadri

Son là tutti rinchiusi
Han tutti grandi musi
Son già passati anni
Tra puzze e grandi affanni

DT
01.04.2020

___________

COME PRIMA PIÙ DI PRIMA!

“Vedrai che tornerà com’era prima”
Lui disse alla sua amata Carolina
“Vedrai che tornerà com’era prima
Andremo a passeggiare su in collina

Vedrai che tornerà com’era prima
Mia dolce e cara amata Carolina
Andremo insieme il sabato mattina
A far la spesa grande, o mia piccina

Vedrai che tornerà com’era prima
Impasteremo insieme la farina
Per fare un pane buono più di prima
Per dare forme nuove alla farina

Vedrai che tornerà com’era prima
Andremo su in montagna fino in cima
A respirar quell’aria sopraffina
Seduti su una gelida panchina

Vedrai che tornerà com’era prima
Ci sveglieremo insieme la mattina
E come facevamo già anche prima
Faremo colazione là in cucina

Vedrai che tornerà com’era prima
Lo giuro qui in ginocchio, o mia gattina
E avrai da me soltanto amore e stima
E il nostro amor sarà come una rima”

E infatti tornò tutto come prima
Riprese lui a picchiare Carolina
Con schiaffi dati presto la mattina
E calci verso sera… come prima

Ma un giorno la sua amata Carolina
S’alzò dal letto prima un po’ sordina
Andò con passo lieve là in cucina
E prese un mattarello… roba fina!

L’amato non si alzò quella mattina
Non mise mai più piede là in cucina
Uscì di casa presto Carolina
Per lei più nulla fu… com’era prima!

DT
04.04.2020

________

LA PANDIERA ITALIANA

Per questioni di virus corona
La Band-iera s’è fatta Pand-iera
E direi che un pochino anche stona
Pur se sventola al vento assai fiera

Proprio al centro del bianco solare
Un re strano c’ha messo un blasone
Un re strano che ha preso a regnare
Su un Paese da tempo in prigione

È un re strano invisibile e fiero
Che combatte da vero guerriero
Un re strano spietato ed astuto
Che sul trono qualcuno ha voluto

Un re forte di fama mondiale
Che sul Mondo s’è messo a regnare
Un re forte con scettro spettrale
Che per tanti s’è fatto letale

Un re forte dal tocco mortale
Destinato per molto a regnare
Che s’è fatto anche un po’ influenzare
Da qualcosa di oscuro e brutale

Va un pensiero per ora ai Caduti
Come militi ignoti sperduti
E un pensiero a chi opera al fronte
E a chi deve affidarsi a Caronte

Per questioni di virus corona
La Pand-iera sta là e non perdona
Certo un giorno cadrà la corona
E con lei tanti altri… in poltrona!

DT
06.04 2020

Pubblicato in Arte e Bellezza, Just for fun!, Pensieri&Parole, Teatro | 1 commento

Coronavirus: quando gli addetti ai controlli non danno il buon esempio

Questa mattina sono andato al mercato di via Nicola Porpora, a pochi passi da casa, per effettuare i dovuti acquisti di verdura per famiglia e parenti anziani.
Sarà sicuramente l’avvicinarsi di Pasqua, di una festività sebbene quest’anno decisamente ridimensionata in quanto senza riunioni familiari, ma la coda per l’accesso all’area del mercato era decisamente più lunga del solito. Insomma,  almeno un buon 20 minuti di coda lungo le paratie appositamente predisposte prima dell’ingresso al mercato vero e proprio!

Durante tutto questo tempo ho avuto modo di osservare il periodico transitare di due addetti della Polizia locale, una donna ed un uomo, che percorrevano lentamente tutta l’area interna del lungo mercato.
Mentre la signora aveva sempre una mascherina ben posizionata, il collega (con mio stupore) l’aveva SEMPRE posizionata malamente, con il naso completamente fuori, nonostante poi si trovasse accanto a lei (non certo ad una distanza superiore al metro) e occasionalmente analogamente anche a cittadini che transitavano per fare la spesa o stazionavano nelle code dei singoli banchi
.

Pur essendo ancora in coda, all’ennesimo loro passaggio vedendo immutato il suo comportamento, mi era già venuta proprio voglia di riprenderlo, ma mi sono trattenuto per non fomentare eventuali possibili reazioni delle persone in coda, già sufficientemente provate dall’attuale situazione e sicuramente per questo già innervosite, come avevo avuto modo di constatare poco prima orecchiando alcuni loro discorsi.

Tuttavia, una volta entrato nel mercato, vedendomeli arrivare di fronte nuovamente, con la medesima flemma di chi discorre piacevolmente con una collega accanto, per di più sotto il bel sole primaverile di oggi, non mi sono più trattenuto …
Quindi, avvicinandomi con la mia mascherina come sempre ben messa (a lui che ha continuato a tenerla con il naso completamente fuori), gentilmente e con voce bassa e pacata per non attirare l’attenzione dei passanti, mi sono limitato a pronunciare questo esatto rimprovero, secondo me dovuto: “Mi scusi, ma desideravo dirle che non sta dando un buon esempio a portare la mascherina sempre in quella maniera“.
Ad una sua risposta veloce ed indispettita, non è seguita alcuna modifica nel suo atteggiamento … anzi! Poco dopo l’ho rivisto con la mascherina completamente tolta e portata in mano, sebbene si trovasse addirittura momentaneamente a dirigere l’ingresso delle persone nell’area del mercato!

E’ vero, non esiste l’obbligo di portare una mascherina.
Tuttavia ovunque vengono date precise indicazioni non solo di portarla, ma di utilizzarla correttamente, stando per di più almeno alla distanza di un metro, perché solo così è possibile limitare possibili ulteriori contagi soprattutto nei luoghi affollati come i mercati/supermercati. Proprio a tal scopo sono stati predisposti lunghi corridoi per limitare gli ingressi nelle aree di acquisto e distanziare le persone opportunamente, … proprio a tal scopo ci sono addetti dei commercianti e delle istituzioni a vigilare.

Perciò, mi sembra davvero inappropriato che un addetto della polizia locale, che è in quel luogo penso proprio per controllare che le dovute indicazioni di sicurezza vengano rispettate, a sua volta non dia il buon esempio, vale a dire porti la mascherina sempre e posizionata correttamente, così come d’altra parte stava facendo più del 90% dei cittadini presenti, compresi i commercianti, … nonostante questi ultimi dovessero spostare casse di frutta e non certo passeggiare amenamente al sole!
Ancor più disapprovabile mi apparso poi il suo atteggiamento super partes di chi ignora addirittura un suggerimento di un cittadino che gli fa presente, educatamente, un suo comportamento inappropriato.

Se è bene che due addetti della polizia locale siano presenti in ciascun mercato per sorvegliare che le indicazioni di sicurezza vengano rispettate dai commercianti e dagli acquirenti, reputo assai opportuno che siano loro in prima persona a dare il buon esempio.

Inoltre, sarebbe altrettanto opportuno che non si limitassero semplicemente a passeggiare SEMPRE insieme, discorrendo amenamente, ma che controllassero separatamente diverse parti del mercato: altrimenti, in quel luogo, ne basterebbe solo una di queste persone pagate dalla collettività.

Tanto più in questo periodo, non è certo bello osservare addetti pubblici alla sicurezza che si comportano in quel modo non consono alla loro funzione, come purtroppo avviene talvolta anche in altre situazioni come quella che ho già avuto modo di segnalare in un altro post. Quella volta si trattava di un contesto completamente differente, relativo alla preferenza di qualche addetto a rilasciare “facili” multe (piuttosto che preoccuparsi di indirizzarle dove sicuramente sarebbe stato più opportuno, seppur più problematico e faticoso), ma il discorso di comportamento inappropriato è il medesimo.

Insomma, ben altra è la tipologia di poliziotto e di vigile che il cittadino desidera incontrare per strada!

 

______________

Può interessarti:

 

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Torino e dintorni | 6 commenti

How to know how much memory you still have to use on your WordPress plan

We see in another post that it may be useful to reduce the size of every picture/photo you upload in WordPress in order not to consume the memory space you have available, that it depends on the plan you choose.
Usually it not so much (3GB for a Free account or 6GB for a Personal one).
We saw in that post then how to reduce the size of a picture, before loading it in WordPress, using even an embedded feature of Windows 10, so without having to ask for a graphic SW like Photoshop or an external service offered by some site (e.g. tinypng.com).

In this post I will show you how you can easily know how much memory you still have to use on your WordPress plan.

You have just to go in the Multimedia content (IT: Contenuto multimediale) section from the WordPress Administration site:

 

Pubblicato in Arte e Bellezza, Dipinti, Fotografie, Just for fun!, Review e test, Smartphone OS, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

Come ridimensionare delle foto in blocco utilizzando una funzionalità incorporata in Windows 10

Spesso, soprattutto se si vogliono inserire delle immagini/foto in un sito/blog, risulta conveniente diminuirne le dimensioni in quanto lo spazio di memoria che uno ha a disposizione è limitato. Questo vale qualsiasi sia il piano tariffario scelto (se non magari il massimo) e ovviamente tale spazio risulta assi limitato soprattutto nel caso di utilizzo l’utilizzo gratuito. Ad esempio, un sito/blog su WordPress ha a disposizione 3GB se gratuito o 6GB se Personal … poi si va molto su di prezzo!
Risulta quindi importante stare attenti a non caricare immagini ad alta definizione in quanto, oltre che inutili se visualizzate su un semplice monitor, verrebbero presto a saturare buona parte dello spazio di memoria a disposizione.
In particolare per vedere quanta memoria uno ha usato nel proprio sito/blog WordPress e quanta ne ha ancora a disposizione con il proprio piano di abbonamento, puoi operare come descritto in questo altro post.

Ovviamente tutti i programmi di editing hanno una qualche modalità di salvataggio che consente di definire la definizione dell’immagine e quindi anche le dimensioni del file salvato. Ad esempio in Photoshop esiste una voce specifica Salva per Web che, a fronte di impostazioni impostate, presenta addirittura una preview sia dell’immagine sia delle dimensioni che si otterranno per il file una volta convertito e salvato.

Ovviamente è una procedura non così agevole in quanto comporta di aprire ciascun file, e salvarlo con le opportune opzioni … a meno che uno non abbia una versione professionale di un programma che magari consente di creare macro o contenga sistemi di modifica in blocco delle immagini desiderate.

Una alternativa potrebbe essere quella di pubblicarle su un social, ad esempio su Facebook e poi da quello salvarle nuovamente sul proprio PC: infatti generalmente le immagini vengono ridotte di qualità/dimensione dalla funzionalità di upload di questi programmi … ma anche questo non è proprio un metodo veloce e comunque sempre indicato!!

Un altro metodo assai più semplice è usare qualche servizio online, generalmente gratuito con specifiche limitazioni, come quello offerto da tinypng.com:

Basta quindi selezionare tutti i file da convertire e trascinarli nella apposita sezione indicata nel sito, aspettare che la conversione avvenga e quindi premere il tasto Download all per vedere scaricato su una directory scelta del proprio PC uno file zip contenente tutte le immagini ad una dimensione minore.
Le uniche limitazioni di questo servizio online gratuito, oltre ad avere una definizione di default e non selezionabile a piacere, sono il limite di 5MB di ciascuna singola immagine e il numero massimo di 20 immagini per volta elaborabili. Ovviamente esiste una versione Pro a pagamento che innalza a 25GB la dimensione massima di ciascun file e non ha il limite sul numero di immagini caricabili per volta: tuttavia non mi sembra che si possa comunque selezionare la definizione che uno ritiene più appropriata.

Esiste però anche un altro metodo altrettanto facile, già presente “embedded” in Windows 10, per modificare in blocco delle foto, riducendole di qualità/dimensione a piacere e non come nel servizio offerto da tinypng.com secondo un parametro di default (che tuttavia è poi quello che generalmente va più che bene per una pubblicazione sul Web). Inoltre questo metodo non ha nessuna limitazione nella dimensione iniziale del l’immagine che può quindi essere anche superiore ai 5GB, evento assai comune anche effettuando ormai una foto con il proprio telefonino e non necessariamente con una macchina fotografica professionale!!
Si tratta di fruttare in realtà una funzionalità presente nell’Esplora file (File Explorer) e specificatamente quella raggiungibile dal menù che compare cliccando con il tasto destro uno o più files: Invia a -> Destinatario posta (Send to -> Mail recipient).

Ovviamente, se si desidera convertire più file, conviene metterli prima tutti in una cartella, quindi selezionarli (cntl+a) e poi, cliccando su uno dei selezionati con il tasto destro, scegliere appunto la voce del menù a tendina Invia a e quindi Destinatario posta:

_________
NOTA – Si noti che viene sfruttata una funzionalità propria del client di posta Microsoft Outlook, anche nella sua versione gratuita, per cui, se non è già stato configurato per gestire una casella di posta, risulta necessario provvedere. Se infatti compare la finestra popup seguente, è necessario appunto ricercare il Pannello di controllo , aprire la sua sezione dedicata alla Posta elettronica e configurare una casella di email.

Finestra di popup che compare se non si è configurata una casella di posta nel client Outlook

Andare nella sezione Mail presente nel Pannello di controllo

Configurare una propria casella di posta in Outlook

___________
A questo punto verrà richiesto di scegliere le dimensioni con cui di desidera convertire le immagini. Per avere una buona qualità  senza tuttavia creare file troppo grandi, conviene scegliere la dimensione Medie: 1024×768. Questa è la dimensione  ad esempio, che ho utilizzato per le immagini presenti in questo post. Se si sceglie una delle dimensioni più piccole,  il file ovviamente terrà  meno spazio ancora ma la qualità che ne risulta è generalmente insufficiente anche per una pubblicazione su Web.

Premendo quindi il tasto Allega, tutti i file che erano stati selezionati vengono convertiti ed allegati ad una nuova email. Il client di email che viene aperto per allegarli, risulta quello definito a livello di sistema in quel PC utilizzato.

A questo punto basta selezionare tutti i file allegati a quella nuova email (sempre cliccando su uno e poi effettuando il cnrl+a) e, una volta che siano divenuti tutti colorati, cliccare su uno di quelli con il tasto destro e selezionare Salva con nome. In alternativa al cntl+a, si può utilizzare la opzione Seleziona tutto, presente sempre in quel menù a tendina che compare cliccando con il tasto destro:

Tutte quelle immagini verranno così salvate nella cartella che uno indica, magari una appositamente creata:

Ovviamente, poi, una volta quella bozza di nuova email sarà da cancellare, cliccando sull’icona X in alto a destra nella finestra e specificando di non salvarla!!

Nota: non selezionare troppe foto per volta da convertire: il client di posta potrebbe non reggere e bloccarsi. Comunque con qualche decina di immagini di dimensioni “normali” non ci sono problemi!!

E’ un vero peccato che questa funzionalità, già presente nel File Explorer, non lo sia anche presente nell’app Microsoft Cattura ed annota (attivabile anche con lo shortcut dei tasti Bandiera MS + Shift+ s e poi la selezione può essere eventualmente disattivata con il tasto Esc) che invece non consente di impostare la definizione/dimensione dello screenshot salvato. Si noti che tale app risulta attualmente alternativa al vecchio Strumento di cattura che risulta ancora tuttavia utile quando si desidera catturare lo schermo quando ci sono finestre popup non permanenti (con l’altra, nella attivazione dell’app, quelle finestre si chiudono!).
Ho inserito nell’Hub di feedback questa richiesta per cui se servirebbe anche a te tale funzionalità in quell’app Microsoft puoi votarla.

That’s all folks.

Pubblicato in Dipinti, Fotografie, Review e test, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

Bisogna essere ottimisti! Andrà tutto bene ….

P.S. 12/4/2020 – Una notizia già del 7/4/2020 ma che in questo giorno di festa un po’ particolare può tirar su di morale qualcuno.
… a parte gli scherzi, sembrerebbe che si sia vicini a trovare un vaccino contro il Covid-19: La Stampa – Coronavirus: “Siamo vicini a un vaccino contro il Covid 19 efficace e semplice da usare”

h

Una notizia già del 7/4/2020 ma che in questo giorno di festa un po’ particolare può tirar su di morale qualcuno!! 🙂

______________________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Teatro | Lascia un commento

Come effettuare gratuitamente videoconferenze con molti partecipanti

Soprattutto in questo periodo di isolamento a casa, sia per lavoro sia per riunirsi con membri della famiglia o amici sia per realizzare incontri di studio, possono tornare utili le piattaforme che consentono di effettuare videoconferenze.

Ce ne sono diverse, talune esclusivamente commerciali a pagamento quali WebEx della Cisco, Bandyer, Skype for Business, sebbene alcune consentano un periodo iniziale di prova gratuita: scaduto quello, hanno comunque un costo che è più che accettabile se uno li utilizza per lavoro, ma forse eccessivo se lo scopo è differente.

Per un uso non professionale, infatti, risulta in genere più che accettabile avere alcune limitazioni sia nel tempo a disposizione, sia nelle funzionalità fornite e magari anche nella qualità/priorità nella gestione della videoconferenza lato piattaforma.

Tra le piattaforme che consentono di realizzare videoconferenze gratuite, appunto con alcune limitazioni più che accettabili, sicuramente Skype e Zoom sono le migliori e per questo le più utilizzate.

NOTA BENE
In tutti i sistemi di conferenza esiste la possibilità di attivare o meno l’audio, il video e/o condividere lo schermo del proprio PC/smartphone.
Possono inoltre essere invitate ulteriori persone anche nel corso della videoconferenza stessa.
è buona norma disattivare sempre l’audio se non quando si deve parlare, per evitare un brusio, somma del rumore di fondo di tutti i microfoni accesi dei partecipanti.
Se poi la qualità della connessione non è buona, conviene magari escludere anche il proprio video ed attivarlo magari solo quando si parla o al limite lasciarlo sempre disattivo in quanto comunque per una propria comunicazione può essere sufficiente attivare solo l’audio.
Nel caso di una lezione generalmente è importante vedere principalmente il docente.

________________________

SKYPE

In sistema di videoconferenza Skype è sicuramente la piattaforma che esiste da più tempo nella sua versione consumer e non business: attualmente con l’app per video chat Skype, si possono effettuare gratuitamente videochiamate di gruppo per un massimo di 50 persone su qualsiasi dispositivo mobile, tablet o computer.
Il suo utilizzo è assai semplice ed intuitivo e sia l’interfaccia utente sia le spiegazioni per utilizzarlo sono anche in italiano, per cui vi rimando ai link disponibili sul sito Skype. Si noti che Skype esiste come app sugli smartphone e sui PC Windows 10 sia come applicazione desktop scaricabile qui. Se lo si usa su un PC, secondo me, conviene utilizzare quella versione desktop.

Selezionare Riunione per iniziare una nuova videoconferenza (1)

Vengono mostrate le istruzioni per condividere l’invito ad altre persone (2)

Se si preferisce, si può poi condividere agevolmente il link di partecipazione anche inviando, ad esempio via email, ma potrebbe anche essere sufficiente mandarselo tramite un programma di messaggistica quale Messenger o WhatsApp web.

Link da condividere ad altre persone e che consente loro di partecipare a questa riunione (3)

Sull’app Skype su smartphone il discorso è analogo:

_____________________

ZOOM

Il sistema di videoconferenza Zoom.us, invece, ha la possibilità di impostare sia il sito sia l’app in diverse lingue ma non in italiano, per cui potrebbe presentare qualche problematica utilizzarlo la prima volta, seppure la procedura risulti anche qui piuttosto intuitiva.
Senza pagare, Zoom presenta la limitazione sul tempo massimo di ciascuna videoconferenza che è di 40 minuti se i partecipanti sono 3 o più, generalmente comunque più che sufficienti per un utilizzo non business. Tuttavia, se scadono e quindi la videoconferenza termina, è sufficiente per proseguirla che tutti i partecipanti rifacciano la connessione alla medesima videoconferenza cioè un Join indicando il medesimo conference ID che la identifica e già avevano utilizzato precedentemente: questo minimo fastidio nel doversi riconnettere penso sia superabile se si pensa che tale servizio viene offerto gratuitamente con questa modalità!!

Nel seguito riporterò anche la procedura sia per programmare una nuova videoconferenza e comunicare a tutti i partecipanti il suo ID, fornendo anche per comodità via email, un link con il quale connettersi direttamente a quella specifica videoconferenza.

Prima però preferisco descrivere come aderire ad un invito, in quanto penso sia la situazione più diffusa.
Basta anche andare sul sito di Zoom.us, selezionare Join (e.g unisciti) ed inserire l’ID comunicato da chi organizza quella videoconferenza, magari tramite un programma di messaggistica quale Messenger o WhatsApp web! Ancora più semplicemente, l’organizzatore può decidere, come si è visto con Skype, di scegliere l’opzione presente che invia direttamente tale link ai partecipanti, aprendo l’applicazione di posta elettronica presente sul PC o sullo smartphone e compilando già il testo della email da inviare: purtroppo anche qui il tutto non è in italiano.  I destinatari dell’invito a partecipare, devono in questo caso semplicemente cliccare sul link ricevuto e non devono neppure più inserire a mano l’ID del meeting. Si noti che chi si unisce ad una videoconferenza organizzata da un’altra persona, non è necessario nemmeno registrarsi come utente nella piattaforma. Diverso è il discorso dell’organizzatore per il quale è richiesta l’autenticazione in quanto gli verrà associato un identificativo che sarà quello da utilizzare da tutti per connettersi a videoconferenze dal medesimo organizzate: quell’ID infatti mantiene la sua validità nel tempo.

Aderire ad una videoconferenza sapendo il suo ID (1)

Aderire ad una videoconferenza sapendo il suo ID (2)

Aprire una videoconferenza dal link ricevuto, ad esempio, via email

NOTA BENE: tutte le volte che viene richiesto di consentire all’applicazione di aprire qualcosa o di utilizzare qualche risorsa del computer (e.g. webcam, microfono), è necessario consentire:

 

Quando ci si connette, può essere richiesto anche se ci si vuole connettere tramite l’audio del PC ed ovviamente si deve acconsentire:

Se l’organizzatore della videoconferenza non si è ancora collegato, comparirà la videata seguente che invita a rimanere in attesa:

Magari può nel mentre essere conveniente verificare le impostazioni dell’audio e del microfono in modo da non avere poi sorprese durante la videoconferenza: i pulsanti Test speaker e Test Mic, servono appunto per verificare il corretto funzionamento di audio e microfono, rispettivamente.

 

____________________

Se si è l’organizzatore, per programmare una videoconferenza è sufficiente autenticarsi in Zoom e quindi selezionare, nel menù in alto, Host a meeting anziché Join.

Le riunioni programmate si possono poi gestire, attivare o al limite anche cancellare, dalla apposita pagina:

Gestione riunioni

Si può poi decidere per una specifica riunione, come d’altra parte in tutti i sistemi di videoconferenza, se condividere lo schermo ed invitare altri partecipanti.

Si noti che poi, all’inizio della riunione, man mano che i diversi partecipanti si connettono, l’amministratore dell’incontro deve abilitare la persona effettivamente ad accedere, passando con il mouse sopra il suo nome in modo da far apparire il pulsante Allow che deve essere premuto.

Si noti che l’organizzatore di un meeting può anche registralo tutto o una/più parti e poi ottenere alla chiusura della videoconferenza i file mp4 delle diverse eventuali registrazioni:

Conversine della registrazione della videoconferenza in mp4 alla chiusura del meeting

Nella directory Documenti/Zoom relativa a quel meeting si trova poi il file mp4 salvato

_____________

L’app Zoom ha poi un funzionamento analogo e consente di usufruire del servizio di videoconferenza ovunque uno sia, rete permettendo!!

Zoom nel Play Store

Autenticazione

Avvertimento sulle limitazioni nella version free

Schedulazione di una riunione

Mail con il link per unirsi ad una videoconferenza programmata

Attivazione eventuale del video

 

Pubblicato in Aziendali, Review e test, Smartphone OS, Teatro, Tecnologia, Windows | Lascia un commento

Epidemia coronavirus: quale mascherina è meglio usare?

Il grafico seguente mostra sinteticamente a titolo informativo  grossomodo la protezione fornita dalle diverse tipologie di mascherine sia come protezione al contagio propria o di altri, qualora chi la indossa fosse infetto magari anche senza ancora saperlo.

Si noti che di quelle FFP2 ed FFP3 ne esistono di due tipologie, con o senza una valvola che agevola la espirazione di chi la porta.

Tuttavia, quello che quel grafico di per sé purtroppo non esplicita è che usando una mascherina chirurgica (quella con indicato 0% in uscita e 80% in ingresso) si riesce a respirare abbastanza bene, seppure non abbia una valvola. Perciò la si può tenere sempre ben messa anche sul naso per cui davvero non si rischia sia di infettare nessuno sia di infettarsi se si sta alla dovuta distanza: infatti, seppur il disegno indichi un 80%, quel valore si riferisce al caso in cui il virus sia in prossimità della mascherina, che è assai improbabile se viene mantenuta la distanza di almeno un metro con le persone, tenendo conto che quelle infette sono in una percentuale bassa, e, senza portare anche loro una medesima mascherina, quelle devono tossire, starnutire o alitarti addosso perché la probabilità di infezione cresca notevolmente.

Le mascherine FFP2 E FFP3 sono molto più spesse. Perciò con quelle senza valvola risulta più difficile respirare, per cui (almeno dopo un po’ che le si porta) si tende a non tenerle sempre nel modo corretto per riuscire a respirare meglio, soprattutto se uno le deve tenere molto tempo. Ovviamente anche per quelle la freccia verso l’esterno indicante 0%, è da intendersi con mascherina ben messa, il che ben difficilmente avviene se non per un periodo limitato. Anche relativamente alla protezione verso la persona stessa che la indossa (indicata 18% e 5% rispettivamente), vale sempre il discorso di mascherina ben messa. Per non dire che  chi ha queste mascherine, tende a sentirsi immune da un possibile contagio per cui fa meno attenzione a non trovarsi in condizioni potenzialmente pericolose.

Avere infine mascherine FFP2 o FFP3 con valvola (senza null’altro) vuol dire fregarsene degli altri perché chi la indossa potrebbe lui infettare gli altri anche senza saperlo. Per questo motivo sarebbero da usare solo dalle persone che forniscono assistenza ad un malato (e.g. familiare, infermiere  o medico). Se proprio le si vuole usare si dovrebbe allora inserire sotto o sopra un ulteriore filtro (e.g. telo o mascherina chirurgica) affinché il fiato emesso dalla valvola non possa più risultare eventualmente infettivo.

Per non parlare poi del maggiore impatto ambientale che l’utilizzo di mascherine FFP2 e FFP3 comporta rispetto alle “semplici” mascherine chirurgiche oltre che del loro costo (8€ ciascuna, in farmacia, le FFP2 senza valvola). Si ricorda, infatti, che per essere efficienti le mascherine di ogni tipologia devono essere cambiate spesso, in genere dopo poche ore di utilizzo (e.g. massimo 30 ore).

______________

Conclusione?

Basta indossare una mascherina chirurgica e rispettare le distanze opportune, cioè almeno un metro, più che sufficiente soprattutto se anche l’altra persona ne indossa una analoga. Se poi proprio si deve andare in un posto molto affollato (e.g. tram) e per un periodo di tempo limitato,  allora può essere opportuna una FFP2/3 senza valvola (o una con valvola ma allora la si deve indossare con un ulteriore telo/filtro internamente o con una chirurgica ancora sopra) … ovviamente da portare ben messa.
Anche nei luoghi piccoli chiusi in cui transitano molte persone (e.g. ascensore) è opportuno restare con la mascherina.

Ovviamente diverso è il discorso se si deve assistere una persona infetta e dove è opportuno tenere sempre una mascherina FPP3 eventualmente anche con filtro se si deve usarla per molto tempo.

 

Infine, sia perché attualmente difficilmente reperibili da tempo, sia per il loro costo, esistono diversi video anche su YouTube che mostrano come costruirsene una in modo artigianale utilizzando,  ad esempio, dei teli igienici per cani. È sufficiente ricercare “come costruirsi una mascherina antivirus” per trovarne di molteplici tipologie. L’unica avvertenza è di farle in modo che, prendendo ovviamente sia bocca sia naso, vengano ai bordi ovunque ben aderenti alla faccia, anche in corrispondenza del naso.

_______________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Pensieri&Parole, Review e test, Torino e dintorni | 4 commenti

Non tutto il male vien per nuocere: visite gratuite (virtuali), musica, film, libri, audiolibri ed offerte di ogni genere ai tempi del coronavirus

Se vuoi solo trovare dei link utili per usufruire gratuitamente di materriale da intrattenimento di diverse tipologia, salta pure la prima parte del post cliccando su questo link.
Se invece vuoi anche meditare con me qualche considerazione … prosegui e leggi tutto il post per intero! 😉

Alcune delle risorse da me indicate esistono da tempo, altre sono state create ultimamente o rese gratuite proprio per aiutare piacevolmente la popolazione in questo periodo di confinamento in casa.

Ovviamente è anche questo post uno di quelli che andrà ad ampliarsi nel tempo, come spesso avviene in questo mio blog! Altrettanto ovviamente, poi, me ne potete proporre anche voi di nuovi link!!

 

==========================================

Mia nonna mi diceva sempre, quando ero bambino e magari per consolarmi per qualcosa che era andato storto: “Non tutto il male vien per nuocere“.
Nel corso della mia vita ho potuto constatare la veridicità di quel detto più volte, … anche se non sempre! 🙄

Comunque in questo periodo di reclusione domiciliare qualche lato positivo lo possiamo trovare, … se non ci lasciamo prendere dall’angoscia e dalla para di una malattia che, d’altra parte, non così probabile prendere se si hanno le ben note dovute attenzioni.

Certo, l’umanità ha ricevuto un nuovo duro colpo, dopo i molti di questo ultimo secolo. Dopo la bomba atomica il mondo non è stato più quello di prima, … ma andando anche in tempi molto più recenti, anche dopo l’attentato alle Torri Gemelle il cambiamento si è notato e la gente ha dovuto adattarsi a nuove abitudini.

Forse che anche ora, dopo questa pandemia, la nuova “normalità” sarà diversa da quella che ricordiamo? Forse che ci si penserà due volte prima di abbracciare una persona o anche solo stringerle la mano … senza la protezione di un guanto? Spero davvero di no, perché se queste saranno le conseguenze permanenti, meglio allora una maggiore selezione naturale della nostra specie!

… eppure era così solo poco più di un mese fa! 🙄😔 (1)

… eppure era così solo poco più di un mese fa! 🙄😔 (2)

Ricordo come, anche solo poche settimane fa quando l’epidemia non era ancora in atto in Italia, mi aveva fatto specie vedere qualche prima persona girare con una mascherina … anche sui tram e non solo in bici e quindi non certo per lo smog! Anzi, mi aveva dato addirittura fastidio! Ora metterla per uscire a fare le compere sta diventando una cosa “normale”, automatica direi, … quasi come mettere la cintura di sicurezza quando si entra in macchina. Chi l’avrebbe mai detto? Mi stupisce sempre constatare qual è lo spirito di adattamento dell’uomo! … soprattutto quando c’è di mezzo la salute, ma non solo! Chi l’avrebbe mai detto noi italiani a fare la coda, ben distanziati, per entrare scaglionati dentro un supermercato! Gli inglesi forse, loro sono abituati da sempre … ma noi!! Proprio noi che fino a poco tempo fa spintonavamo con i carrelli per entrare per primi quando c’era un’offerta limitata che stava per finire …

Diverse persone già da anni avevano preannunciato che era solo questione di tempo perché una pandemia a livello mondiale si verificasse, ma i media non hanno certo dato il dovuto spazio a queste notizie e forse chi magari lo ha fatto è stato sicuramente tacciato di allarmismo o addirittura di complottismo! Un dato di fatto è tuttavia sicuro: la gente comune come me non aveva neppure lontanamente pensato a questa evenienza! Per ignoranza, certo, ma forse anche per un meccanismo inconscio di autodifesa. Un po’ come non si pensa alla possibilità di contrarre malattie gravi o alla morte. Penso sia successo anche a molti politici, sebbene il loro mestiere avrebbe dovuto richiedere una più specifica attenzione a questa come ad altre problematiche di carattere non solo sanitario ma anche economico. Insomma, di allarmi e di Grilli Parlanti ce ne sono stati diversi nel mondo ed anche diversi anni fa (vedi un mio post precedente). Nonostante questo l’attenzione dell’opinione pubblica è stata rivolta (e pilotata) a ben ad altri lidi, … magari al programma TV ed al Sanremo di turno.

Ma andiamo a ricercare possibili lati positivi che, come talvolta avviene anche in situazioni catastrofiche, possono comunque esserci!

Per intanto almeno un primo lato positivo della attuale situazione si può dedurre dalle analisi delle immagini da satellite effettuate dall’ESA (l’Agenzia Spaziale Europea):

Coronavirus: l’ESA mostra la drastica riduzione dell’inquinamento in Italia

Dalle analisi delle immagini da satellite risulta una notevole diminuzione del livello di inquinamento in tutta la Pianura Padana. Già, … attività industriali chiuse, poche macchine …

Ho poi visto dei video incredibili su ambienti naturali e città, come sono in questi giorni in cui l’uomo non interferisce.
Il video “Venezia e i suoi canali al tempo del Coronavirus“, ad esempio, è in-cre-di-bi-le! Ammirare Piazza San Marco completamente deserta e silenziosa, per di più in pieno giorno! … ed i suoi canali con un’acqua così trasparente da mostrare, anche solo sporgendosi da un loro ponte, la bellezza di quel fondale con tutta la sua vita vegetale e animale. Granchi, meduse, branchi di pesci, anemoni di mare, spugne, mitili, limoni di mare, spirografi …

È bastato che i mezzi di trasporto acqueo di Venezia non ci fossero per circa un mese e che quindi il limo, generalmente sollevato dal loro passaggio, si sia depositato, che l’acqua dei canali è tornata trasparente, mettendo in luce così tutta quella vita che normalmente viene nascosta dall’acqua torbida … e questo non succedeva da almeno 50 anni!

Lo so, per la nostra specie questo è un momento drammatico, e non solo per i molteplici morti che l’epidemia sta mietendo. Ha infatti anche chiaramente evidenziato, almeno agli occhi di molti, sia le fragilità del vivere dell’uomo (anche qui da noi, in Occidente, dove le condizioni di vita e sociali non sembravano particolarmente problematiche), sia che non siamo i signori del mondo e la nostra presunzione di dominare tutto è fittizia. Siamo parte di un ingranaggio in cui noi non siamo al comando ed anche tutti i meccanismi da noi stessi creati, quale ad esempio il denaro e la finanza, sono altrettanto fragili e basati su principi inconsistenti.

Interessante è anche sentire l’opinione espressa dal filosofo Paolo Becchi nell’articoloLa vita del virus vale quanto quella umana. Sicuramente opinabile e pubblicata, tra l’altro, su un giornale che non ha la mia stima, … ma comunque sono parole che fanno riflettere e vale la pena riportare. Afferma che “le epidemie sono il mezzo con cui la natura si difende per garantire la propria sopravvivenza a scapito dell’umanità” … ” Per mesi abbiamo vissuto facendo della vita, della difesa della nuda vita, del solo fatto di rimanere in vita, il valore fondamentale, supremo della nostra esistenza, superiore ad ogni altro valore, diritto, libertà, aspirazione. ‘Primum vivere’ è il pensiero che oggi accomuna tutti … non vivere bene, non vivere all’altezza della nostra dignità di esseri umani, ma semplicemente vivere. Ma se questa è la logica, allora dovremmo chiederci: perché proprio noi dovremmo vivere? Perché noi e non invece il virus che vogliamo che muoia al più presto possibile? … Se la tutela della vita, biologicamente intesa, della vita dei viventi, il bene primario è questo che va difeso e tutelato in modo assoluto, allora non andrebbe tutelata anche la vita del virus? Non è il virus un vivente esattamente come lo siamo noi? Si dirà: ma noi siamo uomini. Certo. Ma se il valore di base al quale abbiamo deciso di sacrificare tutte le nostre libertà e persino la dignità, è la vita, la nuda vita, allora in che cosa la nostra nuda vita dovrebbe essere superiore a quella di ogni altro vivente? Se il criterio è la vita in se stessa considerata, perché la vita di un uomo dovrebbe valere di più della vita di un virus? Anzi, non si potrebbe dire in fondo che virus ed epidemie sono il mezzo con cui la natura si difende, difende la propria vita, il proprio essere vivente contro l’uomo? Sostengono questo da anni alcuni esponenti della cosiddetta Deep Ecology, l’ecologia profonda,  … Se ciò che ha valore è il mero fatto della vita, nel restare in vita, e per vita si intende soltanto le funzioni vitali del vivente, allora diventa a rigore impossibile discriminare, argomentare perché tra la vita di un individuo umano e la vita del virus debba prevalere la prima. E ciò per il fatto che non è l’essere dei viventi che ci rende uomini, che ci distingue dalla natura, che ci rende superiori ad un virus. Ed allora eccoci giunti al cortocircuito. Siamo disposti a rinunciare, come abbiamo fatto, ad ogni nostro diritto, ad ogni nostra libertà, alla nostra stessa dignità pur di vivere, pur di sopravvivere, di rimanere in vita, vincendo la nostra battaglia sul virus, ma se è il solo fatto di vivere che conta, se è solo questo, allora stiamo al contempo dicendo che non c’è nessuna ragione per cui siamo noi a meritare di vivere, di rimanere in vita  contro al vita del virus, perché anche il virus è vita che come noi vuole semplicemente continuare a vivere“.

La posizione espressa da quel filosofo, a mio parere, è estremizzata in quanto le attuali restrizioni sono momentanee e tese unicamente a contrastare l’epidemia in corso: ben diverso sarebbe se, molte rimanessero permanenti nel tempo. Alcune sue affermazioni fanno comunque riflettere e ci inducono a ridimensionare il nostro presunto predominio sulla terra e sulla Natura in essa presente.

_____________________

… e dopo i bla … bla … veniamo finalmente ai link di interesse che vi propongo!!!!

==========================================

LINK DI INTERESSE

_____________________________

PROGRAMMI TV STORICI, AUDIOLIBRI, OPERE LIRICHE INTEGRALI

  • Ad alta voce” di RAI Play Radio: fonte di più di 200 audiolibri di tutti i generi, letti integralmente da attori professionisti di alto livello che assicurano un’interpretazione eccellente del testo, tratti dalla trasmissione radiofonica “Ad alta voce” di Rai 3. Si può accedere a quelle registrazioni audio da browser accedendo al sito raiplayradio.it. Puoi saperne di più vedendo un mio post apposito.

  • A casa con Audible: Audiolibri gratuiti  sulla sezione apposita di Audible.it. Si possono trovare diversi libri anche per ragazzi.
    Purtroppo i libri gratuiti si possono accedere solo con un browser tramite quella pagina e non anche mediante l’app Audible. Comunque i primi 30 giorni di prova per l’intera audio-biblioteca sono gratuiti e uno può sempre disdire per tempo l’abbonamento a pagamento se desidera avere un maggior scelta.
  • Prime Video: una selezione di titoli per famiglie, gratuita per tutti i clienti Amazon (e non solo per quelli Prime).
  • Operavision.eu: supportato dalla European Union’s Creative Europe, consente di vedere gratuitamente, in streaming, molteplici opere liriche bellissime anche da teatri italiani (e.g. Regio di Torino, La Fenice di Venezia)! La disponibilità di ciascun video è solo per un tempo limitato (circa una mese) ma se ti interessasse poi scaricarne qualcuno in modo da poterlo conservare, puoi vedere questo mio post.

_________________________

MUSEI

Molteplici sono i musei che propongono filmati e visite online o virtuali gratuite. Certo che non è come andare di persona a visitarli, ma avere l possibilità di vederli senza gente e con una persona competente che sa spiegare anche aspetti diversamente difficilmente trovabili nelle guide scritte, ha comunque un suo fascino e interesse.

Nel seguito ne elencherò solo alcune ma, se uno è interessato ad un argomento specifico, non gli sarà difficile trovare musei specifici online con filmati e visite guidate.

____________

LIBRI

Il libro, benché magari sotto forma si ebook, rimane sempre un compagno fedele per ogni momento della propria vita.

  • Ebook gratuiti per te e la tua famiglia: Amazon rilascia in questo periodo diversi eBook per trascorrere delle ore in compagnia di una buon libro.
    Come sempre, poi, se hai una iscrizione Amazon Prime, puoi sempre scaricarti, compreso in quell’abbonamento Prime, 10 libri contemporaneamente. … e puoi sempre restituirne qualcuno se te ne interessa uno ulteriore …

Insomma, nessuna scusa per non trovare e leggere un buon libro!!

__________________________

MUSICA 

  • Sezione Teatro e Concerti in RaiPlay, contenente diversi concerti. Segnalo in particolare una esibizione dei primi Genesis (1973) che suonano canzoni del loro disco Nursery Crime. Un documento prezioso ripescato dagli archivi della Cinémathèque Royale del Belgio. Con Peter Gabriel in piena forma giovanissimo … come d’altra parte tutti!! Insomma, DA VEDERE!!!
  • “Un album al giorno per persona”: bellissima iniziativa della casa discografica alternativa Storie di note che consente di richiedere gratuitamente via email l’invio di diversi album in mp3 a scelta dal suo catalogo: un piccolo regalo per incontrare la musica d’autore italiana di qualità nelle vostre giornate di confino per il COVID-19.
    Basta scegliere un album da un elenco presente nel loro sito ed inviare una e-mail col titolo dell’album prescelto e il vostro nome e cognome e l’indirizzo e-mail a cui volete ricevere il link per il download.Tra gli autori proposti ce ne sono di noti anche a un vasto pubblico (e.g. Claudio Lolli, Pippo Pollina, Giorgio Conte, Nada, Inti-Illimani) ma può essere un’ottima occasione di sentire il lavoro anche di altri musicisti forse meno noti ma non per questo meno originali e capaci.

    Tra i molteplici MP3 gentilmente offerti da Storie di Note in questo periodo di #stoacasa,  oltre ovviamente quelli di Claudio Lolli, mi sento di segnalare le canzoni e i monologhi dell’album di PIPPO « Ultimo Volo – Orazione Civile per Ustica ».
    Album registrato al Teatro Manzoni di Bologna il 27 Giugno 2007 in occasione dell’inaugurazione per il Museo per la Memoria di Ustica.  La voce narrante è di Manlio Sgalambro, che nell’opera interpreta il DC9 Itavia abbattuto nel cielo sul Mar Tirreno il 27 Giugno 1980. Pippo Pollina e il suo quartetto sono accompagnati dagli archi dell’Orchestra Sinfonica Arturo Toscanini di Parma. Quest’anno sono i 40 anni della strage di Ustica. Quest’opera di teatro musicale avrebbe dovuto essere rappresentata nel mese di giugno a Bologna, città di partenza dell’aereo, e a Palermo, città dove non arrivò mai. Ma la catastrofe del Covid-19 ha cancellato anche questo.
    Da visitare anche il canale YouTube di questa piccola ma rilevante casa discografica alternativa.

    Ecco l’elenco completo:

    PIPPO POLLINA “Rossocuore” – “Versi per la libertà” – “Bar Casablanca” – “Ultimo Volo Orazione Civile per Ustica”
    “Fra due isole” – “La storia non conosce padroni” – “Le Dernier Vol (Versione francese)” – “Ken”
    CLAUDIO LOLLI “Dalla parte del torto” – “Ho visto anche degli zingari felici (con Il Parto delle Nuvole Pesanti)”
    “La scoperta dell’America” – “Viaggio in Italia” – “Lovesongs”
    PAOLO CAPODACQUA “Un deux trois”
    GIORGIO CONTE “Il Contestorie” – “The best of Giorgio Conte / live Alberobello”
    NADA “L’amore è fortissimo e il corpo no”
    MAX MANFREDI “L’intagliatore di santi”
    MACINA GANG “Nel tempo e oltre cantando”
    IL PARTO DELLE NUVOLE PESANTI “Il Parto”
    GORAN KUZMINAC Nuvole straniere
    KAY MC CARTHY “L’amore tace”
    LES ANARCHISTES “La musica nelle strade”
    LUCA MADONIA “La consuetudine”
    MIRCOMENNA “Ecco”
    ALFONSO DE PIETRO “(In)Canto Civile”
    ARTURO ANNECCHINO “Midnight piano” – “Midnight piano 2” – “Midpiano 3”
    INTI-ILLIMANI “Viva Italia”
    DURKOVIC E I FANTASISTI DEL METRO Benvenuti santi musicisti
    LES ANARCHISTES  Figli di origine oscura
    ARTISTI VARI   Sotto il cielo di Baghdad  (Concerto live contro la guerra in Iraq all’Hotel Palestine di Baghdad l’8 novembre 2002, con Il Parto delle Nuvole Pesanti, C.u.b.a., Luca Faggella, Goran Kuzminac, Mandara, Antonio Onorato, Enrico Capuano)
    Libertaria
    ALBERTO CANTONE   C’era un Sogno per Cappello
    PIPPO POLLINA  concerto del 1° Dicembre 2019 a Parigi (Café de la Danse), ultima data del tour “30 anni Camminando”.

    GORAN KUZMINAC  concerto del 21-2-2003 al Piccolo Auditorium di Storiedinote a Orvieto, con il meraviglioso flauto di Giacomo Lelli.

  • The nostalgia machine che consente, selezionando un anno specifico, di avere un ampio elenco di bani hit di quell’anno e di ascoltarli e vederli (si tratta infatti di video estratti da sistemi di condivisione in rete di contenuti multimediali). Per anni recenti esiste anche l’analogo The Kpop Machine.

___________________

WEBCAMS

Una prima sorgente di informazioni che vale la pena di visitare in questi giorni sono i siti che mostrano le filmati ripresi in real time da Webcam collocate in diverse località note dell’Italia e del mondo. Impressionante da un lato vedere note località (e.g. stazioni turistiche, passeggiate marittime, senza alcuna presenza umana … dall’altro si può apprezzare forse meglio la bellezza naturale di questi posti troppo spesso deturpata dalla moltitudine di persone e dal rumore da questa creata.

Nel seguito mi limito ad elencarne alcuni di siti che consentono di vedere in tempo reale le riprese effettuate da webcam generalmente collocate in posti turistici, ma altri ancora se ne possono trovare ricercando in un motore di ricerca:

Spesso poi esistono app apposite sia sugli smartphone sia nelle smart TV che forniscono il medesimo servizio di aggregazione:

App su smart TV

Apps sul Play Store relative a webcam

_____________________________

LEZIONI DIDATTICHE (ache per bambini)

Esistono diversi cataloghi di lezioni online, di cui molti sono  anche gratuiti:

  • WeSchool:  lezioni gratuite su molteplici argomenti.

Per i bambini delle elementari, poi, consiglio questo gioco creativo che abbina l’insegnamento delle lettere dell’alfabeto alla espressività grafica ed alla fantasia:

  • A B cura D noi: ALFABETI DEI BAMBINI, un GIOCO per sentirci uniti nella creatività (vai al padlet e scaricati il kit creativo)
    Questo periodo di isolamento, di separazione dal proprio alfabeto di relazioni (la famiglia, gli amici, la classe, i colleghi), può diventare una opportunità per esercitare la fantasia e condividere le proprie creazioni con i compagni che non si possono incontrare direttamente, in attesa del momento in cui ci si potrà rivedere e festeggiare insieme.Ovviamente è poi possibile condividere online le creazioni fatte dai piccoli artisti,anche a livello di classe.

_________________________

SERVIZI CULTURALI OFFERTI DA DITTE (e.g. Google, Microsoft)

  • Google Classroom: applicativo online di Google che permette, con estrema semplicità, la realizzazione di una didattica in e-learning. Consente di creare e gestire in modo semplice comunità di apprendimento e sviluppare contesti didattici simili a quelli in presenza e può essere fruito su qualsiasi dispositivo e sistema operativo (computer, smartphone, tablet).
  • Office 365 Education A1: strumenti per didattica online, videoconferenze, classi virtuali e altro. Gratuita (o a costi annuali irrisori per avere tutte le funzionalità) per studenti e docenti.

_________________________

SCONTI PER ACQUISTI ONLINE

Diversi negozi online forniscono sconti in questo periodo di iostoacasa. ed i loro prodotti arrivano nel giro di pochissimi giorni … e non c’è pericolo che il corriere non ci trovi in casa!  🙄

Ad esempio, il sito Nuncas, che ha ottimi prodotti per la casa, offre uno sconto del 10%: il periodo dell’offerta, inizialmente previsto fino al 5 aprile, attualmente è stato ulteriormente esteso fino al 19 aprile ma penso lo estenderanno ulteriormente per tutto il periodo di iostoacasa. Ho sperimentato che i prodotti arrivano in due giorni ed i costi di spedizione sono gratuiti per importi superiori a 49€.

_______________________

ALTRI SITI CHE RAGGRUPPANO LINK DI INTERESSE

Sicuramente ci sono altri post/siti che come questo mio post, raccolgono link che possono risultare utili soprattutto in questo periodo.
Ad esempio:

  • irac.eu (Io Resto A Casa),  sta raccogliendo link di risorse gratuite utilizzabili in questo periodo di quarantena. Si noti che i link indicati sono in continua espansione ed alcuni segnalano risorse specifiche per il giorno specifico in cui si visita quel sito.

_______________________

GINNASTICA 

Su YouTube e Vimeo ci sono diversi video che aiutano a poter fare un minimo di ginnastica a casa. Ne elenco solo uno che mi è sembrato semplice ma ben fatto: niente musica assordante e perciò anche rilassante!! … ovvio che un po’ di pubblicità te la devi assorbire 🙄!

_______________________

RICETTE

Non poteva poi infine mancare un minimo di link su ricette che, seppur semplici, possono essere sempre di aiuto per degustare un qualche buon piatto!!

 

======================================

Ci siamo addormentati in un mondo, e ci siamo svegliati in un altro.
Improvvisamente Disney è fuori dalla magia,
Parigi non è più romantica,
New York non si alza più in piedi,
il muro cinese non è più una fortezza,
e la Mecca è vuota.

Abbracci e baci diventano improvvisamente armi, e non visitare genitori e amici diventa un atto d’amore.

Improvvisamente ti rendi conto che il potere, la bellezza e il denaro non hanno valore e non riescono a prenderti l’ossigeno per cui stai combattendo.

Il mondo continua la sua vita ed è bellissimo. Mette solo gli esseri umani in gabbie. Penso che ci stia inviando un messaggio: “Non sei necessario. L’aria, la terra, l’acqua e il cielo senza di te stanno bene.
Quando tornate, ricordate che siete miei ospiti.
Non i miei padroni”.

(Poesia di Anonimo trovata in un social. Cercando di recuperarne l’autore, mi sono imbattuto nel libro  “Realtà e Sogno. Suggestioni poetiche con Theo Anghelopulos” , che analizza sequenze solenni di alcuni film di quel cineasta Greco alla ricerca di testimonianze passate e recenti della tormentata penisola balcanica. Forse il poeta ha preso ispirazione da alcuni suoi film, … che comunque ci tenevo segnalare).

__________________________________________________________

==================================

Possono interessarti anche i post seguenti:

 

Pubblicato in Arte e Bellezza, Dipinti, Fotografie, Musica, Pensieri&Parole, Review e test, Ricordi, Teatro, Torino e dintorni | 1 commento

Ciao a tutti, amici! … ai tempi del coronavirus

 

_______________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Arte e Bellezza, Pensieri&Parole, Teatro | 5 commenti

Cosa fare se una lampadina led a filamento non si spegne completamente anche mettendo l’interruttore ad OFF

Quasi non ci credevo, ma può succedere!!
Ho proprio ieri cambiato le lampadine della lampada dello specchio del bagno, sostituendo quelle led “classiche” con quelle led a filamento led, esteticamente indubitabilmente migliori essendo tutte di vetro ed assai simili alle vintage ad incandescenza.
Tuttavia la scorsa notte, entrando nel bagno completamente buio, ho avuto una sorpresa: quelle lampadine emettevano una fievole luce benché non avessi nemmeno toccato l’interruttore.

Lampadina a filamento che emette una fievole luce nonostante l’interruttore sia ad off

Non avevo mai visto nulla di simile in quel bagno, nonostante avessi cambiato nel tempo un bel po’ di lampadine di ogni tecnologia, …  ad incandescenza, al neon e le led “classiche”!

Ho subito dubitato che il “fenomeno” fosse imputabile all’impianto elettrico e, in particolar modo, al fatto che l’interruttore interrompesse il filo neutro anziché quello di fase, come invece generalmente dovrebbe essere fatto per motivi di sicurezza (e.g. quando si cambia una lampadina, non si rischia di prendere la scossa  … se la lampadina era spenta ovviamente!).

Ho aperto quindi la scatola dell’interruttore per verificare la mia ipotesi con un cerca fase: effettivamente il filo utilizzato dall’interruttore era quello neutro e non la fase.

Il cerca fase si deve accendere per evidenziare che il filo su cui opera l’interruttore sia proprio quello di fase

Ho invertito quindi i fili di fase e di neutro portando il neutro direttamente al lampadario e utilizzando invece quello di fase per l’interruttore. Ovviamente cosi si è risolto il problema luce minimamente accesa anche ad interruttore spento.

Evidentemente il basso consumo di quelle lampadine, faceva sì che anche quel minimo di corrente di dispersione presente le facesse rendere come fosforescenti!!
Si noti che il medesimo “fenomeno” si sarebbe potuto notare anche in una lampada da tavolo con interruttore sul filo, dal momento che, a seconda di come uno inserisce la spina nella presa a muro, il neutro o la fase potrebbe essere il filo interrotto o meno da quell’interruttore volante!!

Penso comunque molto dipenda dalle caratteristiche non solo del lampadario ma anche delle lampadine specifiche, perché probabilmente anche quelle a led con filamento non sono costruttivamente tutte identiche.

Tuttavia, se capita anche a voi un “fenomeno” analogo, non preoccupatevi troppo: sicuramente avrete anche voi, per quel lampadario, il collegamento elettrico con i fili di neutro e fase invertiti. Se poi vi succedesse con una lampada con interruttore sul filo, ancor più semplicemente, potete inserire la spina nella presa ruotandola di 180 gradi per vedere risolto il problema!!  😉

 

Pubblicato in Review e test, Tecnologia | 1 commento

Come vedere graficamente, sia nel tempo sia in tempo reale, l’andamento di diffusione della epidemia Covid-19 nel mondo e nella regione in cui abiti

Puoi seguire l’evolversi dell’epidemia Stato per Stato in tempo reale e con l’aiuto di diverse modalità grafiche di notevole impatto, tramite un servizio fornito da Microsoft tramite il suo motore di ricerca Bing: https://www.bing.com/covid. Un buon motivo in più per provare ad usarlo e magari poi impostarlo come motore di ricerca di default nel proprio browser.
In fondo al post indico poi altri siti che forniscono indicazioni e grafici utili per seguire l’andamento della pandemia (e.g.  Il sole 24ore, La Stampa).

Il dati mostrati sono ovviamente quelli pubblicati attraverso diverse affidabili fonti ufficiali. Selezionando il pannello di Informazione viene mostrata non dolo la data/ora  dell’ultimo aggiornamento ma anche le sorgenti da cui Microsoft preleva i dati stessi. Queste sono: l’ente statunitense CDC (Centers for Disease Control and Prevention), la WHO (World Health Organization), l’ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control) dell’Unione Europea e la pagina sulla pandemia di coronavirus su Wikipedia inglese. Di ciascuna di queste fonti utilizzate c’è anche il link alla loro pagina specifica.

Non appena si apre la pagina, viene mostrata la situazione a livello mondiale, riportando i casi confermati e, in dettaglio, i casi attivi, casi guariti e casi letali. Andando poi ad agire sulla mappa, per ciascun cerchio mostrato si ottengono i valori puntuali di quella regione, anche se le sue dimensioni già forniscono una indicazione qualitativa del livello della pandemia in corso in quel territorio. Si noti che nel tempo la definizione delle zone si è dettagliata: solo pochi giorni fa i dati grafici avevano solo una granularità di  ciascuno Stato mentre ora ho visto che è dettagliato maggiormente regione per regione:

Viene fornito anche un elenco delle ultime notizie (con anteprime riportanti immagine, sommario e fonte di provenienza) e contenuti video sull’argomento.

Ovviamente quella pagina si può raggiungere sia da PC sia da smartphone con un qualsiasi browser (e.g. Chrome, Edge, specifico del produttore dello smartphone): vedremo come può poi essere ancora più conveniente usare l’apposita app di Bing.

Nel seguito mostro alcuni screenshots che descrivono chiaramente le informazioni disponibili e come raggiungerle.

Bing.com/covid su un browser del PC – Nelle informazioni, le origini dei dati mostrati

Dettagli della situazione in un particolare territorio

Bing.com/covid su un browser dello smartphone

Alzando la tendina di divisione tra grafico e dati del monitoraggio (linea centrale grigia), si ottengono altri grafici ed ulteriori informazioni dettagliate: in particolare, toccando ciascun grafico si può scorrere la situazione nel tempo e visualizzare il valore puntuale dei dati per una specifica data.

Grafici ed ulteriori informazioni dettagliate: toccando ciascun grafico si può scorrere la situazione nel tempo

Per vedere poi la situazione in dettaglio per un determinato Stato/regione, basta procedere come segue: se poi si sceglie, nella selezione dell’area geografica di interesse, “filtra una località” e si consente a Bing di accedere alla posizione corrente dello smartphone, vengono già mostrate subito le informazioni di dettaglio della zona in uno si trova.

Situazione in dettaglio per un determinato Stato/regione (1)

Situazione in dettaglio per un determinato Stato/regione (2) -Scegliendo “filtra una localitàvengono già mostrate subito le informazioni di dettaglio della zona in uno si trova.

Situazione in dettaglio per un determinato Stato/regione (3)

Situazione in dettaglio per un determinato Stato/regione (4)

Solo pochi giorni fa, la stessa pagina era in grado di fornire solo i dati a livello di nazione:

Situazione in dettaglio per un determinato Stato/regione (4) come mostrata giorni fa

Maggiore dettaglio a livello regionale (1)

Maggiore dettaglio a livello regionale (2)

Maggiore dettaglio a livello regionale (3)

Ovviamente la pagina https://www.bing.com/covid può essere raggiunta con qualsiasi browser sia su PC sia su smartphone.

Tuttavia nel caso d’uso con uno smartphone può risultare più conveniente installarsi l’app Microsoft Bing che presenta, tra l’altro, diverse ulteriori funzionalità utili oltre ovviamente quella di motore di ricerca:

App Microsoft Bing che presenta diverse funzionalità utili

Accesso immediato alla funzionalità di tracking del codvir-19 (1)

Accesso immediato alla funzionalità di tracking del codvir-19 (2)

Accesso immediato alla funzionalità di tracking del codvir-19 (3)

Accesso immediato alla funzionalità di tracking del codvir-19 (4)

Oltre il tracking del codvir-19 ed, ovviamente la funzionalità di ricerca (analoga al motore di ricerca di Google), Bing presenta diverse ulteriori funzionalità utili. Basti citare l’ottimo lettore di codici a barre con un rimando alle voci associate trovate in Rete:

Lettore di codici a barre con un rimando alle voci associate trovate in Rete (1)

Lettore di codici a barre con un rimando alle voci associate trovate in Rete (2)

Lettore di codici a barre con un rimando alle voci associate trovate in Rete (3)

Da non disdegnare poi è la sezione Rewards che consente di ottenere punti regalo tutte le volte che usi quel motore di ricerca Microsoft, alternativo a quello di Google.
Io lo utilizzo da anni e, sebbene ovviamente i risultati differiscano da quelli forniti da Google soprattutto come ordinamento, lo trovo altrettanto valido: sicuramente da utilizzare dunque anche solo per limitare il strapotere di Google in questo settore. Se poi proprio non riesci a trovare quello che cerchi, www.google.it su un browser o la sua apposita app … e puoi provarci anche lì!! 😉

Ovviamente i punti Rewards di Bing si acquisiscono anche se uno imposta Bing come motore di ricerca primario del proprio browser (sia esso Edge, Chrome o altro) ed uno effettua una ricerca tramite quel browser.

Nota che ci si deve iscrivere ed autenticare con il proprio account Microsoft al programma di Rewards. Per qualsiasi dubbio puoi consultare al sua apposita sezione di FAQ.

Iscrizione al programma Rewards di Microsoft

Sezione Rewards di Bing che consente di ottenere punti regalo tutte le volte che usi quel motore di ricerca Microsoft (1)

Sezione Rewards di Bing che consente di ottenere punti regalo tutte le volte che usi quel motore di ricerca Microsoft (2)

Sezione Rewards di Bing che consente di ottenere punti regalo tutte le volte che usi quel motore di ricerca Microsoft (3)

 

Ovviamente per default i browser di Microsoft Edge e Internet Explorer già utilizzano per default Bing come motore di ricerca, sebbene altrettanto ovviamente si possa impostare diversamente (vedi mio post al riguardo).

Per impostare invece  Bing come motore di ricerca di default, su altri browser, è necessario operare nella voce apposita presente nelle loro impostazioni.
Ad esempio su Chrome si opera come segue:

Come impostare Bing come motore di ricerca di default in Chrome

Sul browser di default degli smartphone Samsung si procede come segue:

Come impostare Bing come motore di ricerca di default nel browser Samsung presente sui loro smartphone (1)

Come impostare Bing come motore di ricerca di default nel browser Samsung presente sui loro smartphone (2)

Come impostare Bing come motore di ricerca di default nel browser Samsung presente sui loro smartphone (3)

___________

Interessante è il filmato realizzato da La Stampa, che mostra graficamente in un video l’evolversi dell’epidemia nel tempo in tutto il mondo:

____________________
Un altro visualizzatore in tempo reale è fornito dal sito http://covidvisualizer.com, sito carino ma che fornisce solo dati attuali e solo a livello nazionale senza alcun dettaglio … insomma non particolarmente utile per capirne l’andamento nel tempo.

_________________
Di maggiore utilità è invece, infine, la pagina de Il sole 24 ore dedicata al coronavirus: particolarmente utile è la possibilità si avere grafici relativi ad una regione/provincia selezionandole opportunamente da due menù a tendina.

Particolarmente utile è la possibilità si avere grafici relativi ad una regione/provincia selezionandole opportunamente da due menù a tendina

______________________
Interessante è poi il video con mappa in diretta, resa disponibile dal giornale La Stampa, mostra poi chiaramente come si sta diffondendo il coronavirus giorno per giorno in tutto il mondo:

Utile è poi la pagina delle F.A.Q. dell’IIS (Istituto Superiore della Sanità).
I Dati coronavirus COVID-19 del Portale Open Data della EU possono poi fornire i dati ufficiali in un formato agevolmente utilizzabile dai diversi diti/programmi interessati a tali informazioni.
_________________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Review e test, Smartphone OS, Tecnologia, Windows | 8 commenti

Tutti ormai sicuri. Dichiarazioni all’unisono, da virologi a politici: “L’ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio. TRANQUILLI, è naturale al 100%, PURTROPPO”

Dopo la diffusione, anche nei social, del video dell’inchiesta realizzata dalla trasmissione Leonardo del TG3, andata in onda nel lontano 16/11/2015 (dal minuto 4:55), piovono dichiarazioni, precisazioni e smentite, … anche quelle del medesimo programma della RAI stessa!

Nel servizio, benché letto dallo speaker con la stessa tranquilla intonazione di voce che terrebbe per pubblicizzare l’uscita sul mercato di un nuovo modello di automobile, vengono fatte le seguenti affermazioni:
Un gruppo di ricercatori cinesi innesta la proteina superficiale di un coronavirus trovato nei pipistrelli di una specie piuttosto comune, detta a naso a ferro di cavallo, su un virus che provoca la SARS, la polmonite acuta, anche se in forma non mortale nei topi“.
E per cosa? “Per farne uscire un supervirus che potrebbe colpire l’uomo”… “Ovvio“, si afferma “serve solo per motivi di studio, resta chiuso nei laboratori“. Ma poi il conduttore stesso domanda: ”Ma vale proprio correre il rischio, creare una minaccia così grande solo per poterla esaminare?”. “Si sospettava che la proteina potesse rendere l’ibrido adatto a colpire l’uomo e l’esperimento lo ha confermato”.
Poi prosegue: “Proprio un anno fa il governo degli Stati Uniti aveva sospeso i finanziamenti alle ricerche che puntavano a rendere i virus più contagiosi, ma la moratoria non aveva fermato il lavoro dei cinesi sulla SARS che era già in fase avanzata e si riteneva non così pericoloso” … “Secondo una parte del mondo scientifico non è così pericoloso. Le probabilità che il virus passi alla nostra specie sarebbero irrilevanti rispetto ai benefici, un ragionamento che molti altri esperti bocciano. Primo perché il rapporto di rischio e beneficio è difficile da valutare e poi perché, specie di questi tempi, è più prudente non mettere in circolazione organismi che possano sfuggire o essere sottratti al controllo dei laboratori”.

Comunque oggi, a distanza di più di quattro anni da quel servizio del TG3, tutti ormai sicuri, dichiarazioni all’unisono, da virologi a politici: “L’ultima scemenza è la derivazione del coronavirus da un esperimento di laboratorio. Tranquilli, è naturale al 100%, purtroppo“.

Ma come? Mi usano l’aggettivo qualificativo  “tranquilli” e poi l’avverbio di modo “purtroppo“??!! … ma è un nonsenso logico/linguistico!!! 

Non stiamo mica parlando di un prodotto biologico che è meglio avere naturale al 100%!!

Ma a parte la grammatica, andiamo ad analizzare la motivazione oggettiva fornita per supportare quella affermazione che è conseguenza di ricerche pubblicate su diversi articoli: “L’ultimo”, ricorda Burioni all’ANSA è quello uscito lo scorso 17 marzo su Nature Medicine “nel quale c’è scritto che le analisi eseguite mostrano chiaramente che il virus non è costruito in laboratorio. Basta con le fake”.

Generalmente non mi piace prendere per buono ogni affermazione fornita dai media, soprattutto quando si tratta di affermazioni che non lasciano spazio al dubbio che è sempre, secondo me, un buon consigliere soprattutto per uno scienziato! D’altra parte, in genere, ci si mette proprio solo pochi secondi a risalire alle origini di una citazione, ricercando con un motore di ricerca ed usando i termini più appropriati!!

Sono andato quindi a cercare nel Web la pubblicazione scientifica citata quale più recente lampante esempio della veridicità di quella affermazione.

Ecco il link. alla pagina dell’articolo originale pubblicato dalla rivista scientifica Nature Medicine. Cosa ho trovato?

Nell’articolo scientifico in verità c’è scritto testualmente che è improbabile che il SARS-CoV-2 sia stato creato in laboratorio … non che è assolutamente escluso. Infatti, sebbene nell’abstract sia sintetizzato “Our analyses clearly show that SARS-CoV-2 is not a laboratory construct or a purposefully manipulated virus“,  andando poi a leggere nel dettaglio il testo dello studio scientifico si legge meglio:
It is improbable that SARS-CoV-2 emerged through laboratory manipulation of a related SARS-CoV-like coronavirus“.  E poi “we do not believe that any type of laboratory-based scenario is plausible“.
Improbabile” quindi, e da quello che hanno analizzato “non credono“. La certezza, però, direi che nessuno potrebbe darla – con coscienza – nemmeno uno studioso di quello specifico campo!  Ma almeno un minimo dubbio non ha ragione di rimanere? Le tecniche di manipolazione genetica, penso da ignorante del campo, anche loro si evolvono come in altre discipline e quello che a prima vista sembrerebbe improbabile (come affermano pubblicazioni citate a supporto), potrebbe diventare possibile per qualcuno.

Una domanda mi sorge spontanea: ma il virologo italiano che ha lasciato la dichiarazione all’ansa, ha letto attentamente tutto quell’articolo, o si è limitato a leggerne l’abstract?
Non plausibile non vuol dire “assolutamente impossibile” …

Sono poi usciti articoli sui giornali di studi che addirittura ipotizzano che il coronavirus potrebbe essere in circolazione da decenni (La Stampa 29/3/2020; Ansa 2/4/2020).

__________

Esiste poi un servizio molto più recente sempre del medesimo programma Leonardo che ancora parla sempre della medesima problematica. Se anche è “al 100% naturale“, lo zampino dell’uomo nella sua propagazione è sempre possibile: (TG3 – Leonardo 17/2/2020 – min. 1’00”)
TGR Leonardo del 17/02/2020. Testualmente:

Quella che era stata ritenuta una teoria fantascientifica, sembra sempre più attendibile. Il nuovo coronavirus sarebbe sfuggito da un laboratorio di Wuhan. A soli 300 metri più in là rispetto al mercato del pesce di Wuhan, indicato come origine dell’epidemia Covid-19, c’è il centro di Wuhan c’è il Centro di Controllo e Prevenzione delle Malattie. Qui, all’interno di laboratori, vengono tenuti animali infetti, proprio per studiarne le malattie. Tra questi anche 600 pipistrelli, lo piegano due biologi della South China University of Technology, in un rapporto che descrive come uno dei ricercatori sia stato attaccato da uno di questi pipistrelli venendo a contatto con il sangue e urina dell’animale. Proprio per questo il ricercatore si era messo in quarantena volontaria per due settimane dopo l’incidente. Si parla anche di una zecca viva sui pipistrelli, possibile veicolo di infezione. Potrebbe essere il punto di partenza dell’epidemia che sta mettendo in ginocchio la Cina e che ha già ucciso 1700 persone? Difficile dirlo con certezza, anche se, cartina alla mano, l’ipotesi non sembra troppo fantasiosa. Il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie è vicino allo Union Hospital dove sono state registrate le prime infezioni tra i medici. Il rapporto dei due biologi spiega che le sequenze dei genoma dei pazienti coincidevano, tra l’89% ed il 96% con quelle del coronavirus originariamente trovato in un particolare pipistrello, detto ‘a ferro di cavallo intermedio’. Al mercato del pesce venivano venduti anche animali vivi ma non pipistrelli. Per trovarli, bisogna spostarsi di quasi 1000 chilometri. Wuhan ha anche un’altra peculiarità: c’è un solo bio-laboratorio di massima sicurezza in tutta la Cina e si trova a 12 chilometri dal centro. E’ l’unico laboratorio attrezzato per lavorare con i più pericolosi agenti patogeni che possono essere letali per l’uomo, causare gravi malattie per le quali non esistono cure o vaccini. Fa parte dell’Istituto di virologia della città cinese ed è il primo di un piano governativo che puntava ad avere dai 5 ai 7 laboratori di massimo livello di bio-contenimento entro il 2025. Come aveva spiegato, non senza perplessità, la rivista scientifica Nature nel 2017. Il nuovo coronavirus potrebbe essere uscito da qui? Forse. Laboratori come questi di livello massimo di sicurezza, dove si trattano i microbi più pericolosi, sono stati costruiti anche in Europa nel 2005. L’unico italiano è quello dello Spallanzani a Roma“.

Sicuramente singolare che l’incredibile coincidenza della presenza di due mutazioni del coronavirus dei pipistrelli che infettano l’uomo. La prima è artificiale, nota dal 2015, starebbe nel laboratorio di Wuhan. La seconda invece si è evoluta in maniera perfettamente naturale nel mercato davanti al medesimo laboratorio!

Che sia stato geneticamente modificato o mantenuto prelevandolo, così com’è, da un pipistrello e poi fatto fargli infettare (volutamente o meno) della gente, importa veramente poco. Se lo avessero lasciato in pace, magari quel pipistrello infetto avrebbe continuato a vivere in chissà quale grotta, difficilmente venendo a contatto con degli uomini, … e magari quel virus per quella specie non è nemmeno così letale! Non si tratta comunque di un evento “naturale” bensì uno in cui l’uomo, in qualche modo, ha influito pesantemente (volutamente o meno) per scopi che vanno ben al di là della necessità.

Questo, secondo me, non solo è grave ma lo è maggiormente perché era prevedibile, … prevedibile che succedesse, prevedibili le conseguenze. E questo non solo a chi gestisce questi laboratori, ma a tutti coloro che, essendo del settore, ne sanno sufficientemente sugli studi che in quelli vengono condotti.

Lasciando poi perdere questo specifico coronavirus, che poi esistano armi biologiche, quindi costruite appositamente per uccidere, costruite magari artificiosamente in laboratorio, penso sia un dato di fatto. A maggior ragione la prevenzione deve essere alta.

Che fosse già tutto previsto o prevedibile lo conferma anche un altro servizio sempre del programma Leonardo del TG3 che parlava di Event 201 tenutosi il 18 ottobre 2019 in cui era stata fatta addirittura una simulazione di pandemia ospitata dal Johns Hopkins Center for Health Security in partnership con il World Economic Forum ed il Bill and Melinda Gates Foundation: «Event 201 simula un’epidemia di un nuovo coronavirus zoonotico trasmesso dai pipistrelli ai maiali e quindi alle persone, che alla fine diventa efficacemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia. L’agente patogeno e la malattia che provoca sono modellati in gran parte sulla SARS, ma è più trasmissibile nel contesto comunitario da persone con sintomi lievi». Quell’evento mirava ad illustrare le aree in cui saranno necessarie partnership pubblico/privato per rendere efficiente la risposta a una grave pandemia e ridurre le conseguenze economiche e sociali su larga scala. Il 31 dicembre la Cina avrebbe informato l’Organizzazione Mondiale della Sanità di una serie di casi di una malattia simile alla polmonite, la cui causa era però sconosciuta, ed a breve si sarebbe poi individuato il focolaio di Wuhan.
Questa “sorta di grande gioco di ruolo serviva per vedere come il mondo avrebbe reagito ad una eventuale pandemia reale … Figure della politica, dell’industria ed autorità sanitarie internazionali a confronto per capire quali modelli di cooperazione avrebbero potuto salvarci dalle conseguenze catastrofiche economiche, sanitarie e sociali di una pandemia. Lo scenario immaginato? Una pandemia originata proprio da un coronavirus, nella simulazione passato dai pipistrelli ai maiali in Brasile e responsabile di una pesante sindrome respiratoria nei casi più gravi. Un virus capace di passare da uomo a uomo, capace di diffondersi grazie a soggetti quasi asintomatici altamente contagiosi. 65 milioni di morti in 18 mesi, quelli immaginati in questo grande esercizio. I punti di contatto tra simulazione e realtà oggi appaiono impressionati. – Sapevamo già prima del Covid-19 che il mondo era impreparato. … Le epidemie sono eventi sempre più ricorrenti e che una di queste si trasformi in una pandemia è solo questione di tempo. … La simulazione di New York aveva evidenziato che ci sarebbero serviti investimenti nella sanità, politica a sostegno della ricerca per favorire la realizzazione di vaccini e farmaci, campagne di informazione contro la disinformazione Sfide chiare, improrogabili”.

____________

Può essere interessante anche vedere questo video recente di Presa Diretta, sempre di RAI3 dove un virologo cerca di spiegare perché secondo lui il virus attuale non sia legato a mutazioni realizzate in laboratorio.

_____________

Penso che di colpe, perlomeno di quella di sottovalutazione del pericolo (che oggi invece risulta evidente a tutti, anche ai più sprovveduti), sono in molte categorie ad averne.

Certo, chi aveva le competenze per comprenderle per tempo, a mio parere, ne ha forse un po’ di più di altri.
Faccio, un esempio.
Se  tu sapessi (e.g. in base alle proprie conoscenze tecniche) che, quasi per certo, qualcuno o qualcosa sta mettendo in pericolo centinaia di persone, e che molte persone moriranno, cosa faresti? Non cercheresti di andare da tutti i giornali per dirlo e vederlo apparire nelle prime pagine quella notizia, in modo che la gente lo sappia e provveda di conseguenza? … a costo, chessò, di legarti ad un cancello con cartelloni e fotografie shock per attirare l’attenzione dei giornalisti, se fosse il caso?
I politici, è risaputo, purtroppo pensano spesso principalmente a farsi belli con i propri elettori, per cui, se non c’è una loro richiesta di intervenire su qualcosa, si guardano bene di prendere decisioni, soprattutto quando possono toccare interessi economici.
Io non chiedevo poi molto: che dicessero per tempo e pubblicizzassero per tempo, magari anche sui social, di comperare ed usare le mascherine idonee, in modo preventivo, prima che il virus effettivamente poi si diffondesse. … e magari poi provvedere in qualche modo a sollecitare che fossero per tempo fatte ordinazioni non solo di mascherine, ma anche di tamponi, reagenti, farmaci … e predisporre laboratori analisi adeguati e preparare medici preventivamente anziché dopo settimane dall’inizio dei primi casi in Italia.
Secondo me si sarebbe potuto così limitata fin da subito la sua diffusione, con vantaggi in termini sia di vite sia economici.
Non si tratta , sempre secondo me, di essere veggenti, ma (avendone le competenze per capirlo) di avere quelle doverose precauzioni che ogni sistema di prevenzione deve adottare.

Da vedere, o  rivedere, la puntata di “Che tempo che fa” del 2/2/2010, non molto tempo fa dunque, in cui viene intervistato sia un virologo sia il ministro della sanità. Penso valga a posteriori rivederlo “per intero”, per non correre il rischio di prendere frasi fuori dal contesto.

Comunque, pur necessitando una contestualizzazione nel discorso, vedendolo, mi hanno fatto impressione alcune affermazioni pronunciate.
Ad esempio, non mi è sembrato che fosse stato opportuno ridicolizzare, sorridendo, tutti coloro che già allora portavano le mascherine (“sarà per l’inquinamento” – min. 4’40”) e chi si lavava maggiormente le mani (“per prevenire sì, ma non il coronavirus, perché in Italia non c’è” – min. 10’46”).
Poi in quella intervista, a mio parere, l’interlocutore è contraddittorio, perché a fronte di affermazioni come quelle che ho riportato, dice che quel virus “merita la massima attenzione” etc … etc …
E poi,  consigli concreti ai molti spettatori che stanno guardando il programma? Nulla!! Sembrava che bastino e ci si debba affidare alle iniziative predisposte dal Ministero della Sanità che sta operando brillantemente!
Per scongiurare il panico, non dare alcun consiglio? … quando poi a distanza di poco si impone addirittura alla popolazione di rimanere in casa per fermare una epidemia avanzata? Talvolta la superficialità è, sempre secondo me,  anche peggiore dell’incompetenza! No era certo quello non il momento di fare battute, se lo erano, ma piuttosto quello di ribadire piuttosto le indicazioni precise di comportamento alla popolazione, avendone la possibilità, essendo in un programma ad ampia visibilità, … sottolineare insomma e non minimizzare!
E’ vero, le mascherine erano già introvabili, allora, anche per i medici ed erano razionate pure negli ospedali stessi. Ma farne una scorta a priori, anche prima che scoppiasse quella specifica pandemia in Cina, era chiedere troppo? Era chiedere di essere preveggenti? Non sono bastate le precedenti pandemie a mettere tutto il sistema sanitario nazionale ed internazionale in pre-allarme?

L’epidemia, è vero, non si era ancora manifestata, ma
su come un virus si può diffondere e sulla sua pericolosità, mi aspetto che un virologo intervistato ogni giorno e che rilascia dichiarazioni ovunque, abbia una percezione migliore … e, nel dubbio, dia consigli pubblici precauzionali.
Se più persone avessero comprato e portato per tempo le mascherine, probabilmente la diffusione del coronavirus sarebbe stata minore.

Ritengo confermata la mia convinzione espressa in un precedente post: era già tutto previsto o prevedibile! 😦

 

 

Il dubbio è scomodo, ma solo gli imbecilli non ne hanno” (Voltaire).

___________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Pensieri&Parole, Review e test, Torino e dintorni | 3 commenti

Come vedere se l’INPS ha predisposto un pagamento (e.g. la prima pensione/iso-pensione)

Come sempre l’arrivo della prima pensione/iso-pensione è un evento che si aspetta con attesa … e anche un po’ di ansia per via della burocrazia che potrebbe generare ulteriori ritardi! Generalmente i tempi sono abbastanza precisi e il primo importo dovrebbe arrivare dopo 4 mesi (con gli arretrati) … comunque è sempre bene campionare il sito dell’INPS per verificare tutte le comunicazioni al riguardo.

Nello specifico è sufficiente per questo andare, ad esempio con l’app dell’INPS, nella sezione Pensionati e quindi vedere lo Stato pagamenti, anche se entrando nella sezione Pensionati già subito  è evidenziato l’Ultimo pagamento … che in questo caso specifico sarebbe il primo:

Di interesse può poi essere anche la sezione Cassetta postale in cui si trovano eventuali comunicazioni da parte dell’INPS:

_________________

P.S. Può risultare di tuo interesse anche questi post:

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Review e test | 4 commenti

I servizi ai tempi del coronavirus: quando il postino non suona per la consegna di un atto giudiziario (e.g. multa) lasciando nella buca l’avviso di giacenza per cui si è obbligati a fare lunghe code fuori dalle poste per ritirare la missiva

P.S. 7/5/2020 – Ho ricevuto nuovamente nella buca delle lettere l’avviso di giacenza per il ritiro in posta di un atto giudiziario, sicuramente la “solita” multa dell’autovelox fisso nei pressi dell’aeroporto di Caselle Torinese dove mia moglie, medico all’ospedale di Cirié, periodicamente lascia l’obolo superando di pochi chilometri il limite consentito (un tempo addirittura di 50 Km/h ed ora portato a 70 km/h): stanca, dopo la giornata di lavoro particolarmente dura in questo periodo, non pone la dovuta attenzione in quel tratto di strada seppur tristemente ben conosciuto a tutti gli automobilisti che lo percorrono abitualmente, per la falcidia di multe che genera giornalmente!!
Ho telefonato, quindi, al servizio clienti delle Poste Italiane (803.160) per chiedere il motivo per cui nuovamente il postino non mi abbia suonato per la consegna della missiva.
Mi hanno detto che, come esplicitato anche nella sezione del sito delle Poste Italiane relativa alle disposizioni prese a fronte dell’emergenza sanitaria, mentre per le raccomandate il postino suona e, se trova il destinatario a casa, poi lascia la missiva in buca firmando lui la ricevuta, per gli atti giudiziari invece NON SUONA per notificare l’arrivo della missiva e lascia unicamente l’avviso di giacenza. Questo comporta al cliente di dover fare ore di coda all’ufficio postale, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria dove le code chilometriche si diramano anche per più isolati fuori dagli uffici postali … con ovvio maggior possibile contagio da parte della popolazione (oltre che dell’addetta dell’ufficio postale che si trova a gestire un numero di clienti spropositato).
Si noti che per una elevata percentuale di casi, l’atto giudiziario è semplicemente una multa, magari determinata dalla segnalazione di qualche autovelox posizionato ad hoc più per rimpinguare opportunamente le casse di un Comune che per aumentare la sicurezza stradale e l’osservanza delle regole stradali da parte della popolazione (vedi post Dubbi sia sul luogo di posizionamento di alcuni divieti ed autovelox sia sulla scelta di dove elargire specifiche multe (e non altre) da parte di alcuni vigili).

Mi chiedo allora: ma proprio non è possibile fare in modo che il postino recapiti anche questi atti giudiziari a casa, pur mantenendo la sicurezza sia dell’operatore delle poste sia del cittadino?
La mia risposta è: sicuramente sì! Ad esempio fornendo mascherina/guanti al postino così come d’altra parte si è fatto per il suo collega all’ufficio postale, mantenendo le distanze dovute con il cliente, lasciando il foglio da firmare distante per poi recuperarlo a cliente una volta allontanatosi, fornendo la possibilità di notifica ricezione in forma distanziata, magari informatizzata …
Perché allora non si provvede???

Perché obbligare a lunghe code con pericolo di infezione cittadini che diversamente potrebbero starsene a casa, e questo solo per notificare una multa?
Inoltre mi chiedo, perché comunque nell’avviso di giacenza viene indicato che il ritiro nell’ufficio postale è necessario aspettare due giorni? Infatti sicuramente il postino non porta con se tale atto giudiziario, dal momento che non si prevede che lo consegni …

Come è possibile che le Poste Italiane continuino ad attuare una tale procedura assurda proprio a scapito della sicurezza sanitaria dei loro clienti? Come è possibile che nessun organo preposto alla sicurezza sanitaria non provveda a sanzionare tale comportamento delle Poste Italiane? Nessun altro corriere opera con questa modalità pur consegnando oggetti anche di valore e di rilevanza giuridica.

Ho scritto, speranzoso in un cambiamento della procedura attuale (meglio tardi che mai), alla email indicata da Poste Italiane per i reclami come indicato nella sezione Reclami raggiungibile nella sezione assistenza e poi andando in fondo alla pagina dove si trova appunto il pulsante Reclami:

Pulsante per raggiungere la pagina dove inoltrare Reclami

Ho inoltrato inoltre la missiva anche Specchio dei Tempi perché la problematica abbia la dovuta diffusione, ed in CC sia all’URP del Comune in cui abito sia alla Polizia del Caselle Torinese perché anche loro penso debbano sapere, se ancora non ne sono a conoscenza cosa comporta effettuare in questo periodo delle multe alla cittadinanza.

Ho inviato poi, tramite PEC, una email alla polizia di Caselle Torinese chiedendo se era possibile ricevere per email la comunicazione della multa in modo da conoscere l’importo e le modalità di pagamento, evitando così di dover ritirare la comunicazione alla Posta e fare la relativa lunga coda … Spero che almeno loro rispondano positivamente 😦

_______________

19/3/2020 – Sono in coda dalle 7:55 alla posta ed al mio arrivo ho trovato già ben dieci persone davanti,  benché l’ufficio apra solo alle 8:30. Perché diverse, come me, sono qui? Per ritirare una raccomandata!!

L’altro ieri, infatti mi è stata recapitata nella buca delle lettere una notifica di un atto giudiziario (una multa) per raccomandata, inserita dal postino senza suonare: ero in casa  ovviamente, per cui lo posso affermare con certezza. Motivazione della multa? Il “solito” autovelox di Caselle Torinese a cui mia moglie ha già regalato più del dovuto tornando la sera  stanca dal lavoro in ospedale, ed andando questa volta a ben 80,78 km/h, al di sopra dei 70 consentiti … con sanzione di 136,10€ e decurtazione di 3 punti!!

Ieri vado verso le 13:00 alla posta, sperando che l’ora di pranzo fosse la più opportuna per ritirarla, mettendomi fuori dove c’era una coda di circa 30 persone opportunamente distanziate. Dopo quasi un’ora di attesa è uscito il direttore dicendo che avrebbero chiuso a breve per la disinfezione, per cui buona parte di noi non sarebbe riuscita ad entrare. Alla mia lamentela per il fatto che il postino non aveva suonato, mi è stato risposto che in questo periodo non le recapita a mano, ma lascia solo la notifica nella buca!!! Ecco allora giustificato il gran numero di persone in coda con il fogliettino per il ritiro di una raccomandata per via delle disposizioni dovute alla pandemia! Ovviamente nulla di tutto ciò è scritto nel foglietto lasciato che anzi recita, riferendosi al postino, che “ha tentato la notificazione alle persone abilitate a ricevere l’atto ma non è stato possibile a causa della loro assenza“.

Il dubbio che non abbia suonato solo per non perdere tempo quindi mi rimane, anche perché non sarebbe la prima volta che succede anche in periodi “normali”, ma alcuni amici su Facebook hanno commentato che anche loro hanno avuto la medesima esperienza … 🤔

Andando poi sul sito Facebook di Poste Italiane nella sezione Community  ogni dubbio scompare essendoci molteplici post di clienti che si lamentano a tale riguardo. Anche nella sezione “reclami” viene chiaramente detto: “per gli atti giudiziari e multe: giacenza diretta presso gli uffici postali con immissione in cassetta domiciliare del relativo avviso di giacenza e CAD … Sempre al fine di ridurre eventuali disagi per la Clientela, i termini di giacenza delle Raccomandate e Assicurate saranno estesi da 30 a 60 giorni“.

Resta quindi assai dubbia l’opportunità di una disposizione del genere relativamente alla metodologia di consegna del postino per via della pandemia, dal momento che ovviamente crea code chilometriche agli uffici postali dove si entra una persona alla volta e comporta l’uscita da casa di più persone per adempiere all’ingrato compito!

Insomma solo le multe arrivano puntuali nella buca di casa: poco importa dei disagi che un loro recapito improprio comporta soprattutto in questo periodo!! … e poco serve aver sentito alla radio, proprio questa mattina, che l’aumento della multa in caso di ritardo nel pagamento sia stato prorogato a 30 giorni anziché i soliti 10 … tanto la coda, molto probabilmente, verrebbe solo posticipata!

Creare volontariamente assembramenti negli uffici postali mi sembra perciò un atteggiamento irresponsabile e dovrebbe essere perseguibile penalmente come avviene in altre analoghe situazioni. Spero quindi che vengano prese opportune iniziative …

___________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Pensieri&Parole, Torino e dintorni | 12 commenti

I flash mob ai tempi del coronavirus

Era già tutto previsto o comunque prevedibile.

La paura di una catastrofe da tempo non è più imputabile all’atomica bensì ad un virus, cioè ad un qualcosa di ancora più subdolo, invisibile ai nostri occhi, capace di riprodursi rapidamente e viaggiare da un individuo all’altro senza che nessuno se ne accorga. Non importa un granché se si generi come evoluzione naturale o venga creato artificialmente in laboratorio (per studio o appositamente a scopo bellico/bioterrorismo). Il pericolo vero, per l’Umanità  come specie, sono da tempo le malattie epidemiche, così come d’altra parte lo è stato anche in passato, anche in tempi relativamente recenti (e.g. la peste del 1918 con 12,5 milioni di indiani morti; l’influenza spagnola del 1913, con almeno 50 milioni di morti nel mondo) e non solo nei tempi antichi (e.g. 420 a.C. Tulcidide – La guerra del Peloponneso II – par. 48÷53).

La facilità di creare armi batteriologiche è poi oggi un dato di fatto. È sicuramente più semplice creare e gestire logisticamente armi batteriologiche/chimiche rispetto ad armi atomiche, soprattutto per lo spazio occupato. La pericolosità invece è analoga per cui il livello di sicurezza che sarebbe necessario adottare dovrebbe essere analogo. Una delle accuse al governo iracheno di Saddam Hussein, che avevano tra l’altro dato adito alla guerra del Golfo, era infatti stata la presunta creazione di armi chimiche, accusa rivelatasi poi infondata ma che a molti era sembrata verosimile.

Come si sono allora impiegati soldi e risorse umane nei secoli e, in particolare, in questo e in quello scorso, entrambi ricchi di grandi innovazioni? Principalmente in sistemi di difesa/attacco, ad esempio missili più o meno intelligenti ed abbiamo sempre soldati pronti a partire ed anche riserve per aumentarne i numeri. Naturale quindi che oggi sia più facile trovare un arsenale che un ospedale con un centro di rianimazione capace di gestire centinaia di pazienti. Ad esempio, la NATO ha unità mobili da schierare rapidamente, utilizza sistemi di simulazione per training del personale. Invece, negli anni, anche per via delle recessioni economiche, notevoli sono stati i tagli alle spese sanitarie … e gli sbarramenti con numero chiuso (non ben programmati) alle facoltà di medicina hanno poi fatto il resto …

Eppure da decenni ci sono persone che lanciano avvertimenti chiari ed anche diversi film hanno sfruttato una trama dagli oscuri risvolti in cui spesso singoli eroi aiutavano a risolvere una crisi epidemica. Benché non sicuramente il primo, lo aveva fatto anche lo stesso Bill Gates, nel 2014 … si, proprio il principale fondatore della Microsoft, che non è tuttavia solo un tecnico informatico di rilievo, ma sicuramente anche un visionario oltre che un filantropo nonché uno tra gli uomini più ricchi del mondo: insomma una persona il cui pensiero merita di essere ascoltato. Lo aveva fatto durante un evento pubblico, poco dopo una delle ultime epidemie da virus (Ebola) che aveva interessato principalmente Paesi del terzo mondo e che quindi non aveva più di tanto preoccupato l’Occidente e noi tutti, falsamente sicuri che non ci avrebbe, prima o poi, toccato un fenomeno simile. Quel virus è stato un ulteriore campanello di allarme rimasto inascoltato,  in quanto ben poco è stato poi fatto per prevenire le conseguenze di nuovi virus, neppure dopo quell’ultima epidemia di febbre emorragica di Ebola in Africa occidentale del 2014, con ancora uno strascico di numerosi casi fino al 2016. Si noti che, seppure ce ne fossero da tempo di sperimentali, solo da novembre 2019 esiste un vaccino per l’Ebola approvato dall’Oms, cioè ben 5 anni dopo l’ultima epidemia dovuta a quel virus.

Sempre Bill Gates aveva evidenziato come quell’epidemia di Ebola si fosse estinta principalmente grazie alle peculiarità specifiche di quel virus che rendeva le persone infette incapaci di uscire, così limitandone la diffusione, oltre al fatto che avesse interessato aree a bassa densità di popolazione. Vale quindi la pena ascoltare per intero questo breve video dell’intervento di Bill Gates in qualche modo profetico seppure  come già ho evidenziato, tutto era abbastanza prevedibile da chiunque si fosse fermato a pensare e conoscesse la Storia.

Gli strumenti tecnologici ci sono per creare un buon sistema di reazione (e.g. smartphone per localizzare e contattare le persone, mappe satellitari per conoscerne posizione e spostamenti, biotecnologie in grado di realizzare farmaci e vaccini specifici ad un patogeno): quello che manca è un coordinamento a livello globale come avviene invece da tempo in ambito militare.

Quali sono gli elementi chiave? Molte risposte, dice Bill Gates, le possiamo trovare guardando quanto si fa in ambito militare:

  • Servono sistemi sanitari efficienti anche nei paesi poveri dove, con maggior probabilità, possono originarsi nuove patologie, in modo da scoprirle per tempo prima che si possano diffondere.
  • Serve un corpo medico di riserva, tanta gente formata appositamente e con le competenze opportune, sempre pronta a partire.
  • Dobbiamo affiancare a questi medici anche forze di intervento tipiche delle forze militari,  sfruttando le loro capacità nel muoversi velocemente nella gestione della logistica e nella messa in sicurezza delle aree.
  • Dobbiamo fare simulazioni sui germi, analoghe a quelle di guerra, per scoprire per tempo dove possono esserci delle lacune.
  • Servono più ricerca e sviluppo nelle aree sia dei vaccini sia nella diagnostica (e.g. studi sui virus adeno-associati che potrebbero funzionare molto velocemente).

Il costo di tutto ciò non sarebbe probabilmente molto diverso da quanto si spende oggigiorno per armamenti e sarebbe comunque più basso rispetto al potenziale danno anche da un punto di vista meramente economico. La Banca Mondiale stima che se ci fosse un’epidemia di influenza mondiale, la ricchezza globale si ridurrebbe di 3 trillioni di dollari oltre a milioni di morti: insomma è già quasi tutto previsto, anche le perdite finanziarie globali … e magari i possibili enormi guadagni di pochi. Inoltre questi investimenti offrirebbero benefici che andrebbero al di là della semplice preparazione alle epidemie: infatti, cure primarie, ricerca e sviluppo, ridurrebbero le disuguaglianze in termini di salute globale e renderebbero il mondo più giusto e più sicuro.

Tutte parole ragionevoli rimaste inascoltate …

«Quando ero un ragazzo, il disastro di cui ci preoccupavamo era la guerra nucleare. Oggi la più grande catastrofe possibile non è più quella. Se qualcosa ucciderà 10 milioni di persone nelle prossime decadi, è più probabile che sia un virus molto contagioso e non una guerra. Non missili ma microbi». Queste le parole pronunciate da Bill Gates, durante quella conferenza.

Dunque sul tema della pandemia, Bill Gates stava lavorando da molto tempo, più di 5 anni fa. Ma lascia ancora più interdetti che il 18 ottobre 2019 fosse stata fatta addirittura una simulazione di pandemia ospitata dal Johns Hopkins Center for Health Security in partnership con il World Economic Forum ed il Bill and Melinda Gates Foundation: «Event 201 simula un’epidemia di un nuovo coronavirus zoonotico trasmesso dai pipistrelli ai maiali e quindi alle persone, che alla fine diventa efficacemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia. L’agente patogeno e la malattia che provoca sono modellati in gran parte sulla SARS, ma è più trasmissibile nel contesto comunitario da persone con sintomi lievi». Quell’evento mirava ad illustrare le aree in cui saranno necessarie partnership pubblico/privato per rendere efficiente la risposta a una grave pandemia e ridurre le conseguenze economiche e sociali su larga scala. Il 31 dicembre la Cina avrebbe informato l’Organizzazione Mondiale della Sanità di una serie di casi di una malattia simile alla polmonite, la cui causa era però sconosciuta, ed a breve si sarebbe poi individuato il focolaio di Wuhan.
Anche un servizio sempre del programma Leonardo del TG3 ha parlato di questa “sorta di grande gioco di ruolo per vedere come il mondo avrebbe reagito ad una eventuale pandemia reale, con tanto di discussione, notiziari pre-registrati e riunioni di gruppo. Figure della politica, dell’industria ed autorità sanitarie internazionali a confronto per capire quali modelli di cooperazione avrebbero potuto salvarci dalle conseguenze catastrofiche economiche, sanitarie e sociali di una pandemia. Lo scenario immaginato? Una pandemia originata proprio da un coronavirus, nella simulazione passato dai pipistrelli ai maiali in Brasile e responsabile di una pesante sindrome respiratoria nei casi più gravi. Un virus capace di passare da uomo a uomo, capace di diffondersi grazie a soggetti quasi asintomatici altamente contagiosi. 65 milioni di morti in 18 mesi, quelli immaginati in questo grande esercizio. I punti di contatto tra simulazione e realtà oggi appaiono impressionati. – Sapevamo già prima del Covid-19 che il mondo era impreparato. … Le epidemie sono eventi sempre più ricorrenti e che una di queste si trasformi in una pandemia è solo questione di tempo. … Quando la simulazione è finita abbiamo saputo che per davvero essere pronti avremmo dovuto davvero mettere in campo una integrazione tra pubblico e privato mai vista prima. La simulazione di New York aveva evidenziato che ci sarebbero serviti investimenti nella sanità, politica a sostegno della ricerca per favorire la realizzazione di vaccini e farmaci, campagne di informazione contro la disinformazione Sfide chiare, improrogabili”.

Qui ora non c’è bisogno di quei singoli eroi dei blasonati  film catastrofici e neppure di generali dalle brillanti strategie. Ora occorrono dottori e sale di rianimazione attrezzate per accogliere gente infetta. Ma ci sono ancora Paesi (e.g. Germania, Regno Unito) che, per gestire l’epidemia, non contrastano neppure il contagio (molto probabilmente  temendo le pesanti ricadute economiche) ma puntano esclusivamente sulla cura dei malati: se poi qualche anziano o persona con anche altre patologie resta fuori per mancanza di posti, si tratterà di una selezione naturale … che magari può, tra l’altro, migliorare lo stato precario della spesa sanitaria!

P.S. 21/4/2020 – Sembra che sia Boris sia Trump abbiano cambiato idea … 🙄

Un “semplice” virus può quindi portare catastrofi ben peggiori di quella dell’abbattimento delle torri gemelle, seppur agisca senza far rumore, fumo e procurare macerie. Una guerra (voluta o meno) ancora più subdola, che può agevolmente mettere in ginocchio l’economia di un Paese o addirittura di un sistema finanziario, ben più di un crack di una banca o di qualche multinazionale, ma che può d’altra parte far guadagnare fondi di investimento che speculino opportunamente sui ribassi delle Borse o sappiano prevedere per tempo i fenomeni indotti. Può valer la pena vedere anche questo video che lancia una ipotesi di complotto che, anche se non veritiera, è perlomeno plausibile, ieri, oggi o nel  futuro. Vengono evidenziate diverse strane coincidenze, quali sia la 7ma edizione dei giochi mondiali militari a Wuhan iniziata il 18/10/2019, circa 15 giorni prima dei primi casi di coronavirus (che ha un’analogo tempo di incubazione!) in quella cittadina, sia la scommessa di 1,5 billioni di dollari su un crollo generalizzato delle maggiori Borse entro il marzo di quest’anno, da parte della Bridgewater, il più grande fondo di investimento mondiale che maneggia un capitale complessivo di circa 150 miliardi di dollari … e questo il 22/11/2019, cioè un mese dopo i giochi di Wuhan! Davvero almeno strane coincidenze su cui i maggiori media non parlano neppure come ipotesi, limitandosi a colpevolizzare unicamente i pipistrelli quale fonte iniziale del contagio. Si badi bene che nell’inchiesta non si parla di americani come popolo, bensì di forti forze finanziarie capaci da tempo di pilotare abilmente addirittura delle “libere” elezioni di quel popolo e di altri, figuriamoci il resto! Lo so, lo so  … anche per il disastro dell’11 settembre c’era chi aveva gridato al complotto ed era uscito anche un film-inchiesta in cui si evidenziavano le diverse incongruenze tra dichiarazioni ufficiali e realtà riprese da filmati o da dichiarazioni di persone che avevano vissuto quella tragedia. Avevano aderito all’inchiesta diversi interlocutori di rilievo, tecnici ed anche non (e.g. Dario Fo), che avevano provato a “pensare un po’ diverso”. Complotto o meno, sicuramente quando ci sono eventi catastrofici, spesso accade che le fonti di informazione primarie siano sapientemente filtrate e perciò non tutto quello che viene diffuso ufficialmente dalle testate di informazione (TV in primis) è necessariamente oro colato! La tragedia di Ustica ne è un valido esempio e di questo uno deve esserne consapevole. Se ciò venga fatto a “fin di bene”, ad esempio per non creare panico, per indurre comportamenti collettivi consoni e non creare pericolosi conflitti diplomatici internazionali, oppure per altri motivi meno nobili, non sta me dirlo e nemmeno ipotizzarlo. Ma è comunque bene che ci sia anche del giornalismo alternativo (che poi secondo me ė il giornalismo vero), cioè quello che indaga, che cerca relazioni ed ipotesi magari azzardate, ma non per questo a priori necessariamente false, del giornalismo che non si limita solo a riferire i fatti così come le autorità raccontano. Come ogni buon film poliziesco  insegna, cercare chi potrebbe trarre vantaggio da una situazione, catastrofe o omicidio che sia, è sicuramente un buon punto di partenza per cercare il colpevole ed il mandante, sempre che ne esista uno!

Articolo del Wall Street Journal del 22/11/2019 citato nel vidro precedente. Il maggior fondo internazionale Bridgewater scommette 1,5 billioni di dollari sul crollo generalizzato delle maggiori Borse entro il marzo 2020

Inoltre un semplice virus può anche cambiare le abitudini di un popolo ancor più di quanto si sia visto accadere dopo l’abbattimento delle torri gemelle. Girare per le strade in questi giorni o anche solo affacciarsi dal balcone su di un corso abitualmente trafficato, fa una certa impressione, così come incrociare una qualsiasi persona che prontamente ti scansa come potenziale portatore di morte! Forse anche questo può tornare comodo a qualcuno. Interessante analizzare a tale proposito quelle che Noam Chomsky ha definito le 10 regole per il controllo sociale (se non hai tempo di vedere il video, puoi dare una rapida scorsa a quel testo, che trovi in fondo al post):

Ora che il problema virus ci tocca da vicino e non interessa solo più un qualche Paese del terzo mondo, il mondo Occidentale e la sua classe dirigente sembra accorgersi che un’epidemia si può diffondere rapidamente anche in luoghi ben lontani dalla sua origine, seppur questo già avvenisse secoli fa nonostante gli spostamenti fossero molto limitati soprattutto tra i continenti. I sistemi sanitari si trovano impreparati e addirittura le mascherine di protezione per i medici stessi sono razionate attentamente visti gli esigui numeri a magazzino. Nei negozi poi, farmacie e ferramenta inclusi, ormai sono da tempo le mascherine di ogni tipologia sono terminate ed i tempi di approvvigionamento non sono brevi essendo, per ora, solo di importazione (spesso asiatica). Tutorial su come costruirsene una artigianalmente si sprecano in Rete, ma forse anche qui è bene lasciare il link ai molteplici video presenti su Youtube ed in particolare questo.

Non solo la politica sembra oggi impreparata, ma anche la popolazione stessa, così presa negli anni a seguire telenovele o dibattiti sul sesso degli angeli. Vedere (e sentire) ora flash mob ad hoc (tra l’altro con adesioni notevoli e ben al di sopra di quelli recenti su tematiche ambientali o di opposizione al malcostume) devo dire che mi fa sia sorridere sia un po’ compassione. Mi sembra tristemente un’autoterapia di un popolo impreparato alle avversità ed incapace a saper vivere un periodo, seppur ridotto, di segregazione e magari di relativa solitudine. … e come spesso avviene, lo spirito Nazionalistico si riscopre grazie alla paura ... o ad una partita della Nazionale!

Flashmob Italia Patria Nostra del 15 marzo 2019

P.S. Sabato 21/4/2020 siamo poi arrivati alla parodia: in un Mercatò Local viene fatta scorrere la solita musica di sottofondo facendo sentire, ad intervalli regolari, l’Inno di Mameli, sapientemente interrotto sul verso ‘Siam pronti alla morte l’Italia chiamò‘. Disgustevole siparietto patriottico che si aggiunge alla tanta e troppa retorica di questi giorni affollati (non certo di persone, bensì di eventi spiacevoli).

Riporto infine alcune delle considerazioni che ho trovato nell’articolo Runner, untori e il bisogno di odiare chi esce da casa, che condivido ed invito a leggere per intero. “Tra le bacheche dei miei amici, il ‘restare a casa’ è più di un obbligo dovuto a una misura governativa. È un discrimine morale. Fa la differenza tra la vita e la morte. E se esci diventi un assassino. In automatico. C’è quindi  chi denigra chi esce per correre, anche con insulti e tanto di delazioni con fotografie pubblicate su Facebook, per consegnare alla gogna pubblica il colpevole di turno. … Uscire all’aperto per fare attività fisica (da soli e mantenendo le distanze di sicurezza) è qualcosa che i decreti attualmente in vigore permettono: ancora in troppi non si rendono conto della differenza tra poter usufruire di una libertà e abusarne. … Atteniamoci dunque sempre alle disposizioni in vigore – con le eventuali ed ulteriori restrizioni del caso – e cerchiamo di non essere noi stessi, in buona sostanza, il veicolo di un altro tipo di virus: quello dell’odio. Di chi ha bisogno di un capro espiatorio che prima era il migrante che viene a mettere a repentaglio la nostra civiltà, poi è il cinese che viene a contagiarci e adesso è chiunque esca di casa, atto fisico che sarebbe sufficiente ad uccidere chicchessia e a vanificare il lavoro del personale delle professioni sanitarie. Il virus non è un uccello che vola via dal nostro corpo nel momento in cui lasciamo le nostre dimore per aggredire persone tanto ignare quanto più meritevoli, per il solo fatto di rimanere chiuse nei propri appartamenti.”

Inoltre quell’articolo, fa un abile e prezioso parallelismo con quanto scritto nei Promessi Sposi relativamente alla peste di Milano, in quanto ciò che Manzoni descrive di quel contagio è analogo a molte cose che stiamo vedendo e perciò ci possono risuonare familiari … e anche tutto questo ci deve far pensare e riflettere:

  • Il carro con, in bella vista, i cadaveri delle persone colpite dalla peste, quale misura che si rese necessaria per far capire al popolo ancora titubante che il contagio di peste c’era davvero (XXXI capitolo): «I cadaveri di quella famiglia furono, d’ordine della Sanità, condotti al cimitero suddetto, sur un carro, ignudi, affinché la folla potesse vedere in essi il marchio manifesto della pestilenza. Un grido di ribrezzo, di terrore, s’alzava per tutto dove passava il carro; un lungo mormorìo regnava dove era passato; un altro mormorìo lo precorreva». E nell’articolo si azzarda: “Non voglio ovviamente sostenere che i mezzi militari siano stati consegnati alla visione del pubblico per generare un effetto simile a quello descritto dallo scrittore lombardo … ma l’eco della paura che queste immagini si lasciano dietro, con il mormorio che precede e segue, è di natura analoga“.
  • All’inizio pochi casi, qua e là, nel territorio ed alle voci lontane di ciò che avveniva altrove, il popolo ha prima minimizzato, sottovalutando le prime avvisaglie d’allarme: «Ma […] ciò che fa nascere un’altra e più forte maraviglia, è la condotta della popolazione medesima, di quella, voglio dire, che, non tocca ancora dal contagio, aveva tanta ragion di temerlo. […] sulle piazze, nelle botteghe, nelle case, chi buttasse là una parola del pericolo, chi motivasse peste, veniva accolto con beffe incredule, con disprezzo iracondo».
  •  La necessità di trovare un paziente zero: «Il Tadino e il Ripamonti vollero notare il nome di chi ce la portò il primo, e altre circostanze della persona e del caso» possiamo leggere. L’autore ricorda che «nasce una non so quale curiosità di conoscere que’ primi e pochi nomi che poterono essere notati e conservati».
  • Trovare una categoria sulla quale far ricadere la colpa di quanto avvenuto, non appena ci si convince che il problema è reale. Ne I promessi sposi questa categoria era quella dell’untore e contro di essi si scatenò spesso l’ira popolare e si dette anche corso a persecuzioni giudiziarie. Nel XXXII si legge infatti; «Gli animi, sempre più amareggiati dalla presenza de’ mali e irritati dall’insistenza del pericolo, abbracciavano più volentieri quella credenza: ché la collera aspira a punire: […] le piace più d’attribuire i mali a una perversità umana, contro cui possa far le sue vendette, che di riconoscerli da una causa, con la quale non ci sia altro da fare che rassegnarsi». E quindi: «Con una tal persuasione che ci fossero untori, se ne doveva scoprire, quasi infallibilmente: tutti gli occhi stavano all’erta». Gli untori nell’Italia di oggi non sono piu le persone che impiastrano i muri con sostanze appiccicose e unte bensì quanti decidono di uscire di casa per correre magari in un parco, pur rispettando tutte le dovute indicazioni di distanza tra le persone o che si siedono da sole su una panchina. Quindi ora ci sono persone affacciate ai balconi che osservano attente per scoprire chi  secondo loro, “infrange la legge”, con tanto di delazioni e fotografie e pubblicate su Facebook, per consegnare alla gogna pubblica il colpevole di turno.

Per intanto, questa sera ho rivisto con mia figlia (sotto suo suggerimento) il Diario di Anna Frank, datato bel film in bianco e nero che mostra come per mesi, otto persone siano riuscite a vivere in pochi metri di una soffitta, senza poter far rumore (quindi senza muoversi e parlare) per tutta la giornata lavorativa (8÷18), senza potersi affacciare neppure ad una finestra o avere una qualche forma di svago, quale la TV o lo smartphone dei tempi nostri. In quelle ore si leggeva, si pensava, si collaborava seppur con qualche difficoltà ed incomprensione. Insomma, quella raccontata da Anna Frank è una grande lezione di vera umanità e capacità di adattamento (anche con un buon utilizzo del tempo nonostante le notevoli limitazioni)  … che ben si differenzia dai plateali schiamazzi di alcuni flashmob dei giorni nostri! Anche la paura (di essere scoperti, deportati e probabilmente morire in un capo di concentramento) si percepisce limitata da una forza interiore ben maggiore di quella che ho constatato in conoscenti che ho ultimamente sentito telefonicamente, letteralmente terrorizzati ed impietriti da un virus che attualmente sta mietendo vittime in una percentuale veramente minima della popolazione. Insomma altra storia, altri tempi.

Per intanto almeno un lato positivo della attuale situazione si può dedurre dalle analisi delle immagini da satellite effettuate dall’ESA. 🙄

Coronavirus: l’ESA mostra la drastica riduzione dell’inquinamento in Italia

Può anche essere interessante sentire questo commento rispetto alle scelte attuali del Regno Unito:

P.S. 21/04/2030

Sembra che anche le scelte di Regno Unito e USA siano cambiate oggi e si sia deciso di optare per la scelta di Cina ed Italia. La politica degli sbruffoni è durata poco ..

Puoi seguire l’evolversi dell’epidemia Stato per Stato in tempo reale con il servizio fornito da Microsoft tramite il suo motore di ricerca: https://www.bing.com/covid. Per saperne di più visita il mio post apposito.

 

________________

ANNESSO – Le dieci regole per il controllo sociale, Noam Chomsky

1 – La strategia della distrazione. L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti (forvianti )
La strategia della distrazione è anche indispensabile per evitare l’interesse del pubblico verso le conoscenze essenziali nel campo della scienza, dell’economia, della psicologia, della neurobiologia e della cibernetica. “Sviare l’attenzione del pubblico dai veri problemi sociali, tenerla imprigionata da temi senza vera importanza. Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).

2 – Creare il problema e poi offrire la soluzione. Questo metodo è anche chiamato “problema – reazione – soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” che produrrà una determinata reazione nel pubblico in modo che sia questa la ragione delle misure che si desiderano far accettare. Ad esempio: lasciare che dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, oppure organizzare attentati sanguinosi per fare in modo che sia il pubblico a pretendere le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito delle libertà. Oppure: creare una crisi economica per far accettare come male necessario la diminuzione dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3 – La strategia della gradualità. Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, col contagocce, per un po’ di anni consecutivi. Questo è il modo in cui condizioni socioeconomiche radicalmente nuove (neoliberismo) furono imposte negli anni ‘80 e ‘90: uno Stato al minimo, privatizzazioni, precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, salari che non garantivano più redditi dignitosi, tanti cambiamenti che avrebbero provocato una rivoluzione se fossero stati applicati in una sola volta.

4 – La strategia del differire. Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria” guadagnando in quel momento il consenso della gente per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro di quello immediato. Per prima cosa, perché lo sforzo non deve essere fatto immediatamente. Secondo, perché la gente, la massa, ha sempre la tendenza a sperare ingenuamente che “tutto andrà meglio domani” e che il sacrificio richiesto potrebbe essere evitato. In questo modo si dà più tempo alla gente di abituarsi all’idea del cambiamento e di accettarlo con rassegnazione quando arriverà il momento.

5 – Rivolgersi alla gente come a dei bambini. La maggior parte della pubblicità diretta al grande pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, spesso con voce flebile, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente. Quanto più si cerca di ingannare lo spettatore, tanto più si tende ad usare un tono infantile. Perché? “Se qualcuno si rivolge ad una persona come se questa avesse 12 anni o meno, allora, a causa della suggestionabilità, questa probabilmente tenderà ad una risposta o ad una reazione priva di senso critico come quella di una persona di 12 anni o meno (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

6 – Usare l’aspetto emozionale molto più della riflessione. Sfruttare l’emotività è una tecnica classica per provocare un corto circuito dell’analisi razionale e, infine, del senso critico dell’individuo. Inoltre, l’uso del tono emotivo permette di aprire la porta verso l’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o per indurre comportamenti…

7 – Mantenere la gente nell’ignoranza e nella mediocrità. Far si che la gente sia incapace di comprendere le tecniche ed i metodi usati per il suo controllo e la sua schiavitù. “La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza creata dall’ignoranza tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare da parte delle inferiori” (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

8 – Stimolare il pubblico ad essere favorevole alla mediocrità. Spingere il pubblico a ritenere che sia di moda essere stupidi, volgari e ignoranti…

9 – Rafforzare il senso di colpa. Far credere all’individuo di essere esclusivamente lui il responsabile della proprie disgrazie a causa di insufficiente intelligenza, capacità o sforzo. In tal modo, anziché ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta e si sente in colpa, cosa che crea a sua volta uno stato di repressione di cui uno degli effetti è l’inibizione ad agire. E senza azione non c’è rivoluzione!

10 – Conoscere la gente meglio di quanto essa si conosca. Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élites dominanti. Grazie alla biologia, alla neurobiologia e alla psicologia applicata, il “sistema” ha potuto fruire di una conoscenza avanzata dell’essere umano, sia fisicamente che psichicamente. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su se stessa.

Noam Chomsky

Coloro che necessitano del nuovo PDF relativo all’autocertificazione, possono scaricarla cliccando su questo link

___________

Possono interessarti anche i post seguenti:

 

Pubblicato in Pensieri&Parole, Torino e dintorni | Contrassegnato | 3 commenti

Trincerone: sacrificati centinaia di alberi per nulla! Come era prevedibile, solo dopo pochi mesi la presenza di rifiuti è tornata quasi al livello preesistente

A distanza di poco più di 6 mesi da quando si era fatta pulizia (luglio 2019), la presenza di rifiuti è tornata quasi al medesimo livello preesistente, come d’altra parte era facile immaginare, non essendo stata fatta alcuna seria attività di prevenzione (vedi post) che non fosse la sola collocazione di ridicoli cartelli.
Alcuni di questi ultimi sono già stati addirittura divelti da tempo e si trovano ora in fondo al fossato:

Anche semplicemente guardando quelli reduci, chiaramente se ne deduce quale sia stata la loro utilità, come era prevedibile d’altra parte:

Anche l’utilità (e la bellezza!) dei pannelli arancioni collocati ipoteticamente ad impedire l’accesso sotto i ponti, risulta evidente agli occhi di chi li osserva con un minimo di spirito critico. Parzialmente abbattuti molto agevolmente dopo poco tempo, rimangono ora solo ad imbruttire un paesaggio già di per sé reso orribile dall’opera di distruzione. Anche questo era ampiamente prevedibile essendo stati creati addirittura dei varchi di accesso nei muri precedentemente collocati, per il medesimo scopo, ai lati dei ponti: questi muri, anziché essere riparati, erano stati invece completamente abbattuti per far passare le ruspe lungo tutto il Trincerone per il lavoro di “pulizia”.

Le seguenti foto penso mostrino esaurientemente, anche per chi non è della zona o per chi non ha occhi per osservare, come anche solo in pochi mesi la situazione rifiuti stia tornando analoga a prima, con non solo per la presenza di sacchi d’immondizia, plastica e bottiglie, ma anche di oggetti ingombranti quali gomme d’auto, seggiolini, bici, materassi, mobili … e addirittura un carrello metallico di un supermercato!

Insomma, nemmeno l’abbattimento immotivato di centinaia di alberi decennali è servito per vedere finalmente ripulita dalle immondizie umane questa zona!
Per quanto riguarda poi la presunta costruzione della seconda linea Metro, sono apparse solo dichiarazioni propagandistiche, senza date e certezze, ed articoli altrettanto fumosi e di dubbio valore giornalistico.

Dove sono ora quei giornalisti che avevano osannato, con articoli populistici, la distruzione di un bosco urbano senza un valido motivo e dato come certo ed imminente l’inizio dei lavori per la costruzione della seconda linea della Metro?

Esempio di articolo che inneggiava a quell’opera di distruzione (“Dopo decenni si ripulisce il Trincerone: arrivano le ruspe: via ai lavori nell’ex ferrovia abbandonata dove passerà la nuova linea della metropolitana“, sito de La Stampa, 20/12/2018)

Dove sono ora quei politici e rappresentanti della Circoscrizione che avevano esaltato quell’opera? C’è addirittura un video di cattivo gusto, in cui l’intervista viene effettuata con, sullo sfondo, le immagini dello sradicamento di alberi decennali da parte di una ruspa: una carrellata mostra poi la lunga fila degli alberi già abbattuti, quasi fosse un trofeo!! Raccapricciante …

Troppe volte è stata confusa un’operazione di dovuta pulizia con l’abbattimento immotivato di alberi …

Come fosse un trofeo, il video fa una panoramica delle decine di alberi già abbattuti dalla ruspa

Cosa dire delle dichiarazioni rilasciate delle istituzioni che non facevano nemmenoe un minimo cenno all’altra faccia della medaglia, cioè alla distruzione di un bosco urbano, immotivata e perlomeno anzitempo?
Nel seguito il video in cui Carlotta Salerno, la presidente della Circoscrizione 6, aveva definito “sicuramente positiva” quella operazione così come veniva compiuta, con riferimenti propagandistici sulla realizzazione della seconda linea della Metro. Proprio in quello stesso video veniva mostrato alle sue spalle lo sradicamento di alberi, non certo quindi un’opera di “vera” pulizia dalla immondizia che sarebbe invece poi stata effettuata ben 7 mesi dopo, cioè con un inspiegabile ritardo. Insomma, interviste con domande precostruite e con il solo fine propagandistico.
Penso quindi valga proprio la pena vedere questa intervista a distanza di poco più di un anno!!

Invece le domande importanti che viene naturale porsi non sono state fatte e continuano a non trovare una risposta certa: assumono tuttavia sempre maggior valore almeno alcune delle supposizioni da me lanciate fin dal mio primo post sul Trincerone.
Sarebbe quindi forse l’ora che qualche Giornalista con la ‘G‘ maiuscola, indagasse realmente a fondo e svelasse in un suo articolo i mattoncini mancati di questo puzzle che già a prima vista appare dagli oscuri risvolti.
Eventi di poche settimane fa mi fanno ben sperare … 😉

 

Anche la situazione del piccolo marciapiede, presenti su ambo i lati del fossato, non è minimamente cambiata: selciato molto sconnesso e sporco, rovi che sporgono oltre il guard rail che impediscono il passaggio …
… insomma inagibile per chiunque, pedoni o bici che siano!

Invece gli alberi decennali abbattuti indiscriminatamente nel dicembre 2018 non ci sono più. Questa è davvero l’unica differenza che si può osservare anche semplicemente scorrendo nel tempo un medesimo tratto del Trincerone con Google Maps.
Nel seguito mostro, ad esempio, il medesimo tratto del Trincerone (di fronte l’ospedale G. Bosco) ripreso da Google sia a luglio 2018 sia ad aprile 2019, quando tra l’altro non erano stati ancora nemmeno rimossi i rifiuti seppur fossero trascorsi già ben 5 mesi dall’abbattimento degli alberi: infatti, si sarebbe dovuto ancora aspettare qualche mese perché l’opera di “vera” pulizia fosse finalmente realizzata!!

Desolante immagine del Trincerone nel tratto di fronte all’ospedale G. Bosco nell’aprile 2019 (finestra principale) e quella edificante del luglio 2018 (piccola finestra di preview,  ingrandita qui sotto)

Ovviamente il tutto merita un confronto con le riprese precedenti, ad esempio con questa di luglio 2018 (vedi il post Come vedere le modifiche avvenute in un territorio negli anni e nelle diverse stagioni, grazie a Street View):

Immagine del Trincerone, nel medesimo tratto di fronte all’ospedale G. Bosco, nel luglio 2018 

________________________

In queste ultime settimane di prematura primavera, dove si dovrebbero vedere già i germogli delle poche piante sopravvissute, risulta ancora più evidente come l’atto di vandalismo compiuto non si sia interessato minimamente di preservare le piante sane, seppur cresciute naturalmente, ma si sia limitato a “salvare” solo quelle pochissime piantate decenni fa ai bordi della strada e decimate negli anni da una mancanza di manutenzione. Che fossero secche da anni, parzialmente sradicate o con tronchi rotti e necessitassero per lo meno di una radicale potatura, questo andava al di là della finalità dell’opera che era unicamente di sola distruzione!
Come avevo già  avuto modo di evidenziare in un post precedente, quelli mostrati nelle immagini seguenti sono alcuni dei pochissimi “alberi” sopravvissuti esclusivamente per il fatto che fossero stati piantati decenni fa e non fossero nati naturalmente. Si tratta di fotografie della scorsa primavera, ma ancora oggi attuali:

La Natura è stata quindi sconfitta del tutto? Sembra per fortuna proprio di no. Diversi nuovi ramoscelli spuntano da alcuni dei grossi tronchi seppur fossero stati segati alla base, lasciando ben sperare che qualche ramo verde possa rivedersi a breve e riesca ad ospitare nuovamente qualcuno degli uccelli che un tempo popolavano abitualmente il Trincerone.
Mi viene naturale chiedermi se, di questo pur piccolo segnale di rinascita, se ne siano accorte le associazioni naturalistiche, a suo tempo da me contattate inutilmente. Tutte avevano taciuto o addirittura giustificato l’opera di distruzione compiuta (vedi precedente post)!

_________________________________

Potresti essere interessato anche a questi post:

 

 

Pubblicato in Fotografie, Giustizia, burocrazia e malcostume, Pensieri&Parole, Torino e dintorni | 4 commenti

Coronavirus? … forse è il caso di sdrammatizzare un po’ per contrastare il panico collettivo che si sta creando!!

È fobia collettiva.
Ormai tutti ne parlano e le prime pagine dei giornali e dei TG sono a senso unico!

Ieri in coda al supermercato quasi mi veniva da ridere notando come molti carrelli contenessero uno o più disinfettanti gelatinosi per le mani … e lo scaffale che li conteneva fosse in via di esaurimento!!
Iniziato, poi, il “solito” accaparramento di viveri, tipico in situazioni di fobia:

Da settimane, stato di allerta in molti Paesi, Istituzioni in allarme, Borse che ne risentono da un lato e dall’altro guadagni insperati per centri farmaceutici che, sfruttando la situazione, stanno ricercando un vaccino (che, comunque, anche quando si troverà, prima di andare in commercio, passeranno diversi mesi di dovuti test: … quello per il virus Ebola ci ha messo più di 5 anni per essere approvato dall’OMS, benché ce ne fossero in sperimentazione da tempo).

Centralini del 112 in tilt perché la gente telefona non per emergenze bensì per avere informazioni sul coronavirus (seppur esista il numero verde 800894545 appositamente istituito a tale scopo), con conseguenti ritardi pesanti sui soccorsi anche gravi.

Sospese tutte le ferie ed i recuperi di medici/infermieri questa settimana in molti (se non tutti) gli ospedali e richieste bloccate anche per prossima settimana: …  poi non si sa.

Pronto soccorso che vengono transennati, con blocchi all’accesso, allestiti con modalità tipiche di calamità. Ecco cosa sta succedendo proprio in queste ore all’ospedale G. Bosco proprio vicino a casa mia:

Non è tanto la gravità di questo virus rispetto ad altri, ma l’alta contagiosità che potrebbe far aumentare rapidamente anche il numero di malati con potenziali complicanze, difficilmente gestibili nei presidi sanitari: in assenza di vaccino, non essendoci cure (come per tutti i virus), l’unica precauzione possibile sembrerebbe quella di limitarne il più possibile la diffusione.
E allora?
Scuole, musei, conferenze, centri culturali, spettacoli … tutto chiuso per almeno una settimana, smart-working a casa per i dipendenti di alcune ditte.
Poi, nel caso delle palestre, siamo ora al paradosso: da un’iniziale chiusura, si è passati poi a consentire un accesso solo diretto alle aree di allenamento, già con abbigliamento ginnico e con cambio scarpe all’ingresso, per non andare negli spogliatoi/docce!!
… insomma sto virus ha proprio dei requisiti strani per diffondersi!!

Ci sono però alcune eccezioni, come gli uffici postali, i mezzi pubblici affollati (ma tanto, non essendoci gli studenti, i maggiori utilizzatori sono gli extracomunitari!), gli Uffici Immigrazione (vedi sopra), le banche (sì, ma si sa, quelle non sono mai pericolose!!) …

Poi ci sono ancora persone che, non sapendo come impiegare meglio il loro tempo, diffondono anche fake news su social e sistemi di messaggistica, tanto per aumentare il panico collettivo:

Esempio di Fake news su WhatsApp (1)

Per fortuna, chi lo fa corre il pericolo di essere denunciato per procurato allarme:

Esempio di Fake news su WhatsApp (2)

Come sempre, prima di considerare una notizia vera, soprattutto se proviene da social e sistemi di messaggistica , è necessario attivare il cervello e verificare (e.g. con una ricerca su Internet) se altre fonti più attendibili la confermano. Questo discorso vale comunque anche per giornali e TV:  purtroppo, come spesso avviene, anche tra i politici c’è chi soffia sul fuoco, appoggiato da giornali di parte senza scrupoli.

Quindi il dubbio è sempre d’obbligo soprattutto prima di eventualmente diffondere, a tua volta, una notizia potenzialmente falsa!

Diversi settori dell’economia del Paese sono allo stallo e non parlo solo di turismo, di attività culturali/spettacoli e di insegnamento ma anche di qualsiasi attività che comporti riunioni tra persone: le ripercussioni sociali balzano agli occhi ed i mercati ne subiscono le conseguenze, amplificati dal clima di terrore che si è venuto a creare.

Insomma, pensare che un essere microscopico crei così caos non può che fare almeno sorridere … se uno ha ancora un po’ di humor inglese!! 🤔

Sui sistemi di messaggistica tipo WhatsApp, arrivano messaggi del tipo seguente, con invito a diffonderli:

REGIONE PIEMONTE: CORONAVIRUS
– predisposto servizio per fare il tampone faringeo a domicilio
– non andare in pronto soccorso
– se hai sintomi sospetti o il timore di avere avuto contatti a rischio chiama il numero 1500 o il 118 o il tuo medico di base. Le ambulanze arriveranno in tempi molto rapidi per eseguire il tampone a domicilio.

Evitate tutti i luoghi affollati e dove si sta per forza vicini (tipo discoteche, cinema, ospedali, negozi pieni, autobus pieni, etc), lavate spessissimo le mani e usate quei detergenti alcolicio tipo amuchina quando entrate in casa e magari da tenere anche in borsa.
Lontano da chi sternutisce o tossisce e poi lavate le mani di nuovo.

Inoltre è stato diffuso un Decadale dall’Istituto Superiore di Sanità che, in verità, dice ben poco se non smitizzare ovvie, benché possibili, false credenze (e.g. I prodotti Made in China o i pacchi provenienti dalla China non sono pericolosi; Gli animali da compagnia non diffondono il coronavirus)!!

________________

Personalmente penso che questo panico collettivo sia immotivato e forse addirittura un po’ pilotato, magari per distogliere l’attenzione collettiva sui ben più pericolosi problemi che attanagliano la Nazione, l’Umanità ed il mondo intero. Perché continuare a parlare di disoccupazione e crisi economica, dell’inquinamento, dei cambiamenti climatici, delle guerre, delle stragi di uomini o animali  … quando c’è un virus che ha “già” fatto un po’ meno di 2500 morti e 78000 contagi in tutto il mondo? Tanto per fare un paragone,  l’epidemia di influenza spagnola nel 1918 ha ucciso circa 50 milioni di persone.

Domandiamoci innanzitutto, quante persone (soprattutto anziane) annualmente sono morte gli scorsi anni per complicanze dovute ad un’influenza (cioè ai virus influenzali degli scorsi anni).

Poi, basta cercare un qualsiasi articolo sulle epidemie nel mondo per comprendere che il coronavirus non è il primo in classifica (vedi anche l’articolo I virus più pericolosi e letali del mondo). Il fatto è che in Occidente si muore sempre meno per le patologie trasmissibili, ma nel resto del mondo la morte viaggia nell’acqua, nell’aria e nei fluidi corporei. Però tutte le volte che una malattia potrebbe colpire proprio noi … panico!! Solo più quel pensiero, quella paura in testa! Al diavolo tutto il resto, i problemi e le ingiustizie sociali, gli sporchi giochi per giungere al potere, i crimini contro l’Umanità, i sacrilegi nei confronti della Natura …

I cinesi poi? Chiudere i porti, bloccare le merci, evitare i locali di ristorazione o di vendita da loro gestiti … come se tutto questo potesse essere una soluzione a tutti i problemi!!

Ecco una foto del mercato di Porta Palazzo questa mattina (ore 11:00 circa), dove almeno una metà dei banchi non erano presenti e pochi erano gli acquirenti:

Insomma, il coronavirus è UN problema, non IL problema.

Giustissimo, quindi, adottare le opportune precauzioni (e.g. lavarsi bene le mani, coprirsi per tossire o sternutire, mantenere le dovute distanze), corretta è pure una razionale paura, ma assolutamente da evitare il terrore bloccante che si è venuto a creare in buon parte della popolazione!!

Tra l’altro il 29 marzo 2020 dovremmo (il condizionale è d’obbligo dal momento che un rinvio direi è assai auspicabile e probabile) essere chiamati alle urne per il referendum confermativo per il taglio dei parlamentari, dagli attuali 945 a 600 in totale, di cui 200 senatori (da 315) e 400 deputati (da 630): anche a causa del continuo martellamento sul coronavirus, di questa consultazione popolare si è parlato davvero poco sui media … almeno fino ad oggi. Si noti che tale referendum non avrà quorum, perché non si tratta di un voto abrogativo. Come secondo me giustamente scrive La Stampa, sarà difficile in queste quattro settimane che i cittadini si appassionino ad un tema che sarebbe degno di grande attenzione per tutti i riflessi che comporta. E quindi il rischio è che il 29 marzo … vinca l’avversario più temibile della democrazia, l’Astensione.

Per saperne di più sul coronavirus, vale la pena leggere questi articoli tra i tanti:

______________________

Perciò la cosa più logica è invece quella di riderci un po’ sù, anziché avere crisi di panico!!! Quindi forse sono più opportuni messaggi come i seguenti, che mi sono giunti sempre tramite WhatsApp, in quanto (secondo me) giustamente sdrammatizzano, riportando il problema sui giusti e ragionevoli binari:

Raccomandazioni del Ministero della Salute riguardo alle misure da adottare per prevenire il contagio da Coronavirus:
“Per diffondere la paura del contagio del virus CINESE, il Programma di Assistenza Nazionale per l’immunità basata su Credenze e Oroscopi ( P. A.N. I.C.O.) ha diramato le sue linee guida:

– In casa, è sconsigliato soffermarsi troppo in cu-Cina
– È considerato ad alto rischio prepararsi una fettuc-Cina.
– Tenetevi a distanza da ogni persona che usa la sinistra: potrebbe essere man-Cina.
– Aspettate 40 giorni prima di risalire in una macchina, ritirata da un’offi-Cina.
– Per profilassi, sono stati sottoposti a visite accurate gli abitanti della località di mare Terra-Cina.
– Evitate i contatti diretti con la vostra Vi-Cina
– Controllate che in quello che bevete non ci sia neanche una bolli-Cina
– Particolare attenzione a quelli che col loro contagio potrebbero fare una carnefi-Cina
– Non formate mai gruppi numerosi, fate soprattutto attenzione che il numero delle persone non raggiunga mai la de-Cina.

ATTENZIONE:
se nonostante questa precauzioni doveste contrarre il morbo, non fate l’errore di prendere una medi-Cina! Anche i palermitani abbandonano l’uso millenario di chiamarla aran-Cina e si sono convertiti all’arancino.

_____________

Oppure si può anche seguire il seguente consiglio non medico, ma che potrebbe comunque risultare efficace:

 

__________________

… e più chi ne ha, più ne mette!!! 🙃


Cicli e ricicli storici …
Epidemia influenzale del 1970 in Italia: un italiano su 4 a letto, più di 5000 morti.
Nata ad Hong Kong, ci aveva messo 18 mesi prima di giungere in Italia ma comunque ci aveva trovati impreparati. Eppure, già allora, incominciavano ad esserci i primi vaccini influenzali in alcune parti del mondo …
Comunque nel mondo quell’influenza, detta “spaziale” (in quegli anni andavano di moda le missioni spaziali …) causò tra i 750.000 ed i 2 milioni di morti!

___________________

Hanno fatto anche un sito utilissimo per capire tutti i casi in cui si può uscire oppure no.
È sempre aggiornato con gli ultimi decreti.
Ve lo passo: www.sipuouscire.it

___________________

Chiusi in casa si impazzisce? 🤯
Non è assolutamente vero!! 😜🤪🥳

Ne parlavo col frigo … ma è un tipo freddo, di poche parole! 🥶😔

L’unico che chiacchiera è il forno … ma si scalda subito e finiamo col litigare! 😡 😬

Adesso provo con l’aspirapolvere … ma mi sa che se la tira troppo! 🙄🤨

E se parlo col cesso mi manda a cagare! 😳🥴🥺

(da un post che mi è arrivato da un amico via Whatsapp)

___________

Si può poi anche leggere la seguente poesia che l’amico Danilo Torrito ha dedicato al virus più famoso del momento, scritta già il 31/1/2020, con quella simpatica ironia che spesso lo contraddistingue: … sto coronavirus sta diventando una musa ispiratrice non solo per i giornalisti ma anche per i poeti!!! Vedi questo altro post al riguardo! 😉

___________

E per finire, ritorniamo ai discorsi seri:

___________

Possono interessarti anche i post seguenti:

Pubblicato in Giustizia, burocrazia e malcostume, Pensieri&Parole | 10 commenti

Come verificare che nel sito dell’INPS ci sia la domanda dell’assegno di esodo art. 4 legge 92/2012 finalizzato a pensione anticipata

Purtroppo, nonostante le dovute pratiche siano state consegnate dai sindacati presso l’Inps anche da più di 3 mesi, può succedere che molte di queste siano gestite da quell’ente con forte ritardo. Ovviamente questi ritardi non sono in nessun modo attribuibili ai sindacati che le hanno consegnato subito … e magari hanno nel tempo anche sollecitato.
Tuttavia è sempre bene monitorare personalmente lo stato delle pratiche relative alla propria pensione/isopensione e contattare, se il caso, i referenti del sindacato al quale uno si è rivolto.

Poiché una collega, che non si ritrova nel sito INPS la domanda in oggetto, nella incertezza di non averla cercata nel posto giusto mi ha chiesto se potevo esattamente mostrarle il path percorso per trovarla, o pensato bene di scrivere tale post al riguardo.
Nel seguito ho quindi riportato i passaggi passo-passo per giungere alla domanda in oggetto ovviamente se presente! Forse può tornare utile per toglier ogni dubbio a qualche altra persona e allarmare la referente sindacale solo quando è veramente il caso.

Ho utilizzato l’app dell’INPS, anziché visitare con un browser il suo portale, in quanto sicuramente risulta più agevole da utilizzare a tale scopo, soprattutto quando si utilizzano le credenziali specifiche per quell’ente (richiedibili direttamente all’INPS) – e non lo SPID: infatti, queste rimangono memorizzate nell’app ed il campionamento della pagina utile può avvenire in pochi secondi!!